Valutazione Mix e Master

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Estro80 wrote:

      Di questi tempi andare al ristorante è un po’ complicato


      Non farti sentire, anzi leggere, con tutto l'inferno che stanno passando i ristoratori per rimanere aperti... :D

      Il mio simpatico parallelismo voleva solo dire all'amico Pil che nel mondo della produzione, come nel mondo della musica in generale, collaborazione e confronto sono i primi motori della crescita.
      Un pensiero come quello quotato, ovvero parafrasandolo "è un peccato che tu ti faccia produrre da altri", va contro collaborazione e confronto, quindi contro la crescita. Della propria arte oggi, come della propria preparazione domani.
      Giampiero Ulacco
      Producer - Engineer


      Personal WebSite

      Hologram Studios

      Post was edited 1 time, last by “PAPEdROGA” ().

      PAPEdROGA wrote:

      A volte resto davvero basito

      Pape dai, era solo un incoraggiamento, il suo lavoro non era così male, a volte mi pare si scordi che qui siamo su Home Studio Italia e la questione che sembra che stiamo sempre a rubare il lavoro a qualcuno inizia un po' ad angosciarmi.
      Riguardo il confronto mi pare che siamo qui apposta.
      A tal propostito, appunto, tu come lo senti il mix?
      Siamo tutti sulla stessa Bark.

      Post was edited 1 time, last by “Pilloso” ().

      Estro80 wrote:

      al di là di tutto come lo sentì il mix?


      Non ho potuto ascoltare le versioni precedenti e non mi risultano più accessibili.
      L' ultimo mix postato, mi risulta scuro, con eccesso nella zona mediobassa. 180 sul basso, 350 sulle chitarre ritmiche, 700 sulle soliste, 250 sulle voci, cassa con poca punta, rullante che esce bene in basso ma non in alto, piatti duri nella parte media (3k), voci poco brillanti.
      Tutto ciò al netto di considerazioni estetiche su scelte di mix, tipo quanto avere dry o wet le chitarre soliste, quanto dry o wet le voci, quanto pulita o "sporca" la batteria, ecc.
      In generale quindi mi suona non particolarmente pulito, eccessivo nelle mediobasse e con deficit marcato dai 3k in su.

      Così, a naso ed a casse spente, farei tranquillamente -3dB bell sui 180 +3dB shelf da 3k. Giusto per dare un' idea del bilanciamento. Ma chiaramente farlo in mix sui singoli elementi/buss sarebbe decisamente meglio.
      Giampiero Ulacco
      Producer - Engineer


      Personal WebSite

      Hologram Studios

      Pilloso wrote:

      la questione che sembra che stiamo sempre a rubare il lavoro a qualcuno inizia un po' ad angosciarmi.


      L'accento non era posto sul far lavorare altri o meno, ma sul non premiare l'iniziativa di condivisione del progetto con terzi, cosa che a prima letta personalmente ho trovato ammirevole.
      Aver compreso i propri limiti ed aver cercato di colmarli inserendo nell'equazione una persona più competente è, per me, un approccio mentale che va applaudito e stimolato. Ma non tanto per questioni di lavoro, quanto per correttezza nella scelta di percorso per capire le proprie lacune e migliorarsi.
      Giampiero Ulacco
      Producer - Engineer


      Personal WebSite

      Hologram Studios

      PAPEdROGA wrote:

      per capire le proprie lacune e migliorarsi

      Ma ovvio che non scoraggerei mai questo tipo di confronto, però se tu sentissi le versioni precedenti ti accorgeresti che salvo un paio di problemi che segnalavo dall'inizio, non mi pare che il lavoro sia migliorato poi tanto, e intendevo che ci sarebbe arrivato anche lui se i suoi ascolti gli avessero permesso un check più accurato, così da poter risolvere da solo quelle due cose (qualche clip e un riverbero eccessivo sulla voce).
      Riguardo quest'ultimo mix non mi spiace ma ammetto che da uno studio pretenderei qualcosa di più, per tutte queste ragioni non saprei se alla fine questo confronto nello specifico sia stato tanto utile.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      1 - Chi ti dice che sia uno studio? Non mi pare sia stato detto. Si è detto "mani più esperte". Non indica a chi si sia rivolto, né il livello in senso assoluto.

      2 - Un confronto non è utile solo quando la persona, il musicista, il tecnico o lo studio, "ti stracciano". Lo può essere per mille motivi anche quando ti danno anche solo un feedback a cui tu da solo non saresti arrivato.

      3 - Ripeto che la questione, per me, è generica. Scoraggiare un confronto e spronare a fare da soli non lo trovo vantaggioso per il thread starter. Come non troverei vantaggioso l'esatto opposto. E' stata una mossa lodevole la sua, in un universo costellato di homerecorders che "la mia voce so lavorarla solo io"... personalmente l'avrei lodata e non indirettamente contrastata. Tutto qui.

      Ma ok, chiudiamola che non ha importanza.

      Edit: dB ha anticipato ed espanso il mio punto 1 prima ancora che lo inviassi. Veggente :D
      Giampiero Ulacco
      Producer - Engineer


      Personal WebSite

      Hologram Studios
      Ho il presentimento che le "mani più esperte" abbiano semplicemente fatto una visitina a casa del 3ad starter per sistemargli quelle due cose fuori posto, il sound è rimasto fondamentalmente il suo.
      Comunque un confronto utile visto che il lavoro ha fatto un ulteriore passo avanti, e con le dritte di Pape può farne ancora.
      Siamo tutti sulla stessa Bark.
      Dai 3k in su praticamente tutto. Ogni elemento risulta tendenzialmente scuro.
      Poi magari il piglio che vuoi dare al brano è tendenzialmente lo-fi e garage, allora un po' di scurezza, rozzezza e sporcizia nel mix ci sta. Ma così è effettivamente eccessiva.

      Direi comunque, in ordine di priorità di schiarita (ed andando totalmente a memoria dopo 30 secondi di ascolto, quindi prendi con le pinze): voci - rullante - cassa - piatti da allegerire "in basso", tirare più su e rendere più chiari (senza eccedere perché le alte di certi VSTi di batteria sono devastanti).

      Nella parte mediobassa sui 180 direi principalmente il basso.
      Poi un po' di maggiore "leggerezza" delle chitarre, che hanno poca apertura e tanta ciccia.

      Già solo con questi "piccoli" accorgimenti, puoi fare un passo avanti importante. Imho.
      Giampiero Ulacco
      Producer - Engineer


      Personal WebSite

      Hologram Studios
      Imho, non è il riferimento migliore che puoi dare a chi si occupa del mix.

      I Verdena sono famosi non tanto per i loro mix, quanto per avere scrittura e scelte di produzione decisamente personali e fortemente caratterizzanti.
      Sono veri fanatici della strumentazione, dell'analogico, sotto ogni aspetto, e ricercatori infiniti di ogni pezzo che possa costruire il loro sound. Sound che è modellato intorno alla personalità ed alle scelte forti di ogni musicista.

      Tu ti stai autoregistrando in casa (se non ho capito male), utilizzando una batteria VST.
      Sei proprio lontano dal loro approccio e dalle loro premesse e non puoi tentare di avvicinarti alle loro scelte ed al loro risultato se non segui il loro approccio... cosa per di più poco sensata, perché "copiare" chi si è distinto per originalità ti porta automaticamente all'opposto di ciò che ha portato il tuo riferimento ai loro risultati: l'originalità stessa. La loro unicità in un panorama musicale definito, che era quello del rock underground italiano di 10-20 anni fa.

      In più, se non ricordo male, questo brano è contenuto ne "il suicidio dei samurai", che dovrebbe essere (vado sempre a memoria ma parliamo di 15 anni fa...) la loro prima autoproduzione, realizzata in uno studio di fortuna. Non è probabilmente la loro migliore produzione in quanto a mix, o sicuramente non la più "canonica" e "ben suonante".
      Quindi, torno a ripetere, utilizzarla come reference, PER ME, è un vincolo che imponi a chi ti sta seguendo (o a te stesso) più che un aiuto.

      Estremizzando, sarebbe come avere come riferimento i Sonic Youth ed utilizzare strumenti midi. O i Dinosaur Jr ed usare Guitar rig.

      In ogni caso, questo è solo il mio parere personale e non voglio convincerti di nulla né rompere le scatole con... la logorrea di un esperto all'opera :)

      Buon mix.
      Ciao
      Giampiero Ulacco
      Producer - Engineer


      Personal WebSite

      Hologram Studios
      Al di là dei Verdena e del loro approccio, io sento in loro qualcosa che suona bene e che mi piace.
      Quindi riuscire ad avvicinarmi come idea di suono o di mix mi rende felice oltre che soddisfatto.
      Al momento non ci sono mai arrivato, ma come si dice mirando alle stelle si arriva comunque in alto.

      Visto che avete seguito tutto l'iter del pezzo, chi più chi meno, vi posto la versione definitiva, che per quanto sia imperfetta, esprime in maniera, secondo me presentabile, il pezzo.