Chi non ha mai maltrattato i cavi?

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      barbetta57 ha scritto:

      sei meno. io ho passato anni ad arrotolare cavi. se ne avessi arrotolato uno come fa nel secondo esempio mi avrebbero mozzato le falangi. non lo "svizia" come diceva il mio buon principale. le spire sono in tensione


      Io è dal 2003 che uso il secondo metodo, e da allora non ho più avuto cavi attorcigliati che prendessero strane iniziative, ed è all'incirca in quel periodo che ho comprato l'ultimo cavo! :D
      Funziona, e non lascia tensioni! A PATTO CHE quando lo si srotola lo si deve fare dal lato giusto, altrimenti "N" spire = "N" nodi! ;( ^^ :D
      Resistance... is futile. We are KORG, so you'll be synthetized!

      barbetta57 ha scritto:

      sei meno. io ho passato anni ad arrotolare cavi. se ne avessi arrotolato uno come fa nel secondo esempio mi avrebbero mozzato le falangi. non lo "svizia" come diceva il mio buon principale. le spire sono in tensione

      Manco io ho mai visto un service piegarli così.
      La mia didattica
      Le mie foto...


      Orecchie funzionanti e studio sonorizzato come Cristo comanda...
      Non ho mai lavorato in un service (quindi potrei benissimo sbagliare tecnica), però adotto anch'io la tecnica del "dritto e rovescio" per i miei cavi, ma con il piccolo l'accortezza di far "ruotare liberamente" il cavo che mi rimane da avvolgere.

      Se, mentre faccio uno degli avvolgimenti, sento che il cavo sforza un po' e cerca di andare in modo opposto, lo faccio ruotare in modo di assecondarne la forma. A seconda del caso (cioè quanto è lunga la parte che mi rimane da avvolgere), faccio ruotare la parte rimanente oppure eseguo una rotazione della parte già avvolta che ho in mano, però il risultato deve essere che gli avvolgimenti si avvolgono morbidamente.

      Se il cavo si sta comportando in modo un po' "ispido", prima lo srotolo bene, lo stendo, anche facendolo passare tra le dita (più volte, se serve), in modo di fargli fare tutte le rotazioni di cui ha bisogno e metterlo in condizione di essere avvolto agevolmente. E solo dopo lo avvolgo.


      Non so se sia la strategia corretta, però non avvolgo mai un cavo in tensione come nella seconda parte del video, mi fermo prima. Se mentre avvolgo un cavo mi rendo conto che le spire sono in tensione (a volte capita), mi fermo e ricomincio da capo.
      Il rispetto si costruisce solo insieme.

      barbetta57 ha scritto:

      se guardi il video, le spire nel secondo esempio sono in tensione


      L'ho visto il video! Se noti bene il cavo è già tensionato anche quando è ancora svolto, forse perchè nuovo, o già maltrattato.
      Ribadisco che uso questa tecnica da anni, a volte usando gli accorgimenti di sin night quando necessario.
      Il cavo risulta "morbido" senza tensioni, spesso riesco anche a "recuperare" qualche cavo (non mio) che presenta delle piegature.
      All'inizio sembra complicato da applicare, ma ormai lo faccio senza manco accorgermene.
      Il problema principale di questo sistema è, secondo me, lo svolgimento!!! Se si prende il capo dal lato sbagliato, perchè magari doveva essere a destra (tenendo il rotolo in mano) e invece si è spostato a sinistra e lo si tira, si formano nodi. quanti sono le spire. Per questo evito che altri svolgano o raccolgano i miei cavi!
      Provare per credere! :D
      Resistance... is futile. We are KORG, so you'll be synthetized!
      no, non lo gira, si limita a fargli fare la curva senza accompagnare la tensione. per carità, niente di male, ma se devi fare un tutorial su come si avvolgono i cavi, se qualcuno lo sa già fare e lo vede, qualche domanda se la fa.
      se poi guardi anche il primo inizio, da 1'50" vedi che il cavo è dritto, quando poi lo arrotola, a 2'02"circa, la seconda spira è una fetenzia.
      modifico la valutazione in 5-
      onestamente io trovo che il metodo 1 sia quello banalmente 'ovvio', il 2 una porcata che si palesa già nel video stesso dove si vede chiaramente che il cavo rimane torto e si sistema solo perché ha una lunghezza molto limitata mentre se fosse lungo qualche decina di metri continuerebbe a torcersi. Se invece la tecnica è buona, da questo video non si deduce di certo.
      Inoltre dopo una ventina di serate devi già cambiare gli XLR visto che vengono sbattuti continuamente a terra senza alcun riguardo...

      barbetta57 ha scritto:

      fatto al volo, qualità pessima


      Volato troppo in alto... non si capisce che fai! :D
      Comunque non per polemica, ma solo per spirito di condivisione e completezza dell'informazione, allego video anche io! drive.google.com/file/d/1DMcch…Y99Ryb3D/view?usp=sharing
      Poi ovviamente fate come vi pare, ci tenevo a precisare però che da quando uso questo metodo non compro più cavi, DA ANNI.
      infatti nel video ne uso uno da 10 metri jack/jack che forse avrà all'incirca una 15ina di anni, presente in tutti i live per lincare una cassa monitor (e quindi calpestato di continuo etci etci...)
      Resistance... is futile. We are KORG, so you'll be synthetized!
      Io li avvolgo da trent'anni "un dritto e un rovescio", seppure impugnando il cavo al contrario (con la mano sinistra come fosse un microfono, con il connettore in alto e il cavo pendente) e facendo i movimenti al contrario. Chi dice che è sbagliato evidentemente non hai mai provato ad avvolgere 50 o 100 metri di cavo, oppure a svolgerne anche solo 20 avvolto sempre nello stesso verso!

      Se provate a svolgere, ad esempio, il cavo da una bobina di cavo nuovo da intestare semplicemente poggiando la bobina a terra, inevitabilmente il cavo si attorciglierà: per svolgere i cavi da posare negli impianti, infatti, le ditte che lo fanno mettono la bobina su un asse (che potrebbe anche essere un tubo tra due sedie o qualcosa di simile...) in maniera che ruoti liberamente. in questo modo, il cavo si svolge senza arrotolarsi.

      Il metodo "un dritto e un rovescio", quindi, è utile sia per avvolgere un cavo ordinatamente e senza far arrotolare ciò che rimane a terra da essere ancora arrotolato, sia per non farlo rimanere attorcigliato quando viene svolto per essere usato. Un cavo lungo 100 metri avvolto con questo metodo, ad esempio, può tranquillamente essere svolto dal centro da una sola persona tirandolo fino alla fine!
      Gianluca
      Youtube: goo.gl/522kv4

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “Datman” ().