Costruzione Bass Trap

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      La lana di roccia è irritante per contatto e dopo anni ed anni tende a sbriciolarsi e può creare del puvliscolo che certo non fa bene inalarlo....
      Detto questo è stato ampliamento ripetuto parecchie volte che non è un materiale cancerogeno e soprattutto non contiente amianto, ci sono però parecchie persone ignoranti che la associano all'eternit perchè un tempo di usava metterla vicino all'eternit per aumentare l'isolamento termico.
      Sarebbe come dire che il caffè fa ingrassare perchè ci metti 4 cucchiani di zucchero per ogni tazza.....
      Le mie foto...
      SenzaLegge
      Il mio soundcloud

      Orecchie funzionanti e studio sonorizzato come Cristo comanda...
      CIao NotEasy2BeGreen!
      per la mia esperienza personale so che: la lana di vetro è classificata dall'AIRC come di categoria 2B, cioè materiale la cui influenza sulla comparsa di tumori non è stata dimostrata (per dire com per l'asbesto=amianto, categoria 1A). io penso però che, se la possibilità di causare i mesoteliomi o quell brutte cose che causa l'amianto, dipenda dalla dimensione delle fibre del materiale, bisognerebbe informarsi su quelle che sono queste dimensioni...sta di fatto che di per se la possibilità di entrare in contatto con queste fivìbre si ha soprattutto nel momento in cui ci si lavora: è il minimo dotarsi di mascherina e guanti quando la si maneggia, taglia ecc...io per aumentare il grado di sicurezza, sui miei pannelli di lana di vetro compressa che ho usato per insonorizzare la stanza, ho spruzzato una lacca, e sovrapposto, prima del tessuto (che ho mantenuto volutamente abbastanza spesso), un materassino di pochi mm di PE LD...e penso di essere al sicuro. in più una volta all'anno smonto i pannelli (che sono tutti removibili dalle pareti) e gli faccio prendere aria.
      "Una ottima registrazione nasce dalla combinazione tra strumentazione di qualità, tecnici in grado di saperne trarre tutto il meglio e musicisti capaci di dare musicalmente il massimo. Ma soprattutto quest'ultima."
      non è tanto il cancerogeno, è che se ci lavori d'estate con le maniche corte arrivi a fine giornata che hai le braccia rosse e ti gratti un bel po', e se alla pelle fa così pensi che non possa dare problemi a respirarla?

      tanti la rischiano e non ci mettono niente.
      io personalmente, che non sono nessuno e sono un novellino, ho preferito cercare del tessuto non tessuto parecchio fibroso e morbido, ne avevo preso uno che semprava una felpa, ma cmq poteva "respirare" quindi mi è andato perfettamente. sopra un altro tessuto traspirante, ho messo del 100% cotone colorato e il risultato è bello e funzionale

      se ti interessa qua ho caricato l'album dove vedi come le ho fatte facebook.com/media/set/?set=a.…27.100002897475162&type=1

      nei negozi di edilizia dove trovi la lana trovi anche il tessuto non tessuto di densità diverse dipendentemente dall'uso agricolo o edile, onde evitare di vivere con il dubbio...
      Focusrite pro40 + octopre, GA pre73, GA comp54, TLAudio 5051 channel stip, Allen&Heat gl2400, Adam A7X
      Bellissimo studio Rockhour! Compilimenti! Anche io mi sono divertito parecchio a costruirmi i miei pannelli: anima in lana di roccia compatta (come quella che hai usato tu per le basstrap angolari) e rivestimento in due strati di tessuto no tessuto e strato finale in cotone bello teso: risultato ottimo! :)
      "Una ottima registrazione nasce dalla combinazione tra strumentazione di qualità, tecnici in grado di saperne trarre tutto il meglio e musicisti capaci di dare musicalmente il massimo. Ma soprattutto quest'ultima."
      consiglio per lavorare con la lana di roccia:
      di "imppacchettarla" della plastica, avvolgerla nel celofan o in sacchi della spazzatura grossi prima di metterla dove deve essere messa... io in studio ho fatto così e funziona alla meraviglia, non ne rilascia e non inerferisce con la funzione sonora ;) :thumbsup: :thumbup:
      nessuna delle trappole broadband fatte di lana minerale commerciali ha cellophane tra la lana minerale e il tessuto......
      perchè? ..... perchè riflette le alte frequenze e il tessuto da solo non è sufficiente per assorbire quelle.
      poi ovviamente dipende da dove sono posizionate queste trappole, se sono dietro i monitor allora le potete rivestire anche di legno che tanto li le alte non arrivano, dai monitor perlomeno), se vi arrivano riflessioni da altri punti allora avete sbagliato qualcos'altro.
      se usate il tessuto giusto non ci sono pericoli che fuoriescano particelle di lana minerale a meno che non le battiate con il battitappeti :)
      io uso della fodera con uno strato di imbottitura da 2/3mm così stanno anche più "morbidi" ma mi rendo conto che non è un materiale facile da trovare, qui dove vivo io lo trovo a pochi soldi perchè ci sono molti calzaturifici sportivi ed è un materiale molto comune.
      Comunque, per l'ultima trappola che ho fatto, una cloud 200x180x20cm, ho usato della lana di vetro della Isover nuova che non è per niente irritante, il commesso mi diceva che è studiata apposta per non perdere particelle...mi pare anche di aver capito che adesso usano solo quella (la Isover intendo) quindi anche se i modelli hanno lo stesso nome la lana e diversa da prima.
      Per quanto riguarda il discorso densità (o meglio resistività al flusso) sono stati fatti innumerevoli studi e test.
      QUI
      un pratico calcolatore, mi è stato consigliato di usare il modello "MIKI" per i calcoli.
      una regola che spesso non è scritta è che le dimensioni sono molto importanti, non solo lo spessore, una trappola 30x30cm anche se la fai spessa 50cm serve a poco.
      le ultime trappole che ho fatto sono la cloud sopracitata quasi 2x2metri e due finte pareti 240x120x10 (spesse solo 10cm perchè sono molto distanti dal muro...ma non sto qui a dilungarmi) a queste ultime ho inchiodato davanti dei listelli di legno seguendo la sequenza di Newell e oltre che utili sono anche belli da vedersi :)
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons
      in linea di massima per trappole di spessore superiore a 15cm è meglio usare del materiale con resistività al flusso bassa <10000 Rayls/m (o Pas/m² che è lo stesso) in pratica sono i rotoli di lana di vetro soffici.... sotto i 15cm conviene usare pannelli con resistività al flusso più alta, sono leggermente più performanti (a parità di spessore) dei rotoli e sono più pratici se devi fare dei pannelli appunto.
      Dal mio punto di vista dove possibile è sempre meglio optare per grossi spessori (tenete presente che un'intercapedine d'aria dietro conta quasi come il materiale pieno) e usare il materiale in rotoli, costa meno e i risultati sono migliori.
      per i pannelli appesi alle pareti invece secondo me conviene stare sui 10/15cm e usare lana di roccia da 30/40kg/m3 che è più pratico.
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons
      Dipende da quanto è spesso il tessuto e quanto il film di plastica. Ripeto che nessuna trappola commerciale ha il film, alcune hanno un membrana, che potrebbe anche essere di plastica, solo nella faccia davanti sotto il tessuto ma la funzione è un'altra e chi le vende sconsiglia di usarle per le prime riflessioni.
      Sta tutto nel capire dove devono essere messe e quel'è lo scopo.
      Per quanto la norma di legge non sia la verità assoluta credo che se ci fosse anche il minimo sentore di rischio un attività commerciale (in tutto il mondo) sarebbe costretta (per legge appunto) a mettere una qualche protezione.
      Comunque, ognuno fa come meglio crede.
      la sequenza di Philip Newell che lui spiega nel suo libro "Recording Studio Design" è:
      534435453534435
      dove il primo è pieno il secondo vuoto, poi pieno e vuoto e via così.
      i numeri si riferiscono ovviamente alla proporzione tra i vari elementi, puoi fare 5cm 3cm 4cm ecc ecc, ma anche multipli.
      se la stanza è piccola io starei sule misure esatte in cm anche perchè sono facilmente reperibili i listelli di legno praticamente finiti.
      ovviamente se a uno gli serve più lunga basta che continui dall'inizio avendo sempre un pieno e un vuoto
      il concetto è di avere un 50% di riflessioni (abbastanza casuali) per mantenere un minimo di alte frequenza nella stanza altrimenti sarebbe troppo morta, assorbire in maniera uniforme dalle bassissime alle altissime è difficile, sopratutto nelle stanze piccole tende sempre ad essere sbilanciato verso il basso, in pratica le alte sono assorbite troppo e le basse non a dovere, quindi mantenere un po' di alte frequenze nella stanza bilancia un po' l'assorbimento.
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons
      dovrò costruire delle bass trap, sia di spessore intorno ai 20cm e misure di 170 x 80 cm, sia angolari, sia un paio di cloud , da usare in un locale di 100mq in cui si fa live music. ho dei dubbi: per quelle più spesse potrei usare un materiale con una densità minore ma, in generale, le costruireste tutte piene o con intercapedini d'aria al loro interno?
      DrRed, la tua opinione salutistica è assolutamente comprensibile e condivisibile, quello che voglio dire io è che non so se è necessario fasciarsi troppo la testa :)
      i materiali hanno subito un miglioramento tecnico notevole e l'esperienza che uno può avere avuto di materiale che si sbriciola fa riferimento a materiale che è vecchio adesso e fatto con una tecnologia di sicuro obsoleta.
      theP, certo che puoi, conoscendo le caratteristiche del materiale col quale vorresti sostituire la lana minerale, ci sono dei pannello in fibra di poliestere fighissimi (caruso isobond) ma costano un bel po', lo stesso per il poliuretano espanso a parità di spessore costa molto di più di farsi dei pannelli in lana minerale, ma sinceramente non ho mai fatto bene i conti, la lana minerale però so per certo che funziona :)
      Fish&Chips, io ti consiglio di usare materiale il meno denso possibile, nella mia esperienza con i pannelli troppo densi non ho mai ottenuto risultati che giustificassero il fottio di soldi che costano :) se puoi usa rotoli di lana di vetro, o pannelli di lana di roccia il meno densi che trovi, ovviamente i pannelli sono più pratici ma io veramente insisto sui rotoli, lameno per le cloud che così pesano anche meno
      Paolo Piovesan
      “I’ve certainly spent many hours with finicky artists trying different vocal mics, all of which sound remarkably similar, and all I have to say is that I felt it was a waste of time.”
      – Alan Parsons
      Grazie mille del consiglio Paul Rain! :thumbsup: volevo sostituire la lana di vetro principalmente perchè non mi sembra molto salutare, nonostante tutti gli accorgimenti..troverò sicuramente un'alternativa che non mi prosciughi del tutto le ultime finanze rimaste!
      Tanto BUON TEMPO... :D