il pitch shifting non comporta nessuna perdita di qualità sonore! Vero??

This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

    Roba da film horror! :S :S :S

    Se quello che vogliono è una base smonata (perché il pitchshift inevitabilmente tende - come minimo - a far perdere di impatto) che rende meno efficace il brano, la strada del pitchshift è quella corretta.

    Magari le persone poco esperte (o con le orecchie bruciate) non ci fanno caso al pitchshift di mezzo tono, però gli effetti si notano a pelle (e sono certo li percepiscano anche loro).


    Piccolo aneddoto: alcuni anni fa, alcuni producer di musica house avevano regalato alcune loro produzioni su un sito del settore per celebrare i 5 anni di quel sito. Uno o due anni dopo, nel 2011, uno di questi brani è uscito su un'importante etichetta (una delle più importanti e stimate della scena house), ma rallentato di 4 bpm (da 129 a 125). Ho entrambe le versioni, entrambe in wave, però quella rallentata ha un "non-so-che" che non mi convince. Si tratta di micro (ma neanche tanto micro) dettagli a livello ritmico e timbrico che percepisco a pelle (e, ad un ascolto leggermente più attento, riesco ad isolare chiaramente), nonostante il rallentamento sia stato eseguito con un'elevata qualità. Ad un ascolto distratto la release del 2011 suona bene, però alla fine dell'ascolto sento come minimo una sensazione di affaticamento (e non parliamo di un brano edm con le cavalcate di supersaw, ma di un pezzo vocal/soulful in stile classico, con basso, chitarra, piano elettrico, ottoni, ecc...) :thumbdown:


    Tornando sulla richiesta di pitchshift, se io fossi il pianista (o il bassista) in questione mi incavolerei come una iena di fronte all'ipotesi che il mio strumento venga violentato in quel modo... perché il piano (o il basso) sì e la voce no? Credo che pretenderei con forza che il mio nome non venga associato a quel lavoro...
    Il rispetto si costruisce solo insieme.
    Comunque, se il brano funziona effettivamente meglio abbassato di mezzo tono, la cosa giusta da fare sarebbe rifare le registrazioni... questo per me è l'unico vero approccio "no-compromise".

    Se da un lato posso capire le ragioni che fanno propendere alla soluzione del pitch shift, rimane il fatto che si sta parlando di compromessi... Qualità audio inferiore o tonalità in cui il brano rende meno? Secondo me in nessuno dei due scenari si fa giustizia al pezzo (però dovendo scegliere accetterei ancora di buon grado la seconda opzione).


    Se c'è il tempo, io direi di lasciare decantare un po' il brano, in modo di riascoltarlo tra un po' (una settimana? quindici giorni) con un'orecchio diverso... può essere utile a capire cosa serve davvero per far funzionare al meglio il pezzo (poi però bisogna agire di conseguenza, registrando nuovamente le parti qualora necessario)... Magari potreste completare il brano come provino prima di metterlo in standby (quindi "fregandovene" della qualità), in modo che poi possiate fare dei rapidi confronti (anche solo ascoltando il mix grezzo abbassato di un tono col pitchshift) quando riprenderete in mano il brano.


    Opinioni personali, ben s'intende...
    La tecnica di lasciar decantare per un breve tempo funziona abbastanza bene nel mio lavoro di programmatore, quando non riesco a venir fuori facilmente da un problema e sto perdendo la visione d'insieme... suppongo che si possa applicare anche ad altri ambiti.
    Il rispetto si costruisce solo insieme.
    bhe dipende anche da che rapporto hai con loro e con la band..sono amici? è una registrazione di favore? sono clienti? Il clienete + o - ha sempre regione sopratutto se paga ahuahauh.
    Io cercherei di parlarci tranquillamente spiegando bene anche quali sono i contro di una mossa del genere e poi esporrei quelle che sono le possibili soluzioni o alternative.
    Poi sta a loro la scelta, tendenzialmente come si dice chi caccia i soldi decide, il tecnico non può far altro che lavorare da tecnico e consulente e lasciare il lavoro di produzione esecutiva e quindi le decisioni di questo tipo a chi di dovere (anche se purtroppo poco esperto). Poi se sei pagato intanto incassi poi deciderai se firmare o meno il lavoro in base al risultato. A volte questa è la vita.

    Se invece sono amici o per esempio è la tua band beh farei la stessa cosa di spiegare tutto a tutta la band e poi si mette ai voti.
    ...si chiama Mix e non Fix

    crm88 wrote:

    Con il processamento pitch shifting di cubase la perdita è netta sopratutto sul pianoforte, considerate che le tracce son ben 7......3 per il basso e 4 per il piano...dalle prove che ho fatto, la perdita di qualità c è!


    Fallo sentire pure a loro: a tutta la band, non solo ai cantanti.
    Poi decidete come muovervi.
    Capita di sbagliarsi, concordo con te che pitchare piano e basso è una brutta roba, ma pure cantare in una tonalità non confortevole compromette il risultato perché influisce sull'esecuzione, non è questione di reintonare artificialmente.
    "E' solo mezzo tono" - dici tu. "E' solo mezzo tono" - dicono loro. Per prendere la decisione (o arrivare al compromesso) migliore dovreste evitare di fare questo gioco di fortini.

    Avrei evitato di dirgli "non siete fonici, non potete sentire la differenza" perché non è vero. Fagliela sentire tu, la differenza, a tutta la band. Nel tuo lavoro di fonico sii trasparente con chi lavori, è su questo che non devi scendere a compromessi.

    Perché ti capiterà di far cose che "non andrebbero fatte" per il semplice motivo che non ci sarà la possibiltà di far diversamente. Capita a tutti, tutti i giorni e in tutti i lavori, ma se affronti la cosa nel modo giusto è tutta esperienza che ti porti dietro per la volta successiva.

    Lat.
    La situazione è più complicata di quanto penziate purtroppo... Non è un lavoro di favore, non mi paga nessuno...ogni lavoro che faccio per me e quindi per la band, è quotato per me al massimo degli sforzi per il massimo della qualità possibile...questa volta, ci tenevo così tanto da farmi in quattro ed andare a registrare realmente un pianoforte acustico, fancedo un bel po di km con la macchina e chiedendo favori... Molto impegno e molta passione, fino a quando una sera se ne escono i cantanti e dicono, "o fai come diciamo noi, o registri da capo tutto, perche la voce non la tocchi", e questo dopo avergli cercato di spiegargli l impegno e la forza lavoro già utilizzata e dopo avergli cercato di spiegare che non ha senso procedere come dicono loro, credo che sia normale che dopo un po, davanti alla presunzione e la sfacciataggine di chi parla senza sapere di cosa sta parlando, uno potrebbe dire, e vabbè, qua il tecnico sono io......... Se era un cliente pagante, una volta detto, "non vale la pena questo procedimemto," se lui insisteva, non avrei avuto nessuna esitazione ad accontentarlo, cioè mi paghi, se non interessa perderti qualitay per strada pazienza.....ma la mia situazione è profondamente diversa....
    Poi credo che sia vero che chi non è allenato a sentire certe differenze non può rendersi conto, cioè, non puoi pitchare basi gja stradegradate e compresse, per ascoltarle alle casse del portatile o alle classiche casse del PC o in hi FI economici ed essere convinto al 100 per 100 che quello che ascolti sia fedelenalla realtà....sopratutto se non hai l'orecchio allenato a sentire queste sfumature.....affermare il contrario sarebbe da ipocriti... Altrimenti perché noi spenderemmo migliaia di euro in monitor da studio? Proprio per facilitarcj a sentire tutte quelle sfumature, che gente che non fa questo lavoro ignorerebbe completamente....ed ho avuto la prova che è cosi...

    crm88 wrote:

    ...sopratutto se non hai l'orecchio allenato a sentire queste sfumature.....affermare il contrario sarebbe da ipocriti... Altrimenti perché noi spenderemmo migliaia di euro in monitor da studio? Proprio per facilitarcj a sentire tutte quelle sfumature, che gente che non fa questo lavoro ignorerebbe completamente....ed ho avuto la prova che è cosi...


    Falle ascoltare a tutti sui tuoi monitor.

    Lat.
    Per come agirei io.

    Analisi del brano:
    - Abbassare comporta modifiche migliorative all'arrangiamento? Si rifà tutto...
    - Le voci ce la fanno e ci sono dei particolari? Si rifanno i particolari...
    - Le voci non ce la fanno in alcuni punti? Si rifanno i punti il mezzo tono sotto con una base grezza abbassata e si sostituiscono alzandoli magari con Melodyne o altro pitch shifter che mantenga le formanti. Se fatto bene è indistinguibile nel mix.

    Altre vie sono solo una perdita di tempo.

    'azz raga...ci sono fior di dischi e hit in cui alcune parti sono state registrate con il nastro rallentato per arrivarci. e li velocizzando le formanti se ne vanno a zonzo...

    8)
    Ho visto cose...
    VUmeter in fiamme sul bridge di una console Orion
    ed ho visto i supertweeter balenare nel buio sui monitor Tannoy
    e tutti quei momenti andranno perduti in un mastering
    ....è tempo di mixare...