Il compenso di un tecnico del suono, registrazione di concerti dal vivo di orchestre, gruppi da camera, etc.

This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

    Il compenso di un tecnico del suono, registrazione di concerti dal vivo di orchestre, gruppi da camera, etc.

    Salve a tutti, volevo chiederVi qual'è il compenso di un tecnico del suono che registra "sul posto" dal vivo ad es. orchestre, gruppi da camera, concerti?
    E per quanto riguarda la registrazione di un brano, per un gruppo da camera, la giornata di lavoro e poi l'editing al computer per la produzione del brano audio?


    Mi chiamo Marco, sono un musicista d'orchestra, e sono da sempre appassionato alla registrazione. Negli ultimi anni ho iniziato a registrare per gruppi da camera e orchestre di musica antica, e come materiale ho Audient iD22, APS880, una decina di microfoni, barra stereo manfrotto, supporti rycote, etc. etc.. tutto il necessario per registrare "on location".
    Vorrei passare ad un lavoro "professionale" (=ben pagato ^^ ), e vi chiedo quali sono le tariffe? E qual'è la tariffa per un "giovane" tecnico del suono che ha comunque molta esperienza nel genere di musica che registra (musica antica) e si è già fatto abbastanza le ossa.

    Non mi sembra giusto chiedere la tariffa di un tecnico con molti anni di esperienza, ma nemmeno chiedere tariffe "da fame" e talvota sentirmi dire "Abbiamo un tecnico che viene per molto meno". Già mi è capitato di rifiutare questo genere di lavori.

    grazie
    marco
    Ti dico una cosa.. secondo me non è quanto qualitativamente vale il tuo lavoro o quale sia la tua esperienza o la tua età.. se sei bravo in marketing e sai venderti puoi chiedere la cifra che vuoi e i clienti li trovi.
    Io potrei essere anche il fonico migliore al mondo ma non sapendomi vendere non riuscirei nemmeno a farmi pagare 50 euro una giornata di lavoro..
    Ti risponderanno fonici dandoti qualche cifra di riferimento magari, ma ricordati il prezzo che il cliente pagherà sarà il prezzo che TU crederai davvero di valere. So che è un discorso particolare ma davvero è in parte così..
    Se chiedi 200 euro ma dentro di te sai che magari è troppo e che tu ritieni il tuo valore sia 50 vedrai che il cliente rifiuterà la cifra proposta. Viceversa chiedi 400 ma convinto realmente di chi sei cosa fai ecc ci saranno ottime probabilità che il cliente accetti.
    Poi se alla lunga dimostrerai qualità la strada è spianata. Parti a testa alta e fatti un calcolo orario, di trasferta ecc
    E non farti nessun problema.
    Pensi di valere almeno 40 euro l'ora? Chiedili e poi aggiungi viaggio ecc non farti problemi secondo me.
    Ho sparato cifre a caso ma era solo x farti capire..
    Ps occhio non farti pagare a lavoro finito, almeno una parte fattela dare in anticipo
    credo sia la "solita" questione della domanda e offerta
    poi come dice sopra Barzogti entrano in gioco altri fattori compresa la fiducia di chi ti affida un incarico magari supportata da esempi di tue produzioni/mix dove dimostri le tue capacità, i crediti in campo musicale insomma
    e dipende sia dalle possibilità economiche del cliente che dal target del lavoro...
    Fidati che se dici timidamente e con umiltà che puoi registrare x 2 giornate intere al prezzo di 20 euro tutto compreso ti diranno che un loro amico bravissimo che lavora anche x gente importante glielo farebbe gratis quel lavoro....
    Stabilisci qual è il minimo orario che vuoi ricevere, poi calcola più o meno x quante ore dovrai lavorare, quanto ti costa il viaggio. E se vuoi proporre uno sconto per i prossimi lavori (una sorta di pacchetto.. se vuoi registrare un cd intero di tot brani ti costa X% in meno rispetto alla registrazione di un singolo brano ecc. Cioè puoi stabilire un accordo con il cliente per future collaborazioni, in modo da farti un po di clienti abituali con rapporto di lavoro continuativo)
    Calcola che un'azienda SERIA che ti paga tredicesima-quattordicesima, malattia, ferie, ti fornisce un contratto a tempo indeterminato grazie al quale puoi permetterti finanziamenti e ti garantisce una sicurezza sul futuro, se sei proprio l'ultimo arrivato operaio non specializzato di livello 5 senza rischi sul lavoro ti da un netto di circa 6 euro l'ora..
    Supponiamo tu sia l'ultimo arrivato dei fonici beh fatti pagare almeno 20 euro l'ora se non di più, altrimenti vai a lavorare in azienda e fai il fonico solo come hobby.
    In una fattura, di quei 20 euro la metà volan via tra inps e tasse, inoltre ricorda il costo del commercialista. Poi siccome sei costreto a versare parte della cifra in una pensione integrativa e magari anche in una polizza assicurativa, di quei 20 euro forse te ne restano in tasca 5...e le ferie? E la malattia? E la tredicesima? E la sicurezza di un contratto a tempo indeteeminato?
    Oppure fatti pagare poco ma lavora in nero se no son cavoli...
    mi fa piacere vedere che l'argomento sta crescendo.
    sul discorso fiscale mi sembrava di capire - lette alcune vecchie discussioni su forum - che fino a 5000€ annui si può farsi pagare con una semplice ricevuta e far versare al committente la ritenuta d'acconto.

    non vuole essere un vero lavoro ma un secondo impiego saltuario visto che di mestiere sono musicista.
    Se registri il solo concerto puoi chiedere 100€, se registri in studio (chiesa, sala, teatro) per un CD, il discorso è diverso. Io ad esempio mi faccio pagare a numeri di tagli. Normalmente per un CD di classica si arriva tranquillamente a 300-400 tagli

    Barzogti ha scritto:

    Calcola che un'azienda SERIA che ti paga tredicesima-quattordicesima, malattia, ferie, ti fornisce un contratto a tempo indeterminato grazie al quale puoi permetterti finanziamenti e ti garantisce una sicurezza sul futuro, se sei proprio l'ultimo arrivato operaio non specializzato di livello 5 senza rischi sul lavoro ti da un netto di circa 6 euro l'ora..
    Supponiamo tu sia l'ultimo arrivato dei fonici beh fatti pagare almeno 20 euro l'ora se non di più, altrimenti vai a lavorare in azienda e fai il fonico solo come hobby.
    In una fattura, di quei 20 euro la metà volan via tra inps e tasse, inoltre ricorda il costo del commercialista. Poi siccome sei costreto a versare parte della cifra in una pensione integrativa e magari anche in una polizza assicurativa, di quei 20 euro forse te ne restano in tasca 5...e le ferie? E la malattia? E la tredicesima? E la sicurezza di un contratto a tempo indeteeminato?
    Oppure fatti pagare poco ma lavora in nero se no son cavoli...


    A parte l'ultima frase, sono d'accordo con @Barzogti
    Farsi pagare 100 Euro significa farlo gratis se non rimetterci.
    Farlo in nero significa fare concorrenza sleale a chi è onesto.
    Farlo gratis, per hobby, nulla da dire. Ma resti un hobbista per cui se vuoi farlo di professione devi chiedere ciò che è giusto per te e per il mercato. Meno chiedo e più rovini il mercato.
    Dobbiamo però essere ovviamente all'altezza di ciò che chiediamo.

    Il compenso di un tecnico del suono, registrazione di concerti dal vivo di orchestre, gruppi da camera, etc.

    Flavio, ti dó ragione ma ti parlo anche da addetto ai lavori.
    Forse non sai quanto siano 100€ per un concerto di musica classica. Gli orchestrali, se va bene, vengono pagati 80€. Ormai non è più come una volta.
    Non è questione di concorrenza sleale o professionalita, ma se chiedi troppo o rinunci al lavoro e registrano da soli con uno Zoom, oppure devi accontentarti.
    Poi, dipende sempre da chi commissiona il lavoro. Purtroppo della qualità non interessa più a nessuno.

    Bachelor ha scritto:

    Flavio, ti dó ragione ma ti parlo anche da addetto ai lavori.
    Forse non sai quanto siano 100€ per un concerto di musica classica. Gli orchestrali, se va bene, vengono pagati 80€. Ormai non è più come una volta.
    Non è questione di concorrenza sleale o professionalita, ma se chiedi troppo o rinunci al lavoro e registrano da soli con uno Zoom, oppure devi accontentarti.
    Poi, dipende sempre da chi commissiona il lavoro. Purtroppo della qualità non interessa più a nessuno.


    Assolutamente @Bachelor!
    Parlando dei 100 Euro non mi riferivo a quello che avevi messo tu ma intendevo una cifra generica per la quale all fine, se non lavori in nero, non ti rimane nulla.
    Il problema credo sia proprio dovuto al fatto che molta gente lavora in nero per cui se chiedi di più sei tagliato fuori.
    E questo purtroppo vale per i fonici come per migliaia di altri lavori... Che sia camionista o notaio.
    Se tutti i fonici chiedessero 200 Euro a quel punto chiunque avesse bisogno di un fonico dovrebbe pagare quel prezzo.
    Ma mi rendo perfettamente conto che questa sia più che altro utopia.

    Bachelor ha scritto:

    Flavio, ti dó ragione ma ti parlo anche da addetto ai lavori.
    Forse non sai quanto siano 100€ per un concerto di musica classica. Gli orchestrali, se va bene, vengono pagati 80€. Ormai non è più come una volta.
    Non è questione di concorrenza sleale o professionalita, ma se chiedi troppo o rinunci al lavoro e registrano da soli con uno Zoom, oppure devi accontentarti.
    Poi, dipende sempre da chi commissiona il lavoro. Purtroppo della qualità non interessa più a nessuno.

    quoto tutto da musicista. la paga in orchestra ormai è quella e pochi capiscono la differenza tra uno zoom e uno che si è portato dietro un impianto a 10 canali con relative aste e microfoni...
    Ragion x cui.... ci si registra da soli, invece se si richiede un esperto esterno lo si PAGA e poco importa se l'orchestra è povera..il lavoro va pagato punto e basta.
    Quanti di noi han fatto sacrifici nella vita?
    Beh anche il musicista x una volta può fare il sacrificio e investire del denaro per il proprio disco, e parlo da musicista