Consigli per effettuare preventivi finiti registrazioni audio

This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

    Consigli per effettuare preventivi finiti registrazioni audio

    Buonasera a tutti!! ho una domanda a tutti i fonici o piccoli imprenditori che hanno uno studio commerciale .....
    io ho uno studio di registrazione da diversi anni e per iniziare il mio discorso sul ridere oggi mi e' arrivata una richiesta di preventivo che ora vi incollo sotto:

    "Buon giorno, vorrei sapere quanto mi viene a costare, traccia voce +traccia chitarra+ traccia base + traccia cori e la riproduzione di 300 CD color nero compresa di copertina. grazie"

    Ora non so come rispondere a questa domanda poiche' mi verrebbe voglia di mandarlo a c....e ma per buona educazione.....
    Ma che cavolo e' come se uno scrive un venditore di auto e gli chiede :
    Buongiorno, vorrei un preventivo per una macchina che sia diesel che abbia 4 ruote, un volante e due fari, a si anche i sedili neri grazie....

    io non so voi ma mi sono proprio rotto le scatole di sta gente che pensa che fare un preventivo per registrare x brani sia come chiedere un preventivo ad un gommista per un cambio gomme!!!!.. e quanti me ne arrivano di richieste cosi' che cavolo!!

    Ma a parte l'imbecille citato prima il mio discorso vuole essere piu' aperto e generico perché a volte mi trovo davvero in difficolta' a fare preventivi per registrazione , sopratutto se a produrre e' la band o l'artista e NON il produttore professionista che sa quello che vuole e sa quello che puo' e vuole spendere..

    il problema e' come posso io professionista sapere quanto tempo ci mettero' a registrare uno o piu' brani, quanto tempo ci mettero' poi a editarli missarli e masterizzarli... dipende dalla bravura e velocita ' del musicista , dal tipo di produzione che vuole , da quanto e' pistino.... ecc. ecc ...

    a questo punto mi chiedo se commercialmente parlando ha senso per uno studio lavorare solo a tariffa oraria o a budget e non fare preventivi finiti a sconosciuti che ti chiedono un costo finitoper registrare che so , 3 pezzi....

    Voi come fate?????? ve la rischiate e preventivate o lavorate solo a ore o budget??

    divagando poi dal discorso poi, Vedo parecchi studi che propongono offerte a song finite...e magari pure a prezzi stracciati ... ma come fanno???non e' professionale!!! questa cosa secondo me danneggia ulteriormente l'indotto della musica gia' distrutta da internet e dallo scaricaggio illegale!!! poi ci si mettono pure sti pseudo studi strampalati che con 50 euro in nero ti producono un pezzo col plug in crakkato!!!
    ma.....
    Tanto lo capisci subito dalla richiesta che con questo cliente sara impossibile fare un preventivo del lavoro finito...a meno che non quantificate le ore in base al tipo di lavoro.
    Posta così non si capisce nulla...
    La base ce l'ha gia lui? Gliela devi fare tu? Quindi vuole un arrangiamento? I cori li canta lui? Vuole che gleli faccia tu? Devi disegnargli la copertina al cd? Ahaha Rispondigli che dev'essere più chiaro nella richiesta
    piccolo OT per ridere un po' con un aneddoto capitatomi decenni or sono in un piccolo studio milanese che frequentavo ai tempi...

    "driiin driiiinn" (il telefono faceva così allora)
    "Devo registrare un mio brano come demo da inviare ad una casa discografica. Quanto mi costa?"
    " La nostra tariffa è di 30.000 Lire all'ora."
    " Veramente? Fantastico! Il mio brano dura poco più di 3 minuti per cui... aspetta che calcolo... 30K/60*3 mi costa più o meno 1500 lire!"
    " Ma vai a cagare..."
    io scriverei che, per registrare voce, cori e chitarra su una base portata da lui in condizioni più o meno normali considerati tempi tecnici per un poco di editing, tuning, mix e polish viaggiamo dalla 1/2 alla giornata intera di studio pari a Nmilalire o Nmilalire x2 (alla sua capacità e aspettative spendere più o meno). La stampa delle 300 copie siae inclusa va da 400 a 750.
    Non è complicato. ;)
    se vendete il database mi incazzo.

    alexxx ha scritto:

    il problema e' come posso io professionista sapere quanto tempo ci mettero' a registrare uno o piu' brani, quanto tempo ci mettero' poi a editarli missarli e masterizzarli... dipende dalla bravura e velocita ' del musicista , dal tipo di produzione che vuole


    Potevi rispondergli cosi

    divagando poi dal discorso poi, Vedo parecchi studi che propongono offerte a song finite...e magari pure a prezzi stracciati ... ma come fanno???non e' professionale!!! questa cosa secondo me danneggia ulteriormente l'indotto della musica gia' distrutta da internet e dallo scaricaggio illegale!!! poi ci si mettono pure sti pseudo studi strampalati che con 50 euro in nero ti producono un pezzo col plug in crakkato!!!
    ma.....


    Ogni lavoro è ormai completamente inflazionato dal progresso tecnologico e dalla concorrenza a ribasso

    In ambito di produzioni musicali: la gente ascolta quello che passa la mensa: se vendo uguale spendendo X invece di 10X perchè dovrei scegliere la seconda opzione? Per quattro audiofili che non ascoltano con lo smartfone? Non sarebbe conveniente ne a chi produce ne a chi deve pagarsi la produzione

    È il prezzo del progresso
    And the movement in your brain
    Sends you out into the rain.
    (Nick Drake)

    Il messaggio è stato modificata 3 volte, ultima modifica da “loyuit” ().

    Ciao,
    io vado un po' controcorrente, ma sinceramente sono dell’idea che al cliente vada sempre concessa una certa “ignoranza”
    [da non confondere però con la cafonaggine, del tipo, “vorrei registrare un intero album con 30 euro”].

    Mi spiego meglio.

    Se domattina io andassi a chiedere un preventivo per creare un giardino con piante e fiori a casa mia probabilmente scriverei alla ditta di giardinaggio una serie di assurdità.
    Questo non significa che io voglia prendere in giro i miei interlocutori, ma semplicemente che ho bisogno di un servizio del quale potrei anche non avere una conoscenza approfondita.
    Pertanto mi aspetterei che chi sta dall’altra parte cerchi di rispondere alla mia richiesta, eventualmente evidenziandomi gli aspetti ai quali non avrei pensato.

    Del resto, non puoi pretendere che un potenziale cliente abbia una conoscenza approfondita di tutti gli aspetti del recording.

    Un musicista può essere un ottimo professionista anche senza conoscere gli aspetti del recording, non gli compete; potrebbe però essere interessato per vari motivi, a fare delle registrazioni.

    Allora, nel caso, mi chiederei: “liquido la richiesta perché formulata da un potenziale cliente che non conosce il recording?” oppure mi pongo in una veste più collaborativa, spiego attentamente tutti gli aspetti del caso e magari porto a casa un buon cliente?

    A voi i commenti.
    Saluti Mirco.
    ...le macchine non aggiungono nulla all'anima della musica.
    L'italiano è mediamente cafone, ho lavorato qualche anno nella vendita e assiatenza nel campo tastiere piani schede audio ecc e vi garantisco che il modo di porsi di un cliente non ha nulla a che vedere con l'ignoranza o preparazione in materia o ceto sociale o l'educazione scolastica.
    Innanzitutto ci si presenta, n2 si utilizza la gentilezza o cmq ci si prova, n3 proprio come vien posto il quesito fa supporre a volte una certa arroganza del cliente.
    Uno che mi chiede "fammi un preventivo di questo materiale senza specificare nulla nè chiedere info di alcun tipo" ovvio che farà solo perdere tempo, magari dicendo ah ma un mio amico oppure a un mio amico lo stesso lavoro ecc ecc diffidare dai cafoni, sono poi anche i primi a farti cattiva pubblicità.
    Con le scuole di musica per cui lavoro abitualmente ormai da 10 anni idem stessa cosa, lo capisco dopo 30 secondi di telefonata se si iscriveranno ai corsi se voglion solo farmi perder tempo oppure se si iscriveranno ma me la faran trovare mooolto lunga XD
    Perditempo ce ne sono e li riconosci al volo!!!ma comunque non vorrei fare intendere che io me la tiri e che pretenda la precisione e la conoscenza tecnica del cliente , ci mancherebbe, siamo comunque commercianti e siamo tenuti comunque a rispondere e spiegare la rava e la fava a tutti anche se sappiamo gia' che tanto non compreranno una cippa !!

    il concetto e' che a volte non e' facile preventivare un lavoro, anche a un cliente che sa bene quello che vuole, in quanto le variabili del caso (e mi lego alla seconda parte del thread starter) soprattutto se magari hai a che fare con un non professionista sono parecchie e difficilmente quantificabili... quanto tempo impiegero' a produrre la song?
    ho chiesto x euri pensando di metterci x tempo, ma se i lavori andassero per le lunghe cosa faccio chiedo un extra ??? E' lecito? Voi lo fate? lo avvisate gia' in fase di preventivo??
    Cosa va per la maggiore negli studi?? lavori a Budget del cliente ? costi fissi a giornata o a ore? oppure costi a song?
    se sei navigato e gestisci tu il personale di produzione (musicisti ecc.) puoi fare dei forfait basandoti su una verosimile stima del tempo. Se lavori solo come tecnico per conto di una produzione devi per forza contemplare variabili fuori dal tuo controllo. Quindi in fase di preventivo devi stabilire un costo orario/giornaliero ed indicare di massima una stima dei tempi (sempre basata su uno standard professionale verosimile). Il cliente essenzialmente deve sapere che la variabile del discorso è proprio lui quindi si assume tutte le responsabilità del caso. Vuole passare 48 ore a tagliuzzare chitarre per costruire assoli dal nulla? Vuole cantare 27 volte lo stesso pezzo per poi prendere la prima take? Ha la libertà di farlo finchè paga. Un altro aspetto che in mia esperienza con clienti non referenziati va approfondito è la modalità di pagamento: quando una produzione è più complessa conviene lavorare con degli advance economici per non trovarsi in situazioni spinose con grosse cifre da esigere...
    se vendete il database mi incazzo.
    E cmq come in ogni professione sbagliando si impara. Sicuramente il professionista che fa questo mestiere da 30 anni sa valutare esattamente una situazione a differenza di chi come me è un novellino.
    Quindi capiterà sicuramente di dire al cliente "ma si ci stiamo dentro con questo budget" per poi accorgersi di aver cannato tutto e che la quantità di ore preventivata era sbagliata (non x colpa del cliente eh)
    Ciao a tutti,
    chiaramente gli aspetti da considerare sono tanti e in prima battuta ciascuno di noi avrà la propria esperienza che gli permette di riconoscere il cliente serio ma un pò ignorante in materia, dal cafone perditempo.

    Io ad esempio, se parliamo degli ingaggi per le serate live, lo capisco appena rispondo al telefono se sto parlando con un interlocutore serio o con uno che mi farà solo perdere tempo.

    Comunque la regola secondo me è cercare sempre di portare a casa il lavoro, ma tenendo gli occhi bene aperti per evitare discussioni e fregature.
    Saluti Mirco.
    ...le macchine non aggiungono nulla all'anima della musica.