Costa poco ma vale tanto

This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

    Continuo ad avere grandi soddisfazioni con i prodotti Klark Teknik. Il kt76, ad esempio, è veramente fico.
    E' cinese? Si, e chi se ne frega. E' Behringer? Si, e quindi? Non suona uguale all'originale? E stica (che poi, proprio in questo contesto, ci sarebbe parecchio da dire...).
    PER ME funziona bene, suona bene, costa poco. Del resto me ne frego ;)

    simonluka wrote:

    Continuo ad avere grandi soddisfazioni con i prodotti Klark Teknik.

    I prezzi sono talmente bassi da far pensare male, però voglio fidarmi del tuo parere, anche perché Behringer ha già dimostrato in altre occasioni, almeno negli ultimi anni, cosa si può clonare a prezzi stracciati.
    Pensare che già i cloni di altre marche, tutti dai 500 ei 1000 euro circa, sono stati materia di dibattito, gli originali costano almeno il doppio, i Klark Teknik appena 250... Hai avuto modo di fare confronti con gli originali o con altri cloni? Non dico tanto per la somiglianza, ma per l'effettiva efficacia del loro intervento se paragonati ad altro.
    Edit: ho letto che molti utenti lamentano un fruscio di fondo, pur ritenendolo trascurabile, che sia davvero trascurabile forse va deciso in base alla traccia e tipo di lavoro.
    Siamo tutti sulla stessa Bark.

    Post was edited 3 times, last by “Pilloso” ().

    Ciao Pilloso,
    posso dirti che, in passato, ho avuto un Universal Audio 1176LN ed anche il 6176 (che ha, anch'esso, un 1176 "incorporato") e "reagivano" in modo diverso (quello del 6176 mi dava l'impressione di essere un po' più lento sull'attacco). Inoltre, in un paio di occasioni, ho usato un paio di vecchissimi Urei (roba di oltre 30 anni fa) che suonavano comunque diversi tra loro (uno leggermente più grasso e "opaco" dell'altro). Senza pensare che le manopole scrocchiavano tutte le volte che semplicemente le guardavi...
    Purtroppo non ho paragonato alcuno di essi con il KT, ma non credo che servirebbe più di tanto.
    Il concetto della macchina è quello, per cui mi basta sapere che "risponde nello stesso modo" quando spippolo (e ci mancherebbe... d'altra parte non è che ci sia tutta 'sta tecnologia lì dentro, originale o meno che sia).

    Sicuramente, piazzandolo accanto ad un UA "vero" e facendo un blind test, le differenze si noterebbero. Ma chi se ne frega. Tanto le noteremmo solo noi che siamo malati :), mettendo le tracce in solo e passando le ore a fare A/B. Figurati se chicchessia ci farebbe caso ascoltando la canzone finita ;)
    L'importante è che faccia il suo lavoro. E, secondo me, lo fa bene. Sicuramente meglio di qualsiasi plugin (UAD compresi), soprattutto con settaggi estremi.

    Quello però che mi sento di dire è che, essendo un prodotto estremamente "cheap", può capitare che qualche esemplare esca "storto". Ad esempio le manopole sono molto economiche ed è facile che ti rimangano in mano (cosa che, in effetti, in altri prodotti di marchi più importanti, è molto raro che capiti). Insomma il controllo qualità è prossimo allo zero. Ma se sei fortunato a beccare l'esemplare "sano" e stai un attimo attento a non forzare i pot come un cane, può darti belle soddisfazioni.

    Comunque qualche mese fa ho fatto una videorecensione (postata pure qui). Dagli un'occhiata, che magari riesci a farti un'idea più chiara.
    Se hai altre domande, chiedi pure ;)
    Simonluka

    simonluka wrote:

    in passato, ho avuto un Universal Audio 1176LN ed anche il 6176 (che ha, anch'esso, un 1176 "incorporato") e "reagivano" in modo diverso (quello del 6176 mi dava l'impressione di essere un po' più lento sull'attacco)

    Io ho un 6176 che era di Menestrello, e anche lui diceva che il suo compressore è diverso dal 1176, in più le differenze sono sempre esistite anche tra prodotti della stessa linea, o usciti a distanza di anni.
    Non è tanto questo che mi impressiona, ma appunto che la resa sia affidabile in ogni condizione come lo è un originale.
    Passi pure anche il fatto che, a detta di tutti, il KT ha ben poco colore/calore per cui sono noti gli originali (tanto che ha senso anche passarci semplicemente del materiale attraverso senza comprimere).
    Già il fatto che riesca a comprimere in quel modo, anche a ratio estremi, senza lasciare i tipici artefatti della compressione, a quel prezzo è un miracolo anche senza il "carattere" dell'originale.
    Sono curioso di vedere come si espanderà la collezione, e se arriverà qualche altro giocattolino interessante a quei prezzi.
    Siamo tutti sulla stessa Bark.

    Post was edited 1 time, last by “Pilloso” ().

    saglio wrote:

    ho aperto all'argomento su un altro thread e sono stato abbastanza smontato!

    No Saglio, ma guarda che al di là dei limiti oggettivi dovrebbero essere più che interessanti.
    Ovvio che va ridimensionata quella leggenda del "pago 300 euro e ho un mic che suona esattamente come un Neumann U87", perché non sarà mai così.
    Io ci avevo pensato ma non li ho citati soltanto perché non ho mai avuto esperienze dirette, ma non credo siano un caso le tante testimonianze degli utenti soddisfatti e moddatori incalliti che con qualche ritocco li hanno "potenziati", resta valido il discorso che non bisogna aspettarsi miracoli.
    Siamo tutti sulla stessa Bark.

    Pilloso wrote:

    Ovvio che va ridimensionata quella leggenda del "pago 300 euro e ho un mic che suona esattamente come un Neumann U87", perché non sarà mai così.


    Ma a me non sembra un microfono che voglia scimmiottarne un altro. non mi sembra che sia mai stato accostato a roba ben più blasonata. l'ho sempre visto in giro come mic a se stante che costa poco e fa bene il suo lavoro, e quando uscì il discorso lo spirit a detta di qualche utente che ora mi sfugge sembra proprio un grande no anche raffrontato alla categoria di appartenenza...magari ho inteso male io eh!

    Certo questo non mi farà desistere dal provarlo. anche perchè nel mio studio non posso fare chissà che riprese e mi serve un mic "pu***ana" per piccoli campionamenti e poco altro, e ho solo un NT1a che vorrei cambiare visto che ho sempre dato precedenza ad altri giochini, e magari un altro microfono può darmi qualche soddisfazioni in più.

    cmq chiudo l'OT e chiedo scusa!

    saglio wrote:

    Ma a me non sembra un microfono che voglia scimmiottarne un altro. non mi sembra che sia mai stato accostato a roba ben più blasonata.

    Credo che il malinteso su quel microfono l'abbiano creato i tanti che l'hanno rincorso per avere un simil-Neumann a prezzo d'occasione, sai che quando sui forum si diffonde il mito dell'affarone che col trick o modding diventa ancora migliore, tutti gli smanettoni vedono l'occasione del secolo, ma se si accetta che non è un Neumann sarà sicuramente un valido microfono per il suo prezzo, probabilmente al di sopra dei Rode NT1/2, e assieme agli SE e Audiotechnica credo tra i pochi che possano avere un senso nella fascia dei 300-400 euro.
    Siamo tutti sulla stessa Bark.

    Pilloso wrote:

    gobbetto wrote:

    L'AT2020 di Billie Eilish

    Ma l'album che l'ha resa celebre l'ha inciso con un TLM103.
    l'AT2020 mmmmh... basta aggiungere 50 euro e si prende qualcosa di decisamente migliore.


    ah sì, non era una sponsorizzazione dell'AT2020. Giusto per dire che il risultato si raggiunge anche con strumenti non costosi. Risultato inteso non solo come vendite ma anche come produzione di qualcosa di esteticamente gradevole.

    New

    Pilloso wrote:

    Dennis wrote:

    LePou plugin

    Bello Denis! Mi sono sfogliato il sito che ho trovato alla prima ricerca, questo qua, e ho visto che c'è una marea di simulatori cabinet free, ne ho trovato anche uno per basso che sembra promettere bene!

    Si pilloso il sito di riferimento ora e' questo in quanto Lepou plugin purtroppo non esiste piu'.
    Quanto al simulatori di cabinet, credo che al netto della qualita' degli ampli facciano la vera differenza sul suono finale.
    Dai un'occhiata anche a questo (non e' free ma costa molto meno di altre suite) kuassa.com/products/amplifikation-360/