In rilievo Protezione diritto d'autore Creative Commons e altri metodi alternativi

This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

    Protezione diritto d'autore Creative Commons e altri metodi alternativi

    Ciao a tutti, qualcuno ha provato l'esperienza di proteggere i propri brani con "Creative commons" ?
    Mi sto' documentando in questi giorni e mi sembra molto interessante, anche se non ho capito bene come funzioni il sistema di inserimento dei metafile nel brano mp3, in modo da avere il link alla licenza di protezione.
    Avete info in merito ?
    Sarei interessato anche io a capire il meccanismo in tutta la sua completezza ...
    Sono un portatore sano di ignoranza.
    Motu 828MKII+ultralite; MPX1, VoiceWorkplus; UA SOLO610, SixQ; Apex460, SE4400A; ADAM A7, K240S, Liquid Mix; Yamaha S90ES e Motif Rack ES, Roland XV5080 e Fantom XR, GEM RP-X; Acuna88.
    Attenzione a non confondere le cose
    Creative Commons non sono un o strumento di protezione del diritto d'autore e nemmeno un sistema per certificare legalmente che ad una certa data una certa persona ha creato e registrato un'opera dell'ingegno.

    Le Creative Commons (spesso citate con la semlice sigla C.C.) sono solo un'insieme di semplici norme scritte in un corretto linguaggio giuridico che possono essere scelte (la scelta si fa fra le varie opzioni proposte) e dichiarate da parte dell'autore come licenza d'uso delle opere a cui si riferiscono.
    il sito di riferimento su cui si possono trovare informazioni per noi italiani è questo:
    creativecommons.it/

    Per poter avere una prova legalmente riconosciuta ed opponibile a terzi in un eventuale procedimento legale per plagio o roba simile occorre che l'opera sia registrata presso qualche ente riconosciuto che offra questo servizio.
    Ovviamente il primo e più noto è il registro della SIAE ma che notoriamente costa troppo per chi non ha grandi ritorni commerciali con le proprie opere.
    Ci sono molte alternative che si rifanno alla firma digitale che hanno invece un costo ragionevole; vi riporto 2 esempi:

    1) Copyzero: costozero.org/wai/copyzero.html
    Mi sembra che avesse un costo iniziale di affiliazione e poi un canone annuale ma non ne sono certo per cui vi rimando alla lettura del sito al link soprastante.

    2)Safe-Creative: safecreative.org/
    Completamente gratuito per il servizio base, offre poi qualche opzione a pagamento per i più esigenti.
    Questo è quello che uso io, oltre che per il costo 0, anche perché è veramente il più semplice da utilizzare, però so che in passato sono stati avanzati dubbi sulla sua effettiva utilità in caso di procedimenti giudiziari nei casi in cui la registrazione dell'utente non fosse rafforzata dalla trasmissione di documenti comprovanti la sua identità. Infatti ci si può registrare anche soltanto con la semplice comunicazione del proprio indirizzo e-mail che viene verificato col solito sistemino di messaggio a conferma, poi se uno vuole può aumentare il proprio livello di certificazione dotandosi di uno degli strumenti di firma digitale disponibili.
    Musica Habet Logica

    Ecco, questo era l'input che cercavo. Adesso rimane da capire cosa ci vuole per esercitare il diritto...
    Sono un portatore sano di ignoranza.
    Motu 828MKII+ultralite; MPX1, VoiceWorkplus; UA SOLO610, SixQ; Apex460, SE4400A; ADAM A7, K240S, Liquid Mix; Yamaha S90ES e Motif Rack ES, Roland XV5080 e Fantom XR, GEM RP-X; Acuna88.
    Azz... safecreative è in inglese.... lingua che non mastico bene, anzi la inghiotto sana....
    Sono un portatore sano di ignoranza.
    Motu 828MKII+ultralite; MPX1, VoiceWorkplus; UA SOLO610, SixQ; Apex460, SE4400A; ADAM A7, K240S, Liquid Mix; Yamaha S90ES e Motif Rack ES, Roland XV5080 e Fantom XR, GEM RP-X; Acuna88.
    come dice giustamente MHL, CC definisce la licenza che indica il tipo di uso che volete permettere delle vostre opera d'arte ma non serve per riconoscere/garantire la paternità dell'opera, quello è un passo precedente da fare in maniera indipendente dalla licenza CC che sceglierete di utilizzare.

    una volta fatto il primo passo (sancire in modo incotrovertibile che siete i padri dell'opera) scegliete la licenza CC e compilati i campi, vi verrà fornito il logo della licenza scelta da usare ad esempio sul libretto del cd o sulla cover art che metterete in download, dell'html da inserire nella pagine dove l'opera viene resa disponibili e dei metadati da inserire nell'opera. per gli mp3 si devono usare le tag disponibili al momento della creazione del mp3 stesso.
    Constellation : il mio nuovo lavoro da sentire e scaricare (post-rock / synths / piano)

    Youtube

    suoni modulari
    Mi sembra però molto strano che non abbia validità giuridica visto che i link delle licenze richiamano poi a tutta una serie di leggi tutelanti l'autore dell'opera.
    Capisco che non sia una associazione e che non prenderà le mie difese in sede legale, ma credo che in qualche modo le licenze CC costringano un eventuale editore a contattarmi se interessato a un mio brano. Altrimenti per quale motivo sembra che siano utilizzatissime anche da nomi prestigiosi?
    Comunque qualcuno mi sa spiegare come posso taggare correttamente un mio brano mp3 dopo aver ottenuto il codice licenza ?
    Come detto pecedentemente prima da MHL e poi da Kimu, un conto è stabilire la paternità di un'opera di ingegno e un conto è determinarne il tipo di distribuzione.
    La determinazione di paternità è una dimostrazione inconfutabile che in un dato momento io, prima di altri, ho prodotto quell'opera.
    La determinazione del tipo di distribuzione, è invece la gestione dei diritti (di commercializzazione, libera distribuzione, libera manipolazione e via di questo passo) da parte dell'autore o comunque di chi detiene i diritti di quell'opera.
    Bella zio, ci sei mancato!
    aggiungo a quello che dice Turbopage... le licenze CC non si occupano di raccolta o distribuzione di diritti come fa la SIAE, si limitano a definire e regolamentare il tipo di distribuzione che l'autore concede per la proprio opera. in caso di utilizzo non conforme sta all'autore prendere eventuali provvedimenti legali, ovviamente il fatto di avere una licenza CC registrata e una dimostrazione di paternità dovrebbe avere valore legale per sostenere un eventuale uso scorretto dell'opera da parte di altri.

    @dakota: nel programma che usi per convertire i tuoi file in mp3, dovresti avere la possibilità di compilare i campi ID3, tra queste ci sono le tag che indicano chi ha i diritti dell'opera e anche una tag commenti in cui puoi inserire i metadati avuti con la licenza
    Constellation : il mio nuovo lavoro da sentire e scaricare (post-rock / synths / piano)

    Youtube

    suoni modulari

    Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “kimu” ().

    Ecco che il quadro adesso appare più chiaro a chi, come me, è totalmente allo scuro di tali questioni.
    Sono un portatore sano di ignoranza.
    Motu 828MKII+ultralite; MPX1, VoiceWorkplus; UA SOLO610, SixQ; Apex460, SE4400A; ADAM A7, K240S, Liquid Mix; Yamaha S90ES e Motif Rack ES, Roland XV5080 e Fantom XR, GEM RP-X; Acuna88.
    Intanto grazie a tutti per i chiarimenti.
    Kimu sai dirmi nello specifico in quali campi inserire i dati di licenza ?
    Nel senso che dovrei in teoria inserire nel campo del Copyright la dicitura " creative commons, some rights reserved", poi creative commons quando chiedo una licenza mi crea un html con all'interno sia il codice licenza che il link alla pagina di tale licenza semplificata, ma non so sinceramente dove inserirli e se in formato txt credo.

    Quindi mi sembra di capire che io indico a tutti come possono usufruire della mia Song ma potrebbero palesemente rubarmela ?

    Scusate se insisto ma mi é capitata l'occasione di dare in mano una mia canzone a una persona che la porterà molto in giro a suo modo (nel senso che non mi interessa il discorso siae).Il problema é che questa persona attualmente vanta filmati su youtube con 18000 visualizzazioni e sta riscuotendo molto successo.Forse non finira in niente, ma io non so bene come comportarmi.
    Per questo chiedo consigli.
    Mi sembrava interessante il discorso delle creative commons in quanto in qualche maniera tutela me e anche lui a divulgare la mia musica in modo trasparente e lecito.
    Mi piacerebbe però che se dovesse ricevere una qualsiasi proposta seria, fossero obbligati sia lui che l'editore a trattare con me.
    Questo é il succo della faccenda, così ora potete consigliarmi al meglio.
    Grazie.
    io ho fatto cosi': nella pagine di download ho inserito l' HTML ricevuto all'attivazione della licenza, nel booklet del cd ho messo il simbolo della licenza, negli MP3 ho messo nella tag copyright il mio nome e la dicitura sotto CC-BY-NC-ND 3.0 , poi nella tag commenti i metadati in formato txt.

    per quando riguarda il resto, se vuoi avere una distribuzione commerciale devi scegliere la licenza corrispondente e concordare con tu con il tuo partner in cosa consista la parte "commerciale".

    chiunque voglia usare i tuoi brani per fine commerciali deve contattarti. se scegli licenze non commerciali invece possono usare i tuoi brani senza dirti nulla a patto di restare nell'ambito della licenza.

    ovviamente, ma esattamente come se la depositassi in SIAE, qualunque potrebbe "rubartela".
    Constellation : il mio nuovo lavoro da sentire e scaricare (post-rock / synths / piano)

    Youtube

    suoni modulari

    dakota ha scritto:

    Scusate se insisto ma mi é capitata l'occasione di dare in mano una mia canzone a una persona che la porterà molto in giro a suo modo (nel senso che non mi interessa il discorso siae).Il problema é che questa persona attualmente vanta filmati su youtube con 18000 visualizzazioni e sta riscuotendo molto successo.Forse non finira in niente, ma io non so bene come comportarmi.

    In questo caso l'unica cosa effettivamente necessaria è quella di certificarti in qualche modo come autore dei brani in oggetto, di metodi ce ne sono veramente un'infinità: da quelli più ovvi e sicuri fino a quelli più fantasiosi e anche di dubbia efficacia.
    Io tanti anni fa andai in posta per autospedirmi un pacchetto con dentro il CD che conteneva le opere che avevo fatto fino ad allora, successivamente mi sono affidato ad un servizio che sta un po' in mezzo ma che essendo a costo 0 potrebbe anche riservare qualche sorpresa senza possibilità di appello (non potrei fare certo causa a loro se la prova certa che mi hanno fornito non rispecchia le caratteristiche necessarie per la legge in quanto con loro non ho ne un contratto scritto di garanzia ne un contratto di fatto che si evidenzierebbe con il pagamento del servizio) ma per quel che ho pubblicato io il gioco vale la candela.
    Se proprio a qualche pazzo maniaco poi gli venisse in mente di plagiarmi e a qualcun'altro ancora più pazzo invece gli venisse in mente di utilizzare commercialmente quella roba avremo la conferma o la smentita sull'efficacia del metodo, per ora a me sta bene così.

    La licenza CC potresti anche ometterla e scrivere una dichiarazione firmata con cui in qualità di autore del brano "Musica Ganza che Spacca di Brutto" concedi al tuo amico di utilizzarla esclusivamente per questo, quello e quell'altro scopo, comunque non essendo il brano sottoposto alla tutela di SIAE o qualunque altro ente equiparato l'unico che potrebbe creare problemi legali al tuo amico sei solo tu e quindi la licenza CC o la dichiarazione servirebbe più a lui che a te.
    Comunque sui siti di riferimento si dovrebbero trovare sufficienti informazioni su come applicare correttamente le licenze standard CC con tanto di FAQ.
    Musica Habet Logica

    mi sento di dissentire :huh:

    sicuramente è necessario tutelarsi circa la paternità dell'opera, ma lo è anche con una licenza che definisca il tipo di distribuzione permesso.
    se alla fine non usi nè SIAE, nè CC nè altro ma fai un contratto o scrittura privata con questo tizio dovresti anche mettere che lui ha l'esclusiva per la distribuzione del pezzo e che chiunque altro ne entri in possesso firmi un analogo contratto, altrimenti questo "chiunque altro che ne entri in possesso" lo potrebbe usare senza violare alcunchè non essendo il pezzo potretto da nessun tipo di copyright/copyleft/some right reserved.

    cioè, diciamo che io entro in possesso del pezzo, il pezzo non è depositato in SIAE e non ci sono licenze CC associate, lo metto in commercio indicando chiaramente che dakota è l'autore dell'opera ma legalmente (a meno che non esista un contratto di esclusiva con l'altro tizio) potrei usarlo a mio piacimento senza infrangere nulla (visto che non c'e' nulla) o sbaglio?
    Constellation : il mio nuovo lavoro da sentire e scaricare (post-rock / synths / piano)

    Youtube

    suoni modulari

    Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “kimu” ().

    kimu ha scritto:

    cioè, diciamo che io entro in possesso del pezzo, il pezzo non è depositato in SIAE e non ci sono licenze CC associate, lo metto in commercio indicando chiaramente che dakota è l'autore dell'opera ma legalmente (a meno che non esista un contratto di esclusiva con l'altro tizio) potrei usarlo a mio piacimento senza infrangere nulla (visto che non c'e' nulla) o sbaglio?
    Non credo di avere la verità in tasca per cui consiglio chiunque a cercare informazioni presso qualche fonte totalmente attendibile (cosa che cercherò di fare io stesso) però a me risultava che la legge italiana considerasse di fatto il diritto d'autore con la modalità dei "tutti i diritti riservati" all'autore stesso fin dal momento della creazione dell'opera, di qui le licenze copyleft che vanno a dichiarare la volontà dell'autore di rinunciare ad alcuni dei "diritti naturali" già riconosciuti.

    A meno che questa mia informazione risultasse poi campata in aria, chiunque provasse ad attribuirsi i diritti commerciali su un'opera senza averne avuta specifica concessione da parte dell'autore sarebbe passibile di denuncia da parte del medesimo.

    E comunque a parte questa questione più o meno marginale, io non sto certo sconsigliando Dakota ad applicare una licenza C.C.
    Musica Habet Logica

    Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “MHL” ().

    Penso che Kimu abbia ragione.Comunque un pezzo tutelato perlomeno da una licenza di distribuzione dettata dall'autore dovrebbe mettere in condizione l'eventuale "produttore" o utilizzatore per fini commerciali di contattarti, se vuole essere sicuro di non ricevere querele. Dopotutto non avrebbe la certezza che il brano non sia stato depositato in altre forme.
    Kimu non hai un pezzo scaricabile licenziato CC in modo che possa vedere i tuoi tag ? Se non chiedo troppo ti ringrazierei molto.
    @dakota, se hai la banda larga puoi scaricare lo zippone con l'album seguendo la firma (cosi' vedi anche l'html nel sito e la copertina con il simbolo CC).
    altrimenti mandami in pm la mail che ti invio un solo mp3

    @MHL: credo tu abbia ragione sul tema del diritto d'autore cmq protetto a prescindere da forme di tutela, LINK. la SIAE, i CC e le altre possibilità regolano lo sfruttamento economico o meno dell'opera.
    Constellation : il mio nuovo lavoro da sentire e scaricare (post-rock / synths / piano)

    Youtube

    suoni modulari
    da studente di giurisprudenza provo a rispondere un po' meglio:
    (ah questo non è una consulenza giuridica quindi se vi succedono casini fatti vostri :D )

    son d'accordo con MHL e gli altri:
    il diritto d'autore sull'opera nasce nel momento in cui la crei. Quindi di per se nessuno può usarla a suo piacimento, che ci sia scritto qualcosa o meno.
    Il problema è dimostrare l'esistenza di questo diritto (il fatto che tu l'hai fatta).
    La prova più comune è appunto la SIAE. Personalmente credo che tutte le altre strade, da quelle più fantasiose (mandare il brano al presidente della repubblica, etc) a copyzero, non abbiano un efficacia reale poi in un eventuale processo. Onestamente però non so se sia mai capitato a un giudice di decidere su un caso del genere.

    Le cc servono a un passo successivo alla protezione del diritto d'autore. Appurato che tu hai tale diritto, scegli come goderne.
    Attraverso le cc decidi di cedere alcuni diritti in favore dei terzi.

    Tra l'altro se guardi nelle faq, alla domanda numero 14, accenna un attimo a queste cose creativecommons.it/faq#14