E Alitalia se ne va

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      RE: perché, no?!...

      domandina..
      avete mai lavorato per una multinazionale con headquarter in francia?

      beh ...io si, per ben 6 anni.
      e non starei affatto tranquillo....
      Non discutere mai con un idiota. Prima ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza

      RE: perché, no?!...

      ... quindi rar... in un certo senso mi dai ragione?
      Pensi anche tu che "regalarla" ai francesi sia un grave errore?

      Io con una multinazionale finnica... ora diventato in parte anche tedesca e questo per 3 anni.

      Fusione in ogni senso. Nelle fusioni oltretutto si prende il buono, ma anche il cattivo della controparte. Come quando hp si unì a compaq.

      E' un pò come un matrimonio. Ci sono dei compromessi a cui assoggettarsi oppure si muore, in senso figurato.
      Korg DW8000, Roland U220, Yamaha TX81Z, Casio RZ1, ART DRX, Yamaha PSE, Korg SD400, Hercules 16/12 FW, Atari 1040STF, Intel P4 2.8 1Gb, Cubase LE 1.09, SD Curlee, MAudio Nova, Shure Beta SM58, Korg Kmp68 e altro ancora. :]

      Post was edited 1 time, last by “Luke63” ().

      RE: perché, no?!...

      ... quindi rar... in un certo senso mi dai ragione?
      Pensi anche tu che "regalarla" ai francesi sia un grave errore?

      Io con una multinazionale finnica... ora diventato in parte anche tedesca e questo per 3 anni.

      Fusione in ogni senso. Nelle fusioni oltretutto si prende il buono, ma anche il cattivo della controparte. Come quando hp si unì a compaq.

      E' un pò come un matrimonio. Ci sono dei compromessi a cui assoggettarsi oppure si muore, in senso figurato.


      uhm luke..in realtà NI.
      ti do ragione se dici Alitalia agli italiani, perchè sul concetto della compagnia di bandiera ci tengo.
      in realtà però una compagnia che perde 1,5 mln al giorno (stando a quanto riportato sul sole 24 ore) e che resta sul groppone a noi, onestamente preferisco venderla (e anche svenderla, se serve).
      Per 2 ordini di ragioni :
      a) un passivo di quel genere porta un aggravio al bilancio statale e di conseguenza alle tasse che paghiamo noi
      b) una controllante (che sia straniera o italiana) che investe soldi freschi può con un opportuno piano di risanamento riportare i conti a livelli accettabili, ma di sicuro toglie allo stato italiano un peso.

      Ora, l'unica cosa che importa è che ci sia tutela per i lavoratori. Questo indipendentemente da una cordata italiana (che per ora è solo un film del cavaliere, ma attendiamo...) o AirFrance o Vattelappesca Inc USA.
      La rivisitazione dell'offerta AirFrance viene fuori non dalla proposta di cordata di berlusconi ma dall'opposizione ferma dei sindacati che hanno promesso fuoco e fiamme in caso di epurazione degli esuberi.

      Sono pronto, da uomo di sinistra, a levarmi il cappello davanti a Berlusconi o a chiunque venga a rilevare una società con un bilancio da buco nero per dare nuova linfa e che al contempo preservi i lavoratori.
      In questo senso, ho un odio viscerale per Prodi che ai tempi dell'IRI fece un autentico repulisti....tutti bravi a risanare cacciando migliaia di persone...
      Per quella che è la mia esperienza dei francesi, dico solo che il rischio esiste. Che sti signori sono bravissimi a spremere le controllate per poi tirarsi fuori con abilità tali che la finanza creativa è roba da bambini, in confronto.

      Detto questo, l'articolo di scalfari era interessante solo perchè rimestava in un passato non troppo "passato" del cavaliere che ha già usato questi mezzucci speculando sulla pelle delle persone. Ripeto anche che se non sarà così sarò prontissimo a fare pubblica ammenda, ma sarà da disilluso impenitente, se non vedo non credo! che questo signore della fiducia degli italiani ne ha già fatto carne da macello.
      Non discutere mai con un idiota. Prima ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza

      RE: perché, no?!...

      Originally posted by _RaR_

      La rivisitazione dell'offerta AirFrance viene fuori non dalla proposta di cordata di berlusconi ma dall'opposizione ferma dei sindacati che hanno promesso fuoco e fiamme in caso di epurazione degli esuberi.



      non ce la fai proprio ad ammettere una verità vero?
      chi sarebbero i sindacati che hanno fermato airfrance?

      :sbonk: :sbonk: :sbonk: :sbonk: :sbonk: :sbonk: :sbonk: :sbonk:

      incredibile..
      :dj2:
      odio le parole e la teoria
      amo la psichedelica
      :]my soundclick :]

      RE: perché, no?!...

      Originally posted by fabioperso80
      Originally posted by _RaR_

      La rivisitazione dell'offerta AirFrance viene fuori non dalla proposta di cordata di berlusconi ma dall'opposizione ferma dei sindacati che hanno promesso fuoco e fiamme in caso di epurazione degli esuberi.



      non ce la fai proprio ad ammettere una verità vero?
      chi sarebbero i sindacati che hanno fermato airfrance?

      :sbonk: :sbonk: :sbonk: :sbonk: :sbonk: :sbonk: :sbonk: :sbonk:

      incredibile..


      fatti, Fabio...non pugnette.
      O credi che Airfrance stia ristudiando l'offerta perchè un ipotetico concorrente abbia detto "ora faccio una cordata e la prendo io" ?
      Non discutere mai con un idiota. Prima ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza
      Perché si temono ingerenze Berlusconiane?


      ....perchè non se ne può più ?? delle solite facce .

      potrebbe essere un risposta sensata?

      quindi chi ha lavorato in una società in francia sa come funziona tutta la francia ? quindi se una ragazza inglese viene qui e un ragazzo con il mandolino gli tocca il sedere tutti gli italiani sono dei suonatori pervertiti che pizzicano il sedere alle straniere..aspè manca anche la pizza..ha le mani occupate. 8)

      Post was edited 1 time, last by “SyntaX” ().

      infatti i fatti sono che fino a prima dell'intervento del cavaliere i sindacati piangevano di essere stati messi all'angolo..
      e airfrance non muoveva un dito..

      per favore diciamo la verità...
      e aspettiamo...
      il tempo è galantuomo...
      come sempre..

      intanto vuoi o non vuoi il risultato di ammorbidire spinetta (l'uomo di ferro solo con prodi e tps) è andato in porto..

      questi sono i fatti!

      il resto bisogna attendere...
      :dj2:
      odio le parole e la teoria
      amo la psichedelica
      :]my soundclick :]
      Originally posted by muscolar
      Perché si temono ingerenze Berlusconiane?


      ....perchè non se ne può più ?? delle solite facce .

      potrebbe essere un risposta sensata?

      quindi chi ha lavorato in una società in francia sa come funziona tutta la francia ? quindi se una ragazza inglese viene qui e un ragazzo con il mandolino gli tocca il sedere tutti gli italiani sono dei suonatori pervertiti che pizzicano il sedere alle straniere..aspè manca anche la pizza..ha le mani occupate. 8)


      certo che no, ci mancherebbe.
      e spero di sbagliare.
      Non discutere mai con un idiota. Prima ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza
      mmm beh fabio, parlando seriamente...

      se devo comprare una azienda, la quale è tagliata fuori da determinate cose, perkè non ha goduto di liquidi da investire in nuove opportunità lavorative, sinceramente, non ha molta convenienza comprare...

      nel senso, se alitalia, non riuscisse ad entrare nel pacchetto internazionale, che scade il 30 marzo, perderebbe tanto e poi ancora tanto valore... già siamo messi male, pensa te senza quel supplemento, come ci si ritrova...

      Alitalia, altro non è che l'ennesima boiata all'italiana..
      si poteva salvare tempo fa, ma governo dopo governo, e mettiamoci veramente tutti senza escludere nessuno, hanno sempre fatto al mossa giuste per le tasche di chi era al governo in quel momento.

      da quel che sono riuscito a risalire, fin dalla fine degli anni 80, alitalia è sempre stata una zavorra, sempre + appesantita, da ogni governo.

      tutti ci hanno mangiato sopra, e pochi ci hanno messo qualcosa di buono.

      il perkè? non dichiaro nulla di offensivo, la metto sul piano che non sono stati in grado di gestire la cosa, altre opinioni personali, le tengo per me :D

      chi lavora con la borsa, di sicuro conosce meglio, e vede meglio certi movimenti, rispetto a noi, che la borsa sappiamo a malapena cosa sia.

      quindi, ste cordate "fasulle" dove sono?
      annunci alla Berlusconi, si dice che, siano i classici annunci per farcire le azioni, comprate a basso costo, e in un paio di giorni schizzano in alto.

      se io dico che sto facendo una cordata, chi mi crede?
      se lo dice Berlusconi, o qualsiasi altro politico di un certo peso, come anche un Montezemolo, o un Benetton, ecc ecc, di certo i piccoli investitori, comprano a occhi chiusi le azioni...

      poi però se la cordata che tiene alto il valore delle azioni non esce, le azioni perdono di nuovo..

      che poi la società fallisca, e chi si fidava perde tutti i risparmi, a queste persone che annunciano, penso non gliene freghi proprio nulla... loro non mangiano seduti a tavola con me, con il piano cottura dietro la schiena... giusto per intenderci...

      quindi che penso ora... penso che alitalia, debba essere venduta, il + presto possibile, e no a cordate italiane, o simili...
      non so perkè, ma ho come l'impressione che se una cordata italiana comrpasse, e magari quella cordata si trovasse con i favori di un governo appena eletto, succederebbe che Alitalia non sarebbe + privata, ma riceverebbe chissà quanti fondi statali per essere risanata, e quando sarà risanata, sarà venduta a caro prezzo...

      ovvero, restauro Alitalia a gratis, e la rivendo a cifre assurde, mettendo in tasca solo il guadagno netto, senza spesa...
      la cosa mi pare molto chiara, e non parlo contro silvio, ma contro chiunque facesse una mossa simile.

      di esempi simili, purtroppo ce ne sono a quintali nel nostro vecchio stivale, a me piacerebbe che non si ripeta ancora la stessa storia.

      ormai l'italia è in svendita, la cosa veramente bastarda, è che fino all'altro giorno, veniva svenduta a grossi gruppi italiani, che compravano pezzi di enorme valore, a prezzi irrisori...

      adesso, l'europa intera, non ci sta a vedere i ricconi italiani, comprare tutto a prezzi così bassi, quindi ci sono le "cordate" europee, in italia...
      pare così semplice capire ste cose... possibile che non si capiscano? :D

      nella mia piccola padova, hanno restaurato edifici antichi, di enorme valore, a spese del cittadino, e come i restauri sono finiti, siccome costava troppo mantenere certi edifici storici, sono stati venduti a prezzi scandalosi (in basso intendo... quasi quasi potevo permettermi pure io uno di quei palazzoni di epoca medievale :D).
      fin qui tutto quasi bene... la cosa malvagia sono i compratori...
      lascio indovinare chi erano, o meglio di quale partito erano i responsabili, o per il quale coprivano cariche in giunta comunale, provinciale, regionale... tutto legale, nulla di illegale, ma di sicuro, come si dice da queste parti, un TRAMACIO ignobile..

      famoso copione all'italia insomma...

      ecco secondo me, stanno facendo la stessa cosa con alitalia... dopotutto hann ofatto cose simili anche con poste italiane, e ferrovie della stato...

      e guarda te il caso, chi ha manovrato (o quale suo caro amico) queste compravendite? bah.. un personaggio sconosciuto :D ma tanto chiaccherato...
      lo potete vedere spesso in un famoso TG privato :D

      8)
      Originally posted by fabioperso80
      io credo poco a tutti sti malefici..
      aspettiamo e si vedrà..


      D'accordo, aspettiamo... :smoky:

      Nel frattempo penso si possa fare un ragionamento:
      Su molti temi (mi viene in mente per primo quello delle libertà civili in campo familiare-sessuale, medico ecc.) la campagna elettorale si può fare in due modi: per vincere, cercando di incontrare le aspettative del cosidetto "centro moderato-cattolico-ceto medio ecc."; oppure si fa campagna elettorale per ribadire la propria esistenza di nicchia, calcando la mano su posizioni estreme.

      Tornando al caso di Alitalia, i partiti identitari scelgono parole d'ordine del tipo:
      - "Francia o Spagna, purché qualcuno se la magna" (esterofilia, con la quale non si vincono le elezioni, nemmeno in Italia);
      - "Il Piave mormorò non passa lo stranier" (ultranazionalismo alla balcanica, anche questo credo abbia poca presa da solo);
      - "Salvare il posto ai lavoratori, a qualunque costo" (cioè a prescindere da quanto denaro pubblico ci vuole e per quanto tempo).
      - "I lavoratori Alitalia andrebbero licenziati tutti dal primo all'ultimo, insieme ai loro sindacalisti! In un mercato libero di concorrenza perfetta nessun aiuto di Stato a nessuna impresa! (e poi arriva comodo Gazprom a raccogliere i cocci...).

      Fin qui, la parte facile del discorso.
      Secondo me il difficile è, per partiti che vogliano riscuotere un consenso largo, scegliere una linea.
      In altre parole: tolte tutte le posizioni elencate sopra, cosa vorrebbero gli italiani riguardo a Alitalia?
      L'approccio "terzista" di Fassino, che si mostra non coinvolto dall'italianità dell'azienda e dice "fa acqua, è un rottame, dobbiamo liberarcene, ben venga Air France..."
      O l'approccio "da venditore" di Silvio Berlusconi, che con lo scatto di orgoglio almeno cerca di mettere i presupposti per una contrattazione alla pari?

      Ho fatto la domanda (cosa vogliono gli italiani medi?), provo a dare una risposta.
      In quanto membri di una società opulenta in difficoltà, non avrebbero particolare voglia di mettersi là con la lente d'ingrandimento a rintracciare ogni spreco, razionalizzare, sistemare... Son cose noiose e chiunque preferirebbe starsene in amaca col ghiacciolo all'ombra, a godersi placido il passeggìo estivo dei bikini ondeggianti e tondeggianti.
      Quindi, di volta in volta il fastidio delle oggettive difficoltà economiche trova un "capro espiatorio" (per carità: tutt'altro che innocente) sul quale scaricarsi. Ma senza costanza, senza convinzione. Se viene sostituito da un nuovo bersaglio, se ne torna nel dimenticatoio insieme agli altri pesi e costi assistenziali, che sono tanti.

      E allora? La risposta potrebbe essere: gli italiani medi non sanno quel che vogliono per Alitalia e smetteranno di pensarci appena si passerà a parlare d'altro, che la questione Alitalia sia stata risolta o no, e in qualsiasi modo.

      Ah, che bello il lusso di potersi disinteressare dei problemi molto gravi (ma non seri :Tr).

      Post was edited 1 time, last by “Collo” ().

      l'italiano medio secondo me si è stufato delle trattative ad ogni costo che nascondono sempre chissachecosa..
      si è stancato anche di sborsare soldi a raffica...
      infine come vuole il buosenso odia gli esuberi dei poveri lavoratori..

      l'unica soluzione possibile che accontenti tutti è l'arrivo di lufhtanza..
      insieme ad una cordata di imprenditori italiani...

      perchè?

      semplice...
      ripeto..

      la francia usa una politica di accentramento per quanto riguarda i voli..e cioè predilige far confluire tutto a parigi...
      e stiamo attenti a credere che il mercato di alitalia non interessa a nessuno..
      il passo che ha fatto spinetta toglie ogni ombra di dubbio..
      e cioè che il mercato italiano fa gola...

      la germania fa l'esatto contrario con tre hub internazionali!

      chi ha fallito per l'ennesima volta è il governo in carica che ha permesso la "due diligence" ( visione dei conti di una azienda ) soltanto ad airfrance..
      è questo il motivo per i lquale si sono defilate prima airone e poi lufthanza...

      il governo ancora oggi con il suo ministro dell'economia continua a dire che il 31 marzo fiisce il mondo..
      invece, sindacati, la stessa airfrance, lo stesso ministro dei trasporti bianchi continuano a dire il contrario..

      è ormai chiarissimo che il governo vuole chiudere l'accordo prima che finisca il suo mandato elettorale..ed è anche chiarissimo il perchè...

      detto questo cmq le posizioni son cambiate radicalmente e ora cmq vada andrà sicuramente meglio di come stava gestendo in modo altamente antipatriota il governo in carica...

      è già un risultato concreto e un punto a favore nostro!

      io continuo a pensare che debba entrare lufthanza+cordatata italiana nella trattativa non fosse altro perchè airfrance si troverebbe ancora a rivedere le proprie posizioni per aggiudicarsi la trattativa...
      secondo le più elementari norme di concorrenza...

      staremo a vedere..

      una cosa è certa..
      silvio berlusconi non è stupido!
      ne tantomeno avrebbe rischiato così tanto senza una base solida..
      questo è scontato...il resto sono balle...
      :dj2:
      odio le parole e la teoria
      amo la psichedelica
      :]my soundclick :]

      Post was edited 1 time, last by “fabioperso80” ().

      comunque...

      ... come si dice? Le chiacchiere stanno a zero.

      Speriamo i tempi siano maturi per una risoluzione del problema.
      Personalmente credo che ci saranno tagli al personale.
      Chi comprerà vorrà garanzie. Essendo un tipo di lavoro che dev'essere coperto 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, il personale strettamente necessario, competente, non fancazzista a parer mio sarà tenuto. Il resto dovrà trovarsi un altro posto di lavoro.

      Se un'azienda dovrebbe avere normalmente 100 dipendenti e invece ne ha 110 è ovvio che ce ne sono 10 in più. Razionalmente parlando cosa può fare un datore di lavoro che vede la sua azienda in perdita? Cerca di limitare i costi e aumentare le entrate. Se però aumentando il prodotto (rincari) non si risolve il problema è ovvio che bisogna andare a toccare la voce spesa. Se i dipendenti (tutti) chiedono un aumento e questo non è giustificato dalla mole di lavoro svolto da ciascun lavoratore è ovvio che a farne le spese sarà colui che non produce o che produce poco. Poi siccome siamo in Italia molto spesso si lavora di favoritismo. Quindi, del tipo, siccome quello è il figlio/nipote del tal politico/assessore quello me lo devo tenere, mentre magari mando a casa chi si è sempre comportato in maniera onesta e leale. Se a subentrare sarà una cordata italiana credo che avverrà così come ho detto poco fa, se invece arriveranno i francesi molti fancazzisti dell'alitalia dovranno cercarsi già un altro lavoro.

      Il fancazzismo è una piaga sociale come il bullismo nelle scuole.

      Vado ot. Io a causa di questo mi sono ritrovato dall'oggi al domani senza lavoro. Questo perché una fancazzista (eh si... una donna, ma poteva anche essere un uomo) ammanicata col responsabile interno ha taciuto all'azienda (noi eravamo tutti esterni) di essere incinta durante il periodo di prova. Con la precedente azienda aveva chiesto ed ottenuto la licenza matrimoniale per sposarsi in Albania. Ma non si è mai sposata! Che dite? Avrà allargato le gambe a qualcuno? X( Ne ha fatte di cotte e di crude... come quando installò sul pc aziendale (della ditta presso cui noi lavoravamo) del software non autorizzato. Quando poi il responsabile nostro guardò nel pc e si rese conto che l'installazione era avvenuta durante il lavoro di questa collega lei ha negato ogni cosa! 8o
      Morale della favola ci siam beccati tutti un rimprovero scritto, non una vera e propria lettera di richiamo, nella quale venivamo avvisati di prestare attenzione a non installare sw non autorizzato. Lei è stata l'unica che non ha voluto firmare per avvenuta conoscenza il foglio che le era stato dato. Avrei fatto bene a trovarmi subito un altro posto di lavoro. L'unico rammarico sta nel fatto che io mi fidavo di più del responsabile interno. Gli raccontai le mie difficoltà. Mi fidai di lui. Poi è stato proprio lui a mettermelo in quel posto! X(

      Per cui se avete amici in Alitalia, vi consiglio di parlar loro in maniera sincera... trovatevi un altro posto di lavoro se solo avete avvisaglie di non essere ben visti in azienda. Io l'ho capito quando oramai era troppo tardi e i tempi tecnici per trovare un lavoro non c'erano più. Meno male che l'azienda presso cui lavoro ora era una consociata (leggasi cooperativa) di quella presso cui lavoravo prima e quindi sono stato a casa solo una settimana. Altrimenti erano guai.

      Ritengo che qualcuno ci rimetterà le penne. E se Alitalia andrà a finire ai francesi, i sindacati potranno sbattere i piedi quanto vorranno... non otterrano nulla. E se siamo arrivati a questo punto, la colpa è anche dei sindacati. Dove eravate voi quando Alitalia assumeva personale in più?
      E' inutile prendersela solo cogli imprenditori, coi lavoratori, con Berlusconi (chissà come mai tutti i mali italiani sono SEMPRE colpa sua! :roll2:) o con chi volete voi... ciascuno ha le proprie colpe e si deve assumere le proprie responsabilità. E' inutile addossare le colpe su una figura sola. Alitalia come azienda statale ha beneficiato di troppi privilegi. Ma siccome siamo in Italia, si troverà il capro espiatorio.

      Quello che auspico è che siano pochi quelli che saranno cacciati via da Alitalia ed auguro a loro fin da ora di trovare presto una nuova occupazione. Se sono fancazzisti, dico loro di farsi un bell'esame di coscienza e di mettersi in riga! Non si può sempre campare sulle spalle degli altri. Prima o poi i nodi vengono tutti al pettine.

      Ciao!
      Korg DW8000, Roland U220, Yamaha TX81Z, Casio RZ1, ART DRX, Yamaha PSE, Korg SD400, Hercules 16/12 FW, Atari 1040STF, Intel P4 2.8 1Gb, Cubase LE 1.09, SD Curlee, MAudio Nova, Shure Beta SM58, Korg Kmp68 e altro ancora. :]

      RE: comunque...

      Luke, non tutti i mali dell'italia sono dovuti a Bersluconi, ma di sicuro, quelli + eclatanti degli ultimi anni, purtroppo, partono sempre da lui...

      e ripeto, quelli + eclatanti, non tutti...

      poi per i veri mali dell'italia, una gran colpa, io la do al popolo italiano stesso... siamo, spesso, troppo idioti... :D

      ora Alitalia, cosa vuole il popolo italiano?
      non interessa a nessuno :(

      ho chiesto quante volte avete volato con Alitalia, perkè, avevo paura rispondeste che non eravate mai saliti su alitalia...
      comunque, visto che ci siete saliti, mi date conferma del scarso servizio che alitalia offre?
      con prezzi pari se non superiori, ai migliori servizi del settore... vedi Lufthansa, KLM, Air One, Lauda Air...
      offrono molto + di alitalia, con una flotta tecnologicamene + avanzata, ecc ecc ecc...

      cioè, personalmente, a me, pare assurdo, voler salvare dalla distruzione, una catapecchia ormai pericolante da anni.
      mi spiace per i lavoratori, ma giustamente come dice Luke, li dentro, ce ne sono troppi che non fanno una mazza tutto il giorno, perkè allora, salvaguardarli?
      perkè devono pagare, noi tutti cittadini, per un problema che noi cittadini non abbiamo creato?

      chi ha fatto sto enorme buco in alitalia? questo non lo si dice proprio mai...
      io, le rogne italiane, le farei pagare a chi le ha causate, senza esclusione di colpi...

      quindi, è inutile incolpare questo governo in carica, e assolvere quello prima, o quella prima ancora, o prima ancora, e così via fino all'alba dei tempi...
      tutti, hanno mangiato qualcosa, e sperperato qualcos'altro, e adesso, fanno a gara per trovare un responsabile, che altro non è che, loro stessi, in toto.

      ci mancava Bersluconi, con le sue dichiarazioni, nel momento meno adatto..
      se sei un politico onesto, non dichiari certe cose in TV, per fare il bello, le fai punto e basta, se le vuoi fare naturalmente...

      che senso ha muovere un polverone simile, in piena campagna elettorale? non poteva fare la sua cordata, 6 mesi fa? cosa cambia da 6 mesi fa, ad oggi?

      alitalia, era la stessa rogna, anche sei mesi fa... però solo ora che la trattativa stava arrivando forse alla sua fine, si rimette tutto in gioco, e si tira avanti ancora un pò...
      intanto il debito aumento, e lo stato continua a pagare, con i nostri soldi...

      cos'è questa, una mossa responsabile nei confronti del popolo italiano, che chiede di tagliare le spese?
      ogni mese di alitalia, ci costa caro... ciudiamo sta storia, e andiamo oltre...

      e metto pure un puntino sulla faccenda Berlusconi...
      anche sto governo, se ne fregasse di Silvio, e firmasse la trattativa...
      e invece no, pure loro devono fare la contromossa polotica in campagna elettorale...

      quindi da una dichiarazione azzardata (come dice fabioperso, meno parole e + fatti, ma qui per ora, ci sono solo parole... :( ), ha generato solo altro caos, altro fuoco al fuoco...

      e intanto noi, tutti, paghiamo altre conseguenze...

      bah!! se al popolo sta bene così, io di certo non discuto... però se poi qualcuno si lamenta che si pagano troppe tasse, dentro di me, mi verrebbe veramente di dirgli che è un idiota...
      e chi invece le tasse ce le ha diminuite, caso strano, all'epoca, in busta paga mi sono trovato 37,20 euro netti in meno ogni mese, che sono finiti nell'IRPEF, + mi sono pagato di tasca mia il prontosoccorso, cosa che non mi era mai successa...
      :Aa :Aa :Aa :Aa :Aa :Aa :Aa :Aa :Aa :Aa :Aa :Aa :Aa :Aa :Aa :Aa
      e per fortuna che le tasse erano diminuite... 8o
      e per fortuna poi, che ci sono tanti politici che mi spiegano il perkè di tutte queste cose... certo da destra a sinistra, ho ricevuto una quantità tale di spiegazioni, informazioni, ecc ecc, che dopo 5 anni, sono ancora alla ricerca di una risposta MATEMATICAMENTE logica...

      8)
      alitalia è un'azienda che non produce utili... purtroppo ha avuto una gestione manageriale sbagliata, che ha prodotto instabilità economica e debiti.

      ora si pone la questione: cosa vogliamo fare di questi servizi così importanti? internalizzarli (come era prima) ma sorbendoci i debiti che producono a livello collettivo

      o permettere che le aziende più virtuose, anche se estere, offrano un servizio competitivo?

      ogni scelta ha dei pro e dei contro... nel primo caso si considera come interesse nazionale il fatto di avere una compagnia di bandiera di aereoplani, sottraendo alla concorrenza e alle leggi di mercato un'azienda perché il servizio che offre ha un'importanza molto elevata. ma il costo è quello di una gestione economicamente meno efficiente, e quindi produttrice di debiti (anche se gli utili si potrebbero fare... è la storia che ci dice che un'azienda statale difficilmente produce utili)

      nel secondo caso si lascia fare al mercato, nella speranza che la concorrenza offra sempre al prezzo più basso possibile il servizio al cittadino.

      insomma... una volta ci lamentiamo che il governo dava migliaia di migliardi alla FIAT per scongiurare crisi occupazionali sotto il "ricatto" della famiglia agnelli e poi ci strappiamo le vesti se alitalia viene venduta... certo che mi dispiace per chi dovesse rimanere a casa... ma non ci si poteva pensare prima?