Digitale Terrestre... opinioni

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Quali paesi? In UK stanno passando tutto in DVB-T, certo loro sono avanti e stanno già pensando al DVB-T2, nuova tecnologia ancora in sviluppo. Nel resto dell'europa sono messi più o meno come noi. Brasile e sud-america stanno digitalizzando, con uno standard diverso ma sempre digitale terrestre. Sud-Africa dopo lotte per decidere se usare il sistema DVB o ISDBT del sudamerica ha deciso per DVB e sta digitalizzando tutto. Negli stati uniti il passaggio al sistema digitale terrestre ATSC mi pare l'abbia imposto Obama quando è salito in carica, sicuramente li usano molto di più cavo per ragioni storiche. In Italia le alternative ci sono, satellite e IPTV.

      Magari i vantaggi sono poco visibili ma ci sono. I sistemi digitali hanno sicuramente una facilità di gestione maggiore, richiedono meno potenza quindi risparmio in termini di consumi e di inquinamento elettromagnetico. Permetterebbero una maggiore interoperabilità fra servizi diversi (e-government?). Anche il risparmio di frequenze sarebbe un gran vantaggio, se poi non fossimo un paese di furbetti...



      So che in Svizzera stanno già andando oltre.E ovunque leggo che il futuro è internet banda larga e fibre ottiche, non certo DVB.
      Sul discorso energetico avevo letto che in realtà i ripetitori sul digitale dovrebbero prevedere una maggiore copertura, quindi più potenza, quindi più watt.
      Ma in ogni caso c'è anche un'altra questione:


      La Commissione Europea ha stimato che il numero di ricevitori digitali semplici immessi sul mercato comunitario passerà dai 28 milioni del 2008 a 56 milioni nel 2014, e che il consumo annuo di energia di tali dispositivi aumenterà da 6 miliardi di kWh nel 2010 a 14 miliardi di kWh nel 2014.
      Chiaramente questo consumo calerà con il graduale acquisto delle tv con decoder integrato..


      Sulle frequenze ti do ragione, anche se poi come dicevi tu qua siamo furbetti e i conti non quadrano mai.


      Vorrei poi precisare una cosa:
      sulla tecnologia in quanto tale non ho molto da ridire, a parte quello già scritto;
      sulla operazione condotta qua in Italia invece sì; avevamo l'occasione di balzare oltre e l'abbiamo sprecata per il solito conflitto d'interessi.
      Se invece di spendere per decoder e incentivi, tutti i soldi che hanno ruotato intorno al mondo del digitale fossero stati destinati per interventi sulle nostre linee telefoniche per migliorare l'accesso alla banda larga, forse sarebbe stato meglio.
      Violinista H-Pirla Scelto

      i7 6700k - 16Gb RAM - Uad Solo (x2) - RME 802 - Cubase 9 - Adam A5+Sub7 Tannoy System1000 - Lucid 88192 - Hairball 1176 RevD - UA 710twin - Drawmer1969 - Vitalizer Mk2-T - Lindell Audio Pex500
      Sulle frequenze il discorso e' semplice.
      Prima un canale televisivo analogico compreso di tutto occupava 6 mhz, noi del broadcast avevamo a disposizione due mhz dove andare a piazzarci, oggi gli 8 mhz di un canale sono completamente occupati perche ci viaggiano almeno 4 canali televisivi compressi...risultato? non ce' piu spazio...
      negli altri paesi hanno risvervato alcuni canali al broadcast avvisando gli operatori per tempo, in italia si sono venduti tutto salvo poi proporti di andare a 1,2 ghz e quando vai a chiedere a sennheiser un gruppo cosi alto ti costa come una ferrari....
      intanto ho risolto il problema.... :D ho tagliato il cavo d'antenna e c'ho messo il suo connettore maschio, l'ho connesso al cavo principale (o comunque quello più grosso)e PAFF....170 canali e passa....in sostanza l'antennista esperto e pagato per la sua prestazione, aveva fatto una prolunga dozzinale che chissà quanto mi faceva perdere di segnale.... :cursing:

      edit: tra parentesi adesso ho un segnale che rasenta la perfezione....mediaset è chiodato a 100% e gli altri non vanno praticamente sotto l'85%.....penso che lo chiamerò lostesso per dirgli cosa ne penso a riguardo della fisica quantistica.... :cursing: :cursing:

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “gobert4” ().

      preferisco pagare in natura....te lo do volentieri :D

      comunque ho parlato troppo presto......adesso canale5 ogni tanto s'inceppa...mi parte l'audio.....il segnale è scostante....ma bisogna attendere qualche giorno....stanno ancora facendo delle modifiche....e anche prima non è che fosse tutto rose e fiori....

      ricordo rai4 che verso sera, cominciava a dare problemi......

      fammi sapere dove vuoi il "bonifico".... :whistling:
      ieri ho preso un decoder della AKAI , da 34 euro , con registratore usb incluso , la marca mi ha ricordato subito i mitici campionatori ma indubbiamente questo non ha nulla a che fare ...

      ebbene l'ho portato indietro questa mattina , i canali li ha trovati tutti ma perdeva il segnale su praticamente tutti con i classici effetti pixel e stecche nell'audio con tanto di scritta che manca il segnale .... la prova del nove l'ho effetuata collegando sulla stessa antenna un samsung lcd con decoder a bordo ( di un anno fa ) che visualizza praticamente tutti i canali piu importanti senza problemi ...

      mi immagino il povero vecchiotto che dopo aver preso il decoder economico gli dicono : bisogna potenziare l'antenna .... e giu spese ...
      non ho letto quasi nulla ma vi dico la mia:

      la mia tv catodica rimane in salotto con mediaplayer e lettore dvd collegati. stop.
      trovo RIDICOLO il mettersi a investire nel digitale terrestre montagne di milioni di €, quando TUTTI gli altri hanno investito nella banda larga e trasmettono con quella telefono, adsl 20 mega e tv. in Francia il tutto costa 30-40€ al mese.

      saluti.
      Motu 896 mk3 - Adam A7 - Chameleon 7622 - SE4400 - HST11A - Oktava MK012 - Behringer BCF2000 - M-Audio Axiom 25

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “Arus” ().

      Boh, probabilmente vivrò in un mondo tecnologicamente ovattato, ma tutti 'sti problemi non li ho riscontrati. Dai 4 elementi dell'antenna che mi servivano prima per prendere 20 canali, ora ne ho 3 e ne prendo più di 300. Il centralino che ho fu autocostruito da mio padre più di 20 anni fa e, ritarato per essere ottimizzato con le nuove frequenze, dà problemi zero. Un'antenna è stata riposizionata (da monte Venda a monte Calderaro). Anche l'impianto fu fatto sempre a mio padre 20 anni fa ed è ancora perfettamente funzionante. Il televisore è un Samsung con decoder interno, neppure di ultima generazione, ed il suo lavoro lo fa senza problemi. Nei canali locali è vero, si vedono un po' di artefatti da compressione, ma prima, a meno di non avere 5 elementi sull'antenna, non si vedevano proprio. Sono inoltre disponibili canali Rai e Mediaset in HD. (non ho però ancora verificato se effettivamente sono così).

      20 anni fa furono costruiti i ponti radio verso le zone collinari in modo da poter rendere disponibili tutti i servizi di telecomunicazioni e in questi mesi li stanno potenziando in modo da potere fornire anche i servizi a banda larga fino al confine toscano.

      Da 4 o 5 anni Imola è cablata in fibra ottica ed è possibilie scegliere i servizi a banda larga dei vari gestori sia dati che multimedia. In più stanno partendo le installazioni open Wi-Fi, non appena la normativa vigente verrà modificata sostituendo il vecchio decreto Pisanu.

      Non so, forse vivo in un'isola felice. Forse la "a volte infamata Hera" (l'ex azienda municipalizzata che gestisce il tutto) non ha fatto un lavoro così malvagio nel nostro territorio. O forse ancora sia a livello di impresa che a livello di cittadino ci si è sempre preoccupati che il suo operato fosse adeguato.

      Per come sono storicamente strutturate le città italiane mancano i tunnel di servizio e quindi ogni volta che c'è da fare un buco per stendere un cavo bisogna appellarsi a qualche forma di divinità perchè non salti fuori una pietra di presunte origini etrusche o romane poichè altrimenti i lavori non vanno avanti. E' quindi surreale pensare di stendere dei cavi finchè qualcuno non si prende l'onere politico ed economico di ristrutturare a livello nazionale la sottostruttura urbana (rete fognaria, acqua, rete elettrica, gas, teleriscaldamento e telecomunicazioni). La stessa struttura del territorio non è comunque particolarmente adatta ad essere cablata!!! Ed anche una volta partiti i lavori ci vuole tempo per le sopraccitate ragioni. Le colpe..... mah, sono da ricercare in 1000 anni di storia... :) se proprio si vuole addossare la colpa a qualcuno.

      La cosa che un po' mi fa sorridere è che in un forum "ad alto contenuto tecnologico" dove ci si fa pippe mentali (me compreso) sull'ultimo ritrovato tecnologico, computer ipertecnologici e cavi superinc@zzati, ci si ritrovi a fare discorsi da pensionati del bar dello sport circa la necessità di salire sul tetto e girare un'antenna, ritarare un centralino o pagare uno perchè lo faccia al posto nostro.

      DVB si rivolge non solo al mondo radio "terrestre" ma anche a satellite e cavo ed in funzione dell'adeguatezza del territorio si preferisce l'impiego di differenti tecnologie. E' uno standard a 360 gradi che si rivolge non solo alla trasmissione televisiva ma a dati e telecomunicazioni, volto ad unificare un po' tutta la selva di standard che hanno proliferato in questi anni. Nasce dalla collaborazione della quasi totalità delle aziende del settore IT europee ed ha una pianificazione di interventi che coprira i prossimi dieci anni. Non mi pare un'idea così cattiva...

      Poi magari mi sfugge qualche cosa...

      Ciao ciao
      Un MIX tra arte e scienza
      "Non è bello ciò che è bello, figuriamoci ciò che è brutto"
      Diciamo che se avessi dovuto decidere uno standard DBV, avrei puntato sul DVB-S, non sul T.
      Per vari motivi (banda disponibile, frequenze libere, semplicità nel gestire vincoli territoriali)

      Tanto chiamare un antennista per aggiornare l'impianto esistente o per montare una parabola cambia poco, IMHO.
      Cracker
      Contatti - LEGENDS - How It's Made

      "Non sono mica un BINGOPALLINO qualunque..." (Cit.)
      Si, effettivamente dal punto di vista della tecnologia ha il suo senso. Copertura non condizionata dal territorio e possibilità di comunicazione bidirezionale con un solo dispositivo (al contrario del digitale terrestre che per essere bidirezionale richiede un secondo collegamento).

      Onestamente non so quali siano le ragioni per cui è stato scelta l'implementazione del digitale terrestre rispetto al digitale satellitare.

      Non so quale sia il panorama dei gestori di satelliti. Non so se il mercato è concorrenziale o di pseudo monopolio. Sicuramente gestire un satellite o un sistema via terra comporta costi e tecnologie differenti.

      Un satellite per esserereso operativo necessità di tecnologie non accessibili a tutti.
      Una trasmissione via terra è più accessibile, ma, per avere un'ampia copertura territoriale, necessita di molteplici ripetitori.... quindi alla fine boh..... sf fa una patta? Non so.

      Sarei curioso però di capire il perchè della "vittoria" in mezza (forse anche tutta) europa del "digitale terrestre" rispetto al satellitare.
      Sono convinto che qualche elemento continua a sfuggirmi :)

      Differenziazione, ragioni politiche-economiche, ostruzionismo tecnologico da parte degli utenti che sentendosi obbligati a prendere un sistema satellitare sarebbero insorti... non so... cioè..... sul serio non lo so.... non sto facendo domande provocatorie... boh.

      Ciao ciao
      Un MIX tra arte e scienza
      "Non è bello ciò che è bello, figuriamoci ciò che è brutto"
      Znal cosa intendi con possibilità di comunicazione bidirezionale del DVB-S?

      Quanto alla vittoria del T sul Sat secondo me è una questione di costi e di diffusione verso gli utenti: con un'antenna terrestre ci alimenti quante TV vuoi mentre per il satellite servirebbe un illuminatore per ogni ricevitore o un multiplexer per disaccoppiare i segnali inviati al filtro LNB, decisamente più costoso...
      Di certo la banda sul satellite costa tantissimo, anche se vero che i principali broadcaster usano feed satellitari (con ponti SDH solo come alternativa) per portare i dati alle stesse postazioni di trasmissione DVB-T.

      In Italia penso che al 90% satellite vuol dire a pagamento (SKY) anche se le alternative free to air non mancherebbero e di fatto con un'antenna e una parabola si potrebbe già avere un'alternativa al DVB-T, tranne per quei pochi eventi che criptano per questioni territoriali. Ma a parte pochi smanettoni quanti italiani davvero si metterebbero dietro a farsi un sistema satellite per evitare il terrestre?

      trovo RIDICOLO il mettersi a investire nel digitale terrestre montagne di milioni di €, quando TUTTI gli altri hanno investito nella banda larga e trasmettono con quella telefono, adsl 20 mega e tv. in Francia il tutto costa 30-40€ al mese.


      Arus non voglio fare polemica ma ripeto: tutti chi? Il Brasile ha stanziato miliardi l'anno scorso per passare al digitale terrestre, standard ISDB-T derivato dello standard adottato dal giappone, Sud Africa ha scelto DVB il mese scorso, nel civilissimo Regno Unito hanno appena finito di mettere la rete e già stanno pensando di integrarla al nuovo standard DVB-T2.
      Su una cosa avete ragione, stiamo qui a menarci il torrone con il passaggio al DVB-T quando il T2 che a parità di banda e potenze trasporterà fino al 20% di bitrate in più è già stato standardizzato e approvato...
      "...in viaggio dal mare di fango al muro di suono..."

      Raw Attitude - Crude Rock'n Roll Band - FB Page - ReverbNation Page

      Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “Andy Il Bestia” ().

      Le informazioni sui costi delle vare tecnologie per i gestori non le ho nemmeno io, ma dal punto di vista dell'utente non credo che cambierebbe così tanto.

      Andy Il Bestia ha scritto:

      con un'antenna terrestre ci alimenti quante TV vuoi mentre per il satellite servirebbe un illuminatore per ogni ricevitore o un multiplexer per disaccoppiare i segnali inviati al filtro LNB, decisamente più costoso...

      In una casa singola hai perfettamente ragione, ma in un impianto condominiale?
      Cracker
      Contatti - LEGENDS - How It's Made

      "Non sono mica un BINGOPALLINO qualunque..." (Cit.)
      Per bidirezionale intendo questo

      Poi non so quali siano i costi e le prestazioni del sistema.
      In ogni caso, non sarò un espertone di antenne, ma un cetralino altro non è che un amplificatore a bande. Come tutti gli amplificatori regge un certo carico poi se la la "fa sotto", quindi quello che hai detto circa la possibilità di collegare quanti apparecchi televisivi si vuole penso abbia un limite. Probabilmente più ampio di un sistema su antenna parabilica, ma pur sempre presente..... e comunque con tutti i vari amenicoli che ci sono tra miscelatori, partitori, filtri amplificatori (non voglio fare il patacca..... ho guardato il catalogo Fracarro!!! :D :D :D ) penso che uno possa fare praticamente quello che vuole..... il più è capire quanto si spende.

      La mia era una curiosità... non propendo ne per il DVB-T ne DVB-S e nemmeno il DVB-C (ormai nemmeno il TVTTB !!! :D :D :D .... scherzo) ma era una curiosità. Ho guardato un po' la pianificazione per la digitalizzazione "di massa" dei prossimi 10 anni ed il passaggio fatto finora è solo il primo passo...... poi chissà.

      Io, a parte i primi giorni di spiazzamento, l'ho comunque "vissuto" bene questo passaggio... sicuramente avere mio babbo che ci smanetta sopra non è stato sicuramente un male... magari altri si sono trovati peggio.

      Vaaaaaaabbè...... buona notte a tutti.

      Ciao ciao
      Un MIX tra arte e scienza
      "Non è bello ciò che è bello, figuriamoci ciò che è brutto"
      Piccolo OT relativo al satellite.

      Beh, quel collegamento bidirezionale è dati, non TV, ed hai visto i prezzi?

      Solo decoder/encoder costa 2k euro...
      Canone mensile da 150 a 1000 euro (1000 euro per una 2Mb in down ed 1 Mb in UP) e traffico limitato.
      Ah, tutto più IVA :D

      Ho visto alcune installazioni simili, fatte in passato da Acantho (Gruppo Hera) per conto della regione, installate in zone disagiate dove non c'erano alternative.

      La connessione internet satellitare a prezzi umani tipo la vecchia Alice Sat (a proposito, ho ancora un paio di skystar2 :D ) era monodirezionale dal satellite verso il PC, e per l'upload necessitava di una connessione via Modem.
      Utile solo in caso di download di grossi file, ma come tutte le connessioni dati satellitari, con dei lag assurdi.

      Fine OT

      Anch'io ho vissuto abbastanza bene il passaggio, ma l'antenna del mio palazzo ha circa due anni. I miei genitori stanno aspettando l'antennista che forse ci andrà direttamente l'anno prossimo perchè con un impianto ventennale "normale" non ricevono nulla. E probabilmente dovranno cambiare antenna, centralino, partitori e prese.

      Con una parabola ed un LNB doppio avrebbero certamente risparmiato.
      Ovvio, nel loro caso.

      EDIT: Che maleducato sono... :P

      Buonanotte anche a te.
      Cracker
      Contatti - LEGENDS - How It's Made

      "Non sono mica un BINGOPALLINO qualunque..." (Cit.)

      Cracker ha scritto:

      Piccolo OT relativo al satellite.

      Beh, quel collegamento bidirezionale è dati, non TV, ed hai visto i prezzi?

      Solo decoder/encoder costa 2k euro...
      Canone mensile da 150 a 1000 euro (1000 euro per una 2Mb in down ed 1 Mb in UP) e traffico limitato.
      Ah, tutto più IVA

      Ho visto alcune installazioni simili, fatte in passato da Acantho (Gruppo Hera) per conto della regione, installate in zone disagiate dove non c'erano alternative.

      La connessione internet satellitare a prezzi umani tipo la vecchia Alice Sat (a proposito, ho ancora un paio di skystar2 ) era monodirezionale dal satellite verso il PC, e per l'upload necessitava di una connessione via Modem.
      Utile solo in caso di download di grossi file, ma come tutte le connessioni dati satellitari, con dei lag assurdi.

      Fine OT



      ooops!!! StiRazzi!!! Non avevo minimamente guardato ai costi.
      Delle installazioni di Acantho ero al corrente, ma non mi sono mai interessato alla tecnologia adottata. Effettivamente però con quei costi è poco adatta ad un impiego "domestico"!!!

      Grazie di tutto e buona notte ancora!!!! ;)
      Un MIX tra arte e scienza
      "Non è bello ciò che è bello, figuriamoci ciò che è brutto"

      Cracker ha scritto:

      Le informazioni sui costi delle vare tecnologie per i gestori non le ho nemmeno io, ma dal punto di vista dell'utente non credo che cambierebbe così tanto.

      Andy Il Bestia ha scritto:

      con un'antenna terrestre ci alimenti quante TV vuoi mentre per il satellite servirebbe un illuminatore per ogni ricevitore o un multiplexer per disaccoppiare i segnali inviati al filtro LNB, decisamente più costoso...

      In una casa singola hai perfettamente ragione, ma in un impianto condominiale?
      ti assicuro che non semplice uguale.... devi mettere d'accordo le N famiglie per fare installare la parabola (poi quante? una per singola scala? una per palazzo?), poi devi convincere l'assemblea a far passare la spesa non solo per la parabola ma anche per far tirare il cavo d'antenna (che è diversa da quello dell tv) nelle stesse canaline e portarlo in ogni casa cambiando la presa nel muro, poi tipicamente mettere anche splitter e deviazioni diventa un delirio...... insomma se era obbligatorio si faceva, ma gli impatti erano molto maggiori (e anche la spesa). lo volevano fare nella dove abito con un adesione di circa metà della famiglie della scala, la spesa si aggirava sui 200euro a famiglia....

      Cracker ha scritto:

      Le informazioni sui costi delle vare tecnologie per i gestori non le ho nemmeno io, ma dal punto di vista dell'utente non credo che cambierebbe così tanto.

      Andy Il Bestia ha scritto:

      con un'antenna terrestre ci alimenti quante TV vuoi mentre per il satellite servirebbe un illuminatore per ogni ricevitore o un multiplexer per disaccoppiare i segnali inviati al filtro LNB, decisamente più costoso...

      In una casa singola hai perfettamente ragione, ma in un impianto condominiale?
      Constellation : il mio nuovo lavoro da sentire e scaricare (post-rock / synths / piano)

      Youtube

      suoni modulari
      Hai ragione Kimu, ma se l'impianto di antenna terrestre fosse stato da rimpiazzare in toto, avreste speso molto meno?

      Inoltre in parecchi condomini l'impianto centralizzato c'è già.

      Ovviamente tanto per parlare, perchè gli interessi dietro a questa cosa penso siano di ben altra portata...
      Cracker
      Contatti - LEGENDS - How It's Made

      "Non sono mica un BINGOPALLINO qualunque..." (Cit.)

      Ameba ha scritto:

      ieri ho preso un decoder della AKAI , da 34 euro , con registratore usb incluso , la marca mi ha ricordato subito i mitici campionatori ma indubbiamente questo non ha nulla a che fare ...

      ebbene l'ho portato indietro questa mattina , i canali li ha trovati tutti ma perdeva il segnale su praticamente tutti con i classici effetti pixel e stecche nell'audio con tanto di scritta che manca il segnale .... la prova del nove l'ho effetuata collegando sulla stessa antenna un samsung lcd con decoder a bordo ( di un anno fa ) che visualizza praticamente tutti i canali piu importanti senza problemi ...

      mi immagino il povero vecchiotto che dopo aver preso il decoder economico gli dicono : bisogna potenziare l'antenna .... e giu spese ...
      Personalmente non ho avuto problemi con un decoder (montaggio su Scart) preso alla fiera di Pordenone a Maggio e pagato 13€ con USB e SD...
      A Novembre lo vendevano a 20...

      Quoto il discorso Akai perchè ne ho comprato uno anche a mia suocera (è il DVBT18? quello tondo?) ed ha problemi a ricevere il MuxRai1 su VHF.

      Il problema però è l'opposto di quello che si pensa, il decoder AMPLIFICA TROPPO ed il segnale al 99% è già in saturazione (mediamente segna segnali 6-10% in più di un Shinelco che va benissimo)
      Addirittura da lei non sintonizza neanche i canali mentre da me lo fa e poi si vede a scatti con intervallato l'avviso "manca segnale".

      Inserendo un'attenuatore resistivo da 3dB (3 resistenze) rientra tutto alla perfezione però ovviamente qualcos'altro tende a "stare sotto".
      Per cui sto modificando un vecchio filtro per uhf per ridurre un pò solo il segnale in banda III VHF e far rientrare nella dinamica di ingresso tutto alla meglio.

      Il mio consiglio è di controllare il segnale su ogni canale e se ci sono troppi "100%" o "99%" in giro (e magari "scattano") tentare di attenuare in antenna perchè è come avere un bel convertitore audio con qualche frequenza che arriva al 0dBFS... :D

      Poi prendere una bella lista dei mux disponibili (Rai mediaset Telecom e locali) e verificare ad uno ad uno cosa manca e provare con la sintonia manuale. Se non appare segnale, facile ci sia un disturbo od un'attenuazione in antenna dovuto a riflessioni (in teoria il segnale si dovrebbe incrementare dicono...) e qui l'antennista è l'unico che può giudicare (perchè ha lo strumento ... :whistling: )

      Sul discorso globale del digitale o analogico, io quei canai in più li sto già "analizzando" ed ho visto diverse cose interessanti.
      Tutto sommato è positivo "tematizzare" ma la mia paura è che in un prossimo futuro tutto vada "on demand"...allora passerò ai libri o starò più in studio...

      8)
      Ho visto cose...
      VUmeter in fiamme sul bridge di una console Orion
      ed ho visto i supertweeter balenare nel buio sui monitor Tannoy
      e tutti quei momenti andranno perduti in un mastering
      ....è tempo di mixare...