ASSENTE DA UN Pò ma sbaglio o non si muove neanche una foglia ?!?

This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

    saglio ha scritto:



    Io sono ben disposto a mettermi in gioco ma come dicevo non posso permettermelo economicamente..purtroppo non si vive di sola aria. Da 6 anno a sta parte ho fatto davvero i salti mortali tra corse post lavoro in studio dalle 5 alle 2/3 di notte per imbecilli che mi hanno solo insegnato la famosissima posizione piegata o interi weekend per lo stesso risultato. Anche io ho portato e porto tutt'ora caffè e me ne sto zitto sullo sgabellino a rubare esperienze...sto cercando un minimo di sicurezza per potermi permettere un part time ma come si fa? Chi te lo da? Probabilmente sto cercando il sacro graal ed è questo il mio errore ma purtroppo non vedo molte alternative se non cercare di fare da solo con il mio socio e la consapevolezza che sarò un passo indietro agli altri almeno fin quando questo non mi porterà ad avere mezzo stipendio

    Perciò dicevo quanto sei disposto a metterti in gioco, ovvero a cosa sei disposto a rinunciare per inseguire le tue idee/passioni.
    Io, per esempio, ho fatto una scelta: ho un lavoro extramusicale pallosissimo ma che mi faccio pagare caro e amaro, per cui riesco a lavorare 10 giorni al mese per la sussistenza ed il resto del tempo lo passo a suonare.
    Ho rinunciato a cambiare spesso macchina, a vestire da fighetto, viaggio di meno ma faccio le cose che mi piacciono coi miei tempi e solo per il piacere di farle.
    Le mie foto...
    SenzaLegge
    Il mio soundcloud

    Orecchie funzionanti e studio sonorizzato come Cristo comanda...

    ASSENTE DA UN Pò ma sbaglio o non si muove neanche una foglia ?!?

    Appunto, a 31 anni (la mia età) la prima cosa è avere un lavoro che permetta di campare, il resto sono hobby e opportunità, che si finanziano con il primo. Sì può avere dei sogni, ma non è che bisogna per forza viverci.


    Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “alefunk” ().

    Su questo non sono d'accordo, questo è il mito dei nostri genitori e del "lavoro sicuro" io ormai lavoro a ciclo continuo per cercare di fare del mio studio la mia unica fonte di sostentamento! non resco a vederla come un hobby ora..magari domani mi sveglio e cambio visione eh...però ora come ora non è un hobby. passare la domenica all'autodromo èun hobby non certo il lavoro in studio

    saglio ha scritto:

    Su questo non sono d'accordo, questo è il mito dei nostri genitori e del "lavoro sicuro" io ormai lavoro a ciclo continuo per cercare di fare del mio studio la mia unica fonte di sostentamento! non resco a vederla come un hobby ora..magari domani mi sveglio e cambio visione eh...però ora come ora non è un hobby. passare la domenica all'autodromo èun hobby non certo il lavoro in studio
    Il lavoro deve essere giustamente remunerato. Se non ti basta un lavoro per campare te ne devi trovare anche un altro.

    Inviato dal mio SM-J710F utilizzando Tapatalk


    saglio ha scritto:

    Su questo non sono d'accordo, questo è il mito dei nostri genitori e del "lavoro sicuro" io ormai lavoro a ciclo continuo per cercare di fare del mio studio la mia unica fonte di sostentamento! non resco a vederla come un hobby ora..magari domani mi sveglio e cambio visione eh...però ora come ora non è un hobby. passare la domenica all'autodromo èun hobby non certo il lavoro in studio
    Se sei Hamilton la domenica all'autodromo non è un hobby. Tu chi sei?

    Inviato dal mio SM-J710F utilizzando Tapatalk


    teetoleevio ha scritto:

    luigi864 ha scritto:

    mi sfanculò cordialmente chiedendomi di accomodarmi fuori dalla regia.


    hahahaha minc*ia mi hai fatto venire in mente un episodio simile alla Fonit Cetra, con Mia Martini.
    Ormai mille anni fa...
    Pensavo di averlo rimosso...
    Lei mi ha mandato fuori dalla regia. Ero zitto sul divanetto. Zitto. Avevo solo detto "Ciao, buongiorno".
    "In regia solo io e il fonico"...
    Ci ero rimasto malissimo. :D

    hahahahahaha pensandoci ora mi viene da sorridere.
    Minc*ia come se la tirava.


    8) Teetoleevio
    Infatti ha fatto la fine che ha fatto.

    Inviato dal mio SM-J710F utilizzando Tapatalk


    RE: RE:

    alefunk ha scritto:

    teetoleevio ha scritto:

    luigi864 ha scritto:

    mi sfanculò cordialmente chiedendomi di accomodarmi fuori dalla regia.


    hahahaha minc*ia mi hai fatto venire in mente un episodio simile alla Fonit Cetra, con Mia Martini.
    Ormai mille anni fa...
    Pensavo di averlo rimosso...
    Lei mi ha mandato fuori dalla regia. Ero zitto sul divanetto. Zitto. Avevo solo detto "Ciao, buongiorno".
    "In regia solo io e il fonico"...
    Ci ero rimasto malissimo. :D

    hahahahahaha pensandoci ora mi viene da sorridere.
    Minc*ia come se la tirava.


    8) Teetoleevio
    Infatti ha fatto la fine che ha fatto.

    Inviato dal mio SM-J710F utilizzando Tapatalk
    Ale (OT mostruoso), se ti riferisci alla Martini mi pare un eccesso e anche poco rispettoso verso una persona che non è più in vita.

    Qualunque cosa abbia fatto in vita poi è giunta "a livella" . Punto e a capo.

    Poi è chiaro che certi campioni di simpatia a volte meritino essere denigrati. Ma in questo caso...

    Non ti sto giudicando , sia chiaro, ma constatando un fatto che mi sembra oggettivo.

    Saluti
    ...Musicalmente Parlando...

    RE: RE: RE:

    luigi864 ha scritto:

    alefunk ha scritto:

    teetoleevio ha scritto:

    luigi864 ha scritto:

    mi sfanculò cordialmente chiedendomi di accomodarmi fuori dalla regia.


    hahahaha minc*ia mi hai fatto venire in mente un episodio simile alla Fonit Cetra, con Mia Martini.
    Ormai mille anni fa...
    Pensavo di averlo rimosso...
    Lei mi ha mandato fuori dalla regia. Ero zitto sul divanetto. Zitto. Avevo solo detto "Ciao, buongiorno".
    "In regia solo io e il fonico"...
    Ci ero rimasto malissimo. :D

    hahahahahaha pensandoci ora mi viene da sorridere.
    Minc*ia come se la tirava.


    8) Teetoleevio
    Infatti ha fatto la fine che ha fatto.

    Inviato dal mio SM-J710F utilizzando Tapatalk
    Ale (OT mostruoso), se ti riferisci alla Martini mi pare un eccesso e anche poco rispettoso verso una persona che non è più in vita.

    Qualunque cosa abbia fatto in vita poi è giunta "a livella" . Punto e a capo.

    Poi è chiaro che certi campioni di simpatia a volte meritino essere denigrati. Ma in questo caso...

    Non ti sto giudicando , sia chiaro, ma constatando un fatto che mi sembra oggettivo.

    Saluti
    Non si deve parlare male dei morti, ma dato che di lei se ne parla sempre come una vittima è venuto fuori questo commento.

    Inviato dal mio SM-J710F utilizzando Tapatalk


    Quello che intendevo è l'approccio, io ho un'altro lavoro che sostenta appunto la mia attività di studio, che non riesco a vedere come un hobby, ma più come un obiettivo. la cosa dell'autodromo è perche sono appassionato di motori, ma potevo tradurlo il "la domenica allo stadio" intendendo che per me qullo è un hobby non la mia attività in studio che è un obiettivo.

    saglio ha scritto:

    Quello che intendevo è l'approccio, io ho un'altro lavoro che sostenta appunto la mia attività di studio, che non riesco a vedere come un hobby, ma più come un obiettivo. la cosa dell'autodromo è perche sono appassionato di motori, ma potevo tradurlo il "la domenica allo stadio" intendendo che per me qullo è un hobby non la mia attività in studio che è un obiettivo.
    Mi sembra che tu stia già facendo il massimo allora. Non è detto che gli obiettivi vengano sempre raggiunti.

    Inviato dal mio SM-J710F utilizzando Tapatalk


    alefunk ha scritto:

    saglio ha scritto:

    Quello che intendevo è l'approccio, io ho un'altro lavoro che sostenta appunto la mia attività di studio, che non riesco a vedere come un hobby, ma più come un obiettivo. la cosa dell'autodromo è perche sono appassionato di motori, ma potevo tradurlo il "la domenica allo stadio" intendendo che per me qullo è un hobby non la mia attività in studio che è un obiettivo.
    Mi sembra che tu stia già facendo il massimo allora. Non è detto che gli obiettivi vengano sempre raggiunti.

    Inviato dal mio SM-J710F utilizzando Tapatalk



    Chiaro, infatti sicuramente si arriverà sempre al giorno in cui uno deve fare i conti con se stesso e capire che è il momento di smettere perchè quello che sta vivendo è una sorta di "accanimento".

    Comunque in questo paio di giorni ho tirato un po le somme e ho capito che purtroppo non ho le possibilità e forse anche un po il coraggio di mollare tutto ed emigrare come diceva giustamente @teetoleevio per cui continuerò a provarci da qua cercando di allargare il mio giro finchè non riuscirò ad avere abbastanza giro d'affari da potermi permettere uno studio e una paga quasi sicura, con la consapevolezza che forse non raggiungerò gli standard qualitativi più alti del mondo ma perchè quello che sto cercando davvero è riuscire vivere facendo ciò che più mi piace, e per questo ce la sto mettendo tutta.

    saglio ha scritto:

    alefunk ha scritto:

    saglio ha scritto:

    Quello che intendevo è l'approccio, io ho un'altro lavoro che sostenta appunto la mia attività di studio, che non riesco a vedere come un hobby, ma più come un obiettivo. la cosa dell'autodromo è perche sono appassionato di motori, ma potevo tradurlo il "la domenica allo stadio" intendendo che per me qullo è un hobby non la mia attività in studio che è un obiettivo.
    Mi sembra che tu stia già facendo il massimo allora. Non è detto che gli obiettivi vengano sempre raggiunti.

    Inviato dal mio SM-J710F utilizzando Tapatalk



    Chiaro, infatti sicuramente si arriverà sempre al giorno in cui uno deve fare i conti con se stesso e capire che è il momento di smettere perchè quello che sta vivendo è una sorta di "accanimento".

    Comunque in questo paio di giorni ho tirato un po le somme e ho capito che purtroppo non ho le possibilità e forse anche un po il coraggio di mollare tutto ed emigrare come diceva giustamente @teetoleevio per cui continuerò a provarci da qua cercando di allargare il mio giro finchè non riuscirò ad avere abbastanza giro d'affari da potermi permettere uno studio e una paga quasi sicura, con la consapevolezza che forse non raggiungerò gli standard qualitativi più alti del mondo ma perchè quello che sto cercando davvero è riuscire vivere facendo ciò che più mi piace, e per questo ce la sto mettendo tutta.

    Come non quotarti! Sono nella tua stessa situazione e spero sempre che un giorno mi alzerò una mattina andando a fare quello ciò che veramente mi piace e mi da soddisfazione fare. Magari saranno oltre 8h di lavoro e meno pagate delle 8 passate in ufficio. Ma i soldi non sono tutto, preferisco vivere con qualcosina in meno e cambiare la tv ogni 8 anni piuttosto che avere più soldi ed alzarmi con lo scazzo ogni mattina
    Ragazzi, tutti ci auguriamo che alla fine siano tutti felici e riescano a realizzare i propri obiettivi e desideri. Fate però attenzione al fatto che state anche contestualmente alimentando le motivazioni del collasso del sistema. Cioè stare "in business" accettando di guadagnare poco, non cambiarsi la televisione ecc. significa foraggiare la logica del ribasso il cui paradosso è che nessuno potrà campare più con questi lavori data la superframmentazione di offerta a 7 euro. Si aumenterà solo il "divario sociale" con quelli che occupano la/le fascia/e superiore/i.
    se vendete il database mi incazzo.

    DBarbarulo ha scritto:

    Ragazzi, tutti ci auguriamo che alla fine siano tutti felici e riescano a realizzare i propri obiettivi e desideri. Fate però attenzione al fatto che state anche contestualmente alimentando le motivazioni del collasso del sistema. Cioè stare "in business" accettando di guadagnare poco, non cambiarsi la televisione ecc. significa foraggiare la logica del ribasso il cui paradosso è che nessuno potrà campare più con questi lavori data la superframmentazione di offerta a 7 euro. Si aumenterà solo il "divario sociale" con quelli che occupano la/le fascia/e superiore/i.
    Ma alla fine uno fa ciò che vuole.

    Inviato dal mio SM-J710F utilizzando Tapatalk


    DBarbarulo ha scritto:

    Ragazzi, tutti ci auguriamo che alla fine siano tutti felici e riescano a realizzare i propri obiettivi e desideri. Fate però attenzione al fatto che state anche contestualmente alimentando le motivazioni del collasso del sistema. Cioè stare "in business" accettando di guadagnare poco, non cambiarsi la televisione ecc. significa foraggiare la logica del ribasso il cui paradosso è che nessuno potrà campare più con questi lavori data la superframmentazione di offerta a 7 euro. Si aumenterà solo il "divario sociale" con quelli che occupano la/le fascia/e superiore/i.


    Dire mi accontento di poco non credo significhi solo svendersi, ma anche accettare il rischio di lavorare meno, seguire meno progetti pagati il giusto.

    e poi oggi come oggi credo purtroppo che sia un passaggio obbligato, non posso certo partire e fare da subito i prezzi di pro..col tempo ci si adegua

    saglio ha scritto:

    ora mi ritrovo ad aver cambiato casa per stare vicino al mio socio e siamo riusciti a mettere in piedi uno spazio comune dove stiamo cercando di buttarci nel mondo delle colonne sonore (lui compositore io fonico)


    saglio ha scritto:

    non vedo molte alternative se non cercare di fare da solo con il mio socio

    se hai già un socio e uno studio "tuo" non vedo l'utilità di consigliarti di trovarti altri luoghi/studi dove fare pratica o lavorare... secondo me hai già tutto quello che ti occorre per fare del tuo meglio, al limite visto che il tempo è poco (2° lavoro) valuta con attenzione dove investire il tempo e le risorse, cerca se possibile di "non svenderti" d'altronde se non è il tuo lavoro principale (anche se desideri lo fosse) la cosa può essere vista anche in chiave positiva, non hai l'esigenza per forza di lavorare a tutti i costi, di "portare a casa" lo stipendio e puoi scegliere di fare solo le cose in cui credi, che ti danno più soddisfazioni e dalle quale ti aspetti buoni risultati...difficoltà e sogni ne abbiamo tutti (per fortuna) quindi non lo vedrei come un dramma ma come parte della quotidiniità

    saglio ha scritto:

    DBarbarulo ha scritto:

    Ragazzi, tutti ci auguriamo che alla fine siano tutti felici e riescano a realizzare i propri obiettivi e desideri. Fate però attenzione al fatto che state anche contestualmente alimentando le motivazioni del collasso del sistema. Cioè stare "in business" accettando di guadagnare poco, non cambiarsi la televisione ecc. significa foraggiare la logica del ribasso il cui paradosso è che nessuno potrà campare più con questi lavori data la superframmentazione di offerta a 7 euro. Si aumenterà solo il "divario sociale" con quelli che occupano la/le fascia/e superiore/i.


    Dire mi accontento di poco non credo significhi solo svendersi, ma anche accettare il rischio di lavorare meno, seguire meno progetti pagati il giusto.

    e poi oggi come oggi credo purtroppo che sia un passaggio obbligato, non posso certo partire e fare da subito i prezzi di pro..col tempo ci si adegua

    Esatto, il problema grande è che siamo in un periodo in cui la concorrenza è spietata, praticamente tutti possono\vogliono farsi le cose in casa, anche offrendo un prodotto qualitativamente top è davvero difficile stare a galla, proprio per poter mantenere alto lo standard.
    Quindi che faccio? Me ne faccio una ragione e continuo il mio pallosissimo lavoro di 8h cercando un week ogni tanto di mixare un pò?
    Il mio discorso era riferito al fatto che preferirei lavorare in questo settore avendo uno stipendio inferiore e meno sicurezze piuttosto che fare l'impiegato tutta la vita. Questo non vuol dire svendersi o far pagare poco.
    Vuol dire riuscire a salire sul treno del "recording" facendo i dovuti compromessi del caso, accettando di sacrificare cose che con il lavoro in ufficio potresti mantenere. Ma sono scelte di vita, conosco fiumi di gente che come obbiettivo unico hanno trovare un lavoro ben pagato, stabile, per potersi mantenere dignitosamente, avere una casa, una bella auto, tornare alle 18 e rilassarsi sul divano, aspettare le ferie ad Agosto etc.. Mica ne parlo con disprezzo, si tratta di cosa uno desidera dalla propria vita
    Ragazzi, io sono un poco anziano, ho sentito diverse volte fare il ragionamento "preferisco guadagnare meno e fare il lavoro che mi piace, fumarmi la sigaretta quando voglio ecc.". Il risultato è che si sono quasi tutti cappottati. Come qualcuno di voi ha già saggiamente osservato purtroppo non ci sono tante mezze misure disponibili. Ricordate che ogni anno tra conservatori, corsi, corsertti, geni e genietti si vorrebbero immettere sul mercato boh diciamo 300 (è molto meno del reale perchè solo per mano mia ne passano dai 70 ai 90) ragazzi con la velleità di tirare fuori "una vita decorosa" in questo settore. 200 all'anno più noi che non vogliamo morire... :D Abbiamo una vaga idea di che portata economica ci vorrebbe per il numero di "stipendi decorosi" richiesto? Ricordate anche che se per decoroso intendiamo 1000 (a titolo di esempio) dovete fatturare 3000, (2000/6000) tutti i mesi. Non parlo per avvilirvi ma vi prego di riflettere.
    se vendete il database mi incazzo.
    Edit:
    quando alcunimila messaggi fa ho detto che si tratta di uscire ed andare a cercare i contatti giusti intendevo questo, dovete creare una rete di persone che a turno tutti i mesi vi viene a portare almeno 2 o 3 cocozze. ;)
    se vendete il database mi incazzo.