Siamo all'assurdo. Parlare di jack maschio e jack femmina è diventato sessista.

This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

    Non è solo questione di pandemia, purtroppo: il problema sta nell'educazione che non viene insegnata a scuola (ad esempio, ai tempi miei ci si alzava in piedi quando entrava l'insegnante e nessuno si sarebbe mai sognato di dargli del tu!) e in tutte le "bravate" che vengono orgogliosamente diffuse attraverso internet!
    La performanza mi fa dubitare della sapienza.
    Gianluca

    Youtube: goo.gl/522kv4
    Non so, gli insegnanti dal canto loro dicono che devono insegnare e non educare, l'educazione la devono fare i genitori, e io sono abbastanza d'accordo, un insegnante al massimo può correggerti, ma se sei un teppista perché a casa te lo lasciano fare, otterrà poco.
    Siamo tutti sulla stessa Bark.
    Anche io son convinto che il grossolo debbano fare i genitori....ma spesso anche gli insegnanti lasciano correre per non avere rogne coi genitori, a ragione o torto eh, anche qui non sto giudicando nessuno, anche perchè non so io nei panni di un insegnante dopo tanti anni e sgarbi sopportati come mi comporterei.

    comunque mi accodo a dat...pure per me la pandemia è stata una ciliegina sulla torta ma il problema è ben piu longevo e radicato
    io devo spezzare una lancia in favore dell'adolescenza odierna proprio per quanto riguarda i temi relativi a questo thread.
    senza farne di tutta un'erba un fascio, sto notando una certa sensibilità a riguardo. Sarà di moda? Boh, ma sta di fatto che su certi temi vanno oltre il sostegno, e se ne fregano proprio. Che detto così può sembrare negativo ma in realtà è ciò che dovrebbe essere.
    Che me ne frega se sei etero, gay, lesbica, o una delle oramai infinite categorie che aumentano ogni giorno?
    Tu sei tu per quello che sei, quello che fai, quello che dici e non per il colore della pelle, l'estrazione sociale, la tendenza politica, quella sessuale ecc ecc.
    Ok sono un tantino retorico ma non è così che dovrebbe essere in un mondo ideale?
    ah si! appoggio in pieno...però credo siano quelli che ora stanno prima dell'adolescenza..io vedo i ragazzetti che mi stanno intorno sono piuttosto intolleranti.

    ne parlavo con la mia compagna tempo fa commentando le vicende retalive al ddl zan. e si diceva che è assurdo quanto gli adulti si scannino per una cosa che, per chi si sta affacciando ora alla scuola primaria sarà una normalità, e così verrà trattata. un po come è stato per noi (ah per chiarezza ne ho 34) quando alle medie ci dissero che stava arrivando un ragazzo albanese era il 98/99, era il loro periodo, gli adulti si scannavano mentre noi eravamo contenti di poter chiedere com'è la vita in albania, fino ad arrivare ad oggi dove nelle classi italiani e non sono quasi a pari e convivono serenamente mentre gli adulti continuano a scannarsi sull'argomento!
    È proprio come dice Saglio, i più giovani crescono già in mezzo alla diversità ed è la loro normalità, le divisioni vengono sempre dagli adulti e dalle loro ideologie legate al passato e all'ignoranza.
    Ciascuno è figlio del suo tempo.
    Siamo tutti sulla stessa Bark.
    Non vedo una società aperta io ma una struttura settaria a gruppi sociali chiusi , cellule autonome e intolleranti che fanno capo a gruppi culturali in lotta tra loro..

    Il dissenso all'interno delle cellule è inaccettabile e all'esterno delle cellule è difficile non incorrere nel isolamento; in ogni caso altrimenti comunque nella società risulterai svantaggiato rispetto a chi fa parte di un microsistema cellulare che è per definizione chiuso, intollerante e ad economia interna, o spesso che è peggio ad "ideologia interna" , quindi ad uso e consumo di sistemi più grandi.

    Questi sono gruppi di "pressione" che accerchiato ogni ambito della vita umana.. Pressione sociale che in alcuni casi è insopportabile per un adolescente, non a caso dagli anni 50 ad oggi i suicidi aumentano di anno in anno.

    In ultimo per chi volesse vedere in questa apertura retorica guidata dai social media una soluzione , ricordo che da quando sono usciti questi gruppi chiusi di libertà obbligatoria, di imposizione retorica interna e ultimamente anche velatamente esterna, i suicidi, gli atti di auto mutilazione e il senso di pressione sociale sugli adolescenti è continuato esponenziale ad aumentare, anche all'interno di questi gruppi stessi e in condizioni sociali e culturali dove essi dominano indubbiamente come tra gli adolescenti nelle grandi città.
    Se tra di voi c'è qualche scacchista saprà che recentemente qualche genio delle pari opportunità (o vattelappesca) ha sollevato la questione secondo la quale "far cominciare la partita al bianco sarebbe razzista perchè pone il nero in una questione di svantaggio".
    Perchè? È vero..ma...perchè razzista? Il sessimo sui cavi è esilarante poi.

    Allora ora la faccio io una petizione perchè tutta l'umanità e le città sono misogine e fallocentriche visto che gli edifici vanno verso il cielo e formare forme falliche e non sottoterra a formare cavità!
    Siamo al deliriooo!!!
    Il problema è che quando il delirio sposa una buona causa, se ti metti contro rischi di passare per fascista, nazista, Xofobo e quant'altro.
    Questa è la causa per cui bisogna anche fare attenzione quando ci si schiera contro il delirio del jack maschio e femmina, per quanto possa essere partorito da una mente malata, ha la sua genesi da un eccesso di desiderio di schierarsi contro le differenze di genere.
    O forse è solo invidia, perchè i jack ogni tanto almeno scopano.
    Siamo tutti sulla stessa Bark.

    Azazel wrote:

    Se tra di voi c'è qualche scacchista saprà che recentemente qualche genio delle pari opportunità (o vattelappesca) ha sollevato la questione secondo la quale "far cominciare la partita al bianco sarebbe razzista perchè pone il nero in una questione di svantaggio".

    anche questa non è male... E anche questa serve solo a ridicolizzare problemi che sussistono e che andrebbero affrontati un po' seriamente piuttosto che così.
    Premesso che non sono un moderatore, ma vista la delicatezza del tema di fondo, posso chiedervi un po' di attenzione? Perché vedo che il thread sta un po' deragliando e ci sono già alcune cose che possono essere interpretate come "indelicate" (e lo dico da maschio etero), soprattutto in un contesto di comunicazione scritta in cui è più difficile trasmettere il tono delle proprie affermazioni...
    Relax