"Brutto" vizio di non finire i brani ...o forse no?!

    "Brutto" vizio di non finire i brani ...o forse no?!

    Direi di avere un "bruto" vizio di iniziare parecchi brani e non finire niente magari mi fermo al minuto 1 e mezzo a volte anche 2 e mezzo ( penso di aver finito solo due di brani nel arco di un anno) e invece continuo sempre a iniziare qualcosa di nuovo come un bambino che cambia spesso i giocatoli anche perchè in questo modo mi sento ancora più creativa sottolineo quindi un motivo valido c'è...praticamente la memoria del Logic è piena e ogni tanto mi segna e devo cancellare qualcosa se non va in blocco .Mi rendo conto che c'è taaaanto lavoro sopratutto se fai la base e devi curare anche la parte vocale (effetto caverna :P ..ormai quelli restano cosi' forse miglioreranno con un buon mix e mastering) ed è molto complesso e diciamo che "scappo" via ;( Poi un altra cosa ..mi succede solo con alcuni passaggi o addirittura brani interi che non mi piacciono più ....riascoltando a distanza di mesi ... dovrò migliorare si o no? Direi che per carattere sono casinara..e nel mio casino riesco a ritrovarmi ma non sempre ..
    Mac e il criceto :( ................Adesso non più :D !!!!!!!! Mac OS X Logic Express 9 /Akai -Professional MPK 25/ Rode NT 1000/Korg micro Korg /Neumann TLM 49/ /Focusrite ISA One Analog/ Motu- Audio Express /Monitor-Yamaha HS50M/ -Sony-MDR-7506 Professional/Reverb impulses Sir 2

    Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “LEYLLA LEY” ().

    serpava ha scritto:

    prova a lavorare separatamente a strofa-ritornello-brigde e poi li unisci
    Proprio quello è il punto "critico" che non mi va di fare una struttura standard che magari sarebbe più semplice/ordinato e più forte di me ..anche se teoricamente ho l'idea chiara di come dovrebbe essere un brano standard/ordinato/"coretto".Probabilmente anche perchè le mie conoscenze tecniche devono migliorare mano a mano ..anche questo potrebbe essere un "blocco" che poi e sano ed è meglio cosi^ forse....
    Mac e il criceto :( ................Adesso non più :D !!!!!!!! Mac OS X Logic Express 9 /Akai -Professional MPK 25/ Rode NT 1000/Korg micro Korg /Neumann TLM 49/ /Focusrite ISA One Analog/ Motu- Audio Express /Monitor-Yamaha HS50M/ -Sony-MDR-7506 Professional/Reverb impulses Sir 2

    Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “LEYLLA LEY” ().

    LEYLLA LEY ha scritto:

    Direi di avere un "bruto" vizio di iniziare parecchi brani e non finire niente magari mi fermo al minuto 1 e mezzo a volte anche 2 e mezzo ( penso di aver finito solo due di brani nel arco di un anno) e invece continuo sempre a iniziare qualcosa di nuovo ..

    potresti utilizzare queste mini composizioni come una raccolta di idee, un crogiuolo dal quale, riprendendo ciclicamente il lavoro su un project alla volta, aggiungere e scolpire l'idea successiva, fino a completare l'eventuale brano; potrebbe anche non piacerti una volta completato, ma potresti, a quel punto, prenderne le parti che sono venute meglio, ma sopratutto quelle che ti piacciono di +, e farle diventare parte di un altro brano sul quale magari stavi lavorando, io mi aiuterei con le "Strategie Oblique", una raccolta di carte inventate da Brian Eno e basate sul concetto che la creatività è un esercizio basato sulla casualità, una casualità suggerita dalla quotidianetà del lavoro e da un reiterarsi su se stessa, ci sono parecchie letture a riguardo, la letteratura più interessante e proattiva è il lavoro dello psichiatra E. De Bono, che ha condotto degli studi specifici sull'origine autoinnescante dell'atto creativo, per quanto riguarda le carte "strategiche" il link è questo ;)
    Anche a me capita, è da qualche anno che scrivo e la formula è sempre questa... inizio dalla strofa poi il bridge e il ritornello, ci metto le parole e stop, passo ad altro, non perché non mi piace ma così facendo congelo l'idea in modo da ritornarci dopo e magari scrivere anche uno special, assoli ecc... secondo me è il modo migliore che uso per scrivere, altre volte buttavo solo pezzi di strofe ma sono rimasti ancora la soli soletti :D
    Forza e coraggio!


    Piero
    MacBook Pro 15", Focusrite Saffire PRO 24, Telefunken v672, sE Electronics z5600a II, Shure SM 57, AKG K 141 mk II,
    Gibson Les Paul Classic, Fender Stratocaster Mexico MOD, Yamaha FG 380 S e vari strumenti etnici per far casino!

    PHILAB (il mio blog sul design nautico e l'architettura)
    quando arrivo ad un punto morto faccio un bounce mp3 (di tutto il brano e della parte più completa, es intro, strofa, o tema se si tratta di un pezzo solo strumentale) e me lo classifico in qualche modo con un sistema mio che mi fa capire che cosa ci posso ricavare da quel pezzo

    spesso comunque le idee circolano: cannibalizzi cose già fatte consapevolmente (o più spesso inconsapevolmente) e te le ritrovi sempre davanti sotto altre forme :)

    interessante il link di mafigi, già sapevo di questa causalità applicata alla musica da Eno, ma queste carte proprio non le conoscevo.
    "...a alma é o segredo do negócio..." Zeca Baleiro
    anche a me succede spessissimo..avrò 150 idee buttate giù a caso e forse una decina di brani completi..ogni tanto li ascolto e mi è capitato un paio di volte di prendere spunto da spezzoni incompleti e unirle un apio insieme e creare qualcosa di interessante..anche io odio profondamente gli "schemi" strutturali di una canzone e la quadratura nelle battute..liberare la mente da questi concetti credo sia una delle cose più difficili per me..proprio perchè sono "cresciuto" con questi schematismi e ora, costruire qualcosa nella libertà più assoluta si rivela in realtà molto difficile - quasi impossibile - visto che bene o mano la mia testa segue (involontariamente) quella direzione..è una parte istintuale..mi trovo puntualmente ad avere una struttura precisa nei brani..cosa che non vorrei avere..motivo per cui mi piace la musica elettronica è proprio perchè puoi evadere..ma io purtroppo faccio molta fatica a farlo..comunque..io di solito buto giù tutta la struttura..proprio per non farmi scappare il momento creativo..poi invece mi annoio moltissimo nel sistemare tutti i suoni e spesso abbandono il lavoro.. :)
    "I musicisti si occupano di musica; i musicisti professionisti si occupano di affari.

    Se il vostro scopo è di essere un musicista, allora molto probabilmente è
    meglio che non diventiate musicisti professionisti. Se il nostro fine è
    di servire la musica, allora questo fa parte del prezzo che dobbiamo
    pagare per tale privilegio." Robert Fripp"
    Succede anche a me....la cosa più strana è che spesso mi ritrovo a comporre idee nuove ed alla fine vado a ricreare la stessa idea precedente in un arrangiamento diverso senza neanche rendermene conto!
    A volte mi viene da supporre che non sono io che uso il cervello, è lui che schiavizza me :D!
    ex-Hellvis
    C'è da dire che scrivere QUALCOSA DI BUONO rimanendo negli schemi/strutture predefinite, se vogliamo chiamarle così, è decisamente più difficile che scrivere prendendosi mille libertà, spesso e volentieri con la scusa del "libero sfogo all'estro creativo".
    Forse bestemmierò, ma credo che inizialmente sarebbe bene assoggettare la creatività alla tecnica e solo una volta padroneggiata discretamente quest'ultima lasciarsi andare a metodi di scrittura meno ortodossi. Insomma, esser creativi pur stando alle "regole", da infrangere di quando in quando, ma con cognizione di causa e con gusto.
    Esequie,
    Mort

    Mortaccimer ha scritto:

    C'è da dire che scrivere QUALCOSA DI BUONO rimanendo negli schemi/strutture predefinite, se vogliamo chiamarle così, è decisamente più difficile che scrivere prendendosi mille libertà, spesso e volentieri con la scusa del "libero sfogo all'estro creativo".
    Forse bestemmierò, ma credo che inizialmente sarebbe bene assoggettare la creatività alla tecnica e solo una volta padroneggiata discretamente quest'ultima lasciarsi andare a metodi di scrittura meno ortodossi. Insomma, esser creativi pur stando alle "regole", da infrangere di quando in quando, ma con cognizione di causa e con gusto.

    quoto
    youtube - facebook - soundcloud
    Pop - Hip hop - Elettronica

    mafigi ha scritto:

    LEYLLA LEY ha scritto:

    Direi di avere un "bruto" vizio di iniziare parecchi brani e non finire niente magari mi fermo al minuto 1 e mezzo a volte anche 2 e mezzo ( penso di aver finito solo due di brani nel arco di un anno) e invece continuo sempre a iniziare qualcosa di nuovo ..

    potresti utilizzare queste mini composizioni come una raccolta di idee, un crogiuolo dal quale, riprendendo ciclicamente il lavoro su un project alla volta, aggiungere e scolpire l'idea successiva, fino a completare l'eventuale brano; potrebbe anche non piacerti una volta completato, ma potresti, a quel punto, prenderne le parti che sono venute meglio, ma sopratutto quelle che ti piacciono di +, e farle diventare parte di un altro brano sul quale magari stavi lavorando, io mi aiuterei con le "Strategie Oblique", una raccolta di carte inventate da Brian Eno e basate sul concetto che la creatività è un esercizio basato sulla casualità, una casualità suggerita dalla quotidianetà del lavoro e da un reiterarsi su se stessa, ci sono parecchie letture a riguardo, la letteratura più interessante e proattiva è il lavoro dello psichiatra E. De Bono, che ha condotto degli studi specifici sull'origine autoinnescante dell'atto creativo, per quanto riguarda le carte "strategiche" il link è questo ;)
    Ciao, mi daresti il titolo del libro di E. De Bono?
    Spesso butto giù bozze, e poi cannibalizzo quando mi serve per completare delle cose o per crearne di nuove. Molto spesso funziona! ;)
    MacBookPro17"Mid'09 OSX10.10 | LogicPro9.1.8 | 2xM-AudioProFire2626
    M-AudioStudioPro4 | CerwinVegaD2-E
    RødeNT5Matched | 2xShureSM57 | 2xM-AudioNOVA | 1xAKG D112 | 3xBehringerGI100
    JacksonJS30WRw/EMG81 18V| IbanezRGR08LTDw/EMG81 18V | IbanezRG7321 | ShurePG14E | ADA MP1 | ZoomG9.2tt | MarshallEL34 100/100 | LaneyGS412LS | CerwinVegaV33
    Reborn From The Ashes
    [/quote]Ciao, mi daresti il titolo del libro di E. De Bono?[/quote]

    ti do i titoli dei libri (le edizioni forse non sono aggiornate perchè le copie fisiche che ho risalgono ai tempi dell'università e del bachelor, quindi oltre 30 anni fà.... :-(( )

    1) De Bono E. - Six chapeaux pour penser - Inter Editions, Parigi - il titolo all'epoca dell'edizione usa suonava + o - come "La teoria dei 6 cappelli", ma cmq di De Bono, in una libreria ben fornita yrovi anche altro

    2) Géza Révész - Psicologia della musica - editore italiano - Giunti Barbera -lo ritengo un libro fondamentale per i processi creativi legati alla composizione musicale

    3) Piero De Giacomo - Mente e Creatività - editore Franco Angeli

    ti consiglio le strategie oblique, sono estremamente "suggeritive", ti scrivo alcune "inquiries of mind" che ritengo altamente sfidanti per un sentiero creativo:

    a)"supera i confini tecnico/formali"

    b) "crea e costruisci dimensioni e spazi acustico/percettivi"

    3) "non disperdere un tema o un elemento narrativo"

    4) "invece di cambiare la cosa, cambia i mondo che le sta intorno"

    5)" onora un errore come un'intenzione nascosta"

    e via così....

    se ti concentri sulle domande/provocazioni riesci a manovrare il percorso che può prendere, durante il processo compositivo, la scelta dell'idea susseguente, mischi le carte, le disponi in una nuova sequenza e hai un nuovo "percorso" intuitivo.


    enjoy! :)
    La risposta potrebbe essere ancora più semplice si chiama motivazione come in tutte le cose se non c'è abbastanza, il flusso energetico che riguarda la creatività si "blocca"ad un certo punto...per x motivi . (Dipende molto anche dal carattere di una persona). Ma in ogni caso essere "dispersivi" solo perchè non c'è una grande motivazione non va molto bene neanche cosi^(insomma penso di essere un po complicata ...pazienza). :)
    Mac e il criceto :( ................Adesso non più :D !!!!!!!! Mac OS X Logic Express 9 /Akai -Professional MPK 25/ Rode NT 1000/Korg micro Korg /Neumann TLM 49/ /Focusrite ISA One Analog/ Motu- Audio Express /Monitor-Yamaha HS50M/ -Sony-MDR-7506 Professional/Reverb impulses Sir 2
    Io con altri 2 amici abbiamo suonato per mesi in saletta improvvisando totalmente e registrando tutte le volte le prove. Avremo decine di ore di registrazione e due pezzi finiti!!!! Se mi mettessi seriamente potrei completare un quadruplo album.

    LEYLLA LEY ha scritto:

    motivazione [/i] come in tutte le cose se non c'è abbastanza, il flusso energetico che riguarda la creatività si "blocca"ad un certo punto...per x motivi . Ma in ogni caso essere "dispersivi"

    infatti, concordo, la motivazione è alla base di tutta l'energia che mettiamo nelle cose che facciamo, si blocca x tutti e sopratutto x problemi inerenti la sfera affettiva (in generale); ho sempre legato la voglia di fare musica alla gioia che ho avuto in svariate situazioni nella vita, ma anche essere dispersivi è un modo per "essere creativi" non a caso, se mi permetti citare un'altra delle "carte" delle "strategie oblique", dice appunto: "scrivere una canzone mentre non la si guarda".....
    secondo me in questa "provocazione" intellettuale c'è tutta la verità legata alla personalità detta "artistica", pigrizia (tendente a volte all'accidia), emotività a volte fragile, distacco dalla solita "concentrazione" per le cose da fare materiali di tutti i giorni," scrivere mentre non la si guarda" è un modo per essere distaccati ma non troppo da quello che si crea, ed accettare, senza vergognarsi delle proprie idee, il risultato; ovvio che sicuramente in una seconda fase è necessario un approccio più tecnico/metodologico, per quantificare in una sorta di cornice stilistico/estetica la propria "creazione...", l'importante è giocare e continuare a farlo con quotidianetà anche come metodo catartico contro la "demotivazione"

    Il messaggio è stato modificata 1 volte, ultima modifica da “mafigi” ().

    ;) Non sarebbe male una sezione dove si potrebbe parlare anche di psicologia musicale (opss mi sa che chiedo troppo :P) p.s belle persone profonde che siete ... :)
    Mac e il criceto :( ................Adesso non più :D !!!!!!!! Mac OS X Logic Express 9 /Akai -Professional MPK 25/ Rode NT 1000/Korg micro Korg /Neumann TLM 49/ /Focusrite ISA One Analog/ Motu- Audio Express /Monitor-Yamaha HS50M/ -Sony-MDR-7506 Professional/Reverb impulses Sir 2
    Ciao,

    Credo che il proprio lavoro debba essere fatto per uno scopo e ricevere gratificazione, che può essere economico oppure anche solo soddisfazione personale da condividere con gli altri.. Io di solito porto avanti 3 o 4 progetti contemporaneamente e poi mi fermo e li completo uno per uno.... fermarsi sempre a 1 minuto alla fine non se ne viene piu a capo e la voglia di fare non è infinita....

    Cmq sarei curioso di leggere un libro sulla creatività e sulla psicologia legata alla composizione musicale per capirne un po di piu in merito!



    Marco