Risultati ricerca

Risultati della ricerca 1-20 di 455.

This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

  • Avatar utente

    Ciao, ho una coppia di JBL Control One pilotate da un amplificatore Yamaha AX-V401. Mi piacerebbe aggiungere un subwoofer. Problema: l'ampli non ha un'uscita subwoofer, ne amplificata ne a livello di linea. Però c'è una seconda uscita speakers, che può essere attivata in alternativa o in contemporanea alla principale (speaker A/B). Le domande: 1) consigli su un subwoofer che suoni bene e costi poco (direi entro i 150/200 euro)? 2) qual è il miglior modo per collegarlo? Grazie!

  • Avatar utente

    ciao! avendo gia un sm57, investirei in un solo microfono invece di due. ho il 57, ho avuto i c2 e parecchi altri. i c2 suonano fini fini, direi quasi un po scricchiolanti per l'acustica preferisco qualcosa di piu rotondo. ad esempio la classica coppia di oktava mk-012 non ha quel tipo di problema, ma siamo su altri budget. con meno di 100 euro un diaframma largo forse si difende meglio, per esempio un AT 2020 o un MXL Cube (lo puoi sentire anche nel video linkato da lattugo), ma ce ne sono tant…

  • Avatar utente

    Quota dadancok: “ No, non dipende ne dall'interfacciamento ne dall'apparecchiatura collegata. Si fa un loop sui convertitori, stessa traccia, stesso collegamento. Hai eliminato ogni altra variabile possibile. ” questa affermazione fa impallidire chiunque abbia una infarinatura di elettronica, ti consiglio qualche lettura sull'adattamento delle impedenze.

  • Avatar utente

    Quota dadancok: “ Se il mondo sceglie una soluzione vuol dire che c'è una ragione già sviscerata da capo a piedi ed in tutte le salse. ” Senza voler fare il bastian contrario, non sempre è così; spesso ci si mettono di mezzo altre dinamiche a fare pesare la scelta da una parte e dall'altra. Se da una parte possono esserci questioni che poco hanno a che vedere con la reale utilità, come ad esempio il marketing e la moda (ed il mondo della musica ne è stracolmo di decisioni che seguono la moda inv…

  • Avatar utente

    belle le 4 finaliste! ho votato per gli yes, spero di avere il tempo per fare la mia cover

  • Avatar utente

    io propongo: europe - the final countdown potrebbe dare da lavorare sia ai rockettari che ai più estremi patiti di elettronica

  • Avatar utente

    proprio così.

  • Avatar utente

    Quota daandreadivac: “Le 271 vanno bene per dare l'ascolto del metronomo in cuffia non fanno sentire all'esterno ciò che si ascolta giusto ? ” esatto. sono cuffie chiuse, hanno un buon isolamento da e verso l'esterno.

  • Avatar utente

    stratocaster, partito da ernie ball nickel wound 10-46 e migrato per alcuni anni alle 11-48, sono infine planato con soddisfazione sulle galli rockstar 10-46. piccola nota: trovo fantastica la ruvidità delle galli thunder e il loro suono sui distorti, ma le rockstar mi piacciono di più sui puliti, che utilizzo maggiormente.

  • Avatar utente

    di niente! occhio a fare cose solide e stabili per evitare di crearti ulteriori problemi, evita legno troppo sottile e/o leggero, se puoi ancora i supporti alla scrivania o mettici dei piedini di gomma per evitare risonanze eccessive. e di nuovo, cura il posizionamento dei monitor, rispetto alla tua posizione di ascolto ed alla stanza se possibile.

  • Avatar utente

    ma non parlavo di supporti a terra. semplicemente mettere un bel librone sotto ad ogni monitor, poggiato alla scrivania, quanto basta per rialzarli almeno una decina di centimetri. o al posto dei libri un paio di supportini fatti in legno. non credo invece che isopad, punte o simili cambino qualcosa, perchè continueresti ad avere i monitor alla medesima posizione.

  • Avatar utente

    forse la migliore soluzione sarebbe quella di metterli proprio su di un supporto invece delle punte coniche, per due ragioni: 1) non avere una superficie riflettente (il piano della scrivania) troppo vicino agli altoparlanti - questa dovrebbe essere la ragione per cui hai la sensazione di amplificazione dei bassi) 2) avere il miglior posizionamento possibile in altezza - i tweeter (o secondo alcuni il punto medio tra tweeter e woofer) dovrebbe trovarsi all'altezza del tuo orecchio se vuoi fare l…

  • Avatar utente

    non conosco la scheda in questione, quindi non saprei veramente cosa consigliarti... comunque non tenerti chiusa la porta del mixer da dj, che avrebbe la possibilità di applicare anche un minimo di filtro quando campioni; sembra cosa da poco, ma in realtà può essere comodo.

  • Avatar utente

    alcune schede audio hanno un ingresso phono (solitamente quelle specifiche per dj), per altre invece ti serve un pre. si parte dai 20 euro a salire fino a circa infinito

  • Avatar utente

    Benvenuto! Ma un MPC500? Lo trovi usato sui 250 euro e quando hai messo via i $$$$$ per il 2500 lo rivendi senza perderci un euro. Nel frattempo prendi la mano con il flusso di lavoro di un MPC, che è infinitamente diverso da quello di un sequencer su PC. In bocca al lupo, sei carico di entusiasmo e sei partito in modo molto razionale, non potrai che fare bene!

  • Avatar utente

    vicus hai colto nel segno, proprio ai presunti closed back che fanno aria mi riferivo parlando di finte sospensioni. molto interessante l'infinite baffle, non lo conoscevo! certo che sarei curioso di capire come ottengono un volume sufficientemente grande, soprattutto riferito alle frequenze di un basso. probabilmente il cab è ben farcito di materiale assorbente... ?

  • Avatar utente

    d'accordo 100% su questo.

  • Avatar utente

    si, ma la 810 ha OTTO coni.. a quel punto di aria ne sposti quanta vuoi, non è più un problema di dimensione del cono per scendere in basso... tra parentesi, immagino che quella sia una sospensione pneumatica vera (non come il classico closed back da chitarra che in realtà non può quasi massi essere considerato tale), quindi di nuovo un sistema accordato. ma non è questo il punto su cui mi focalizzerei.

  • Avatar utente

    Quota dadissident: “ Nelle casse moderne da basso con i coni da 10" solitamente il compito di riprodurre il range più basso è delegato a sistemi di bass reflex che invece normalmente mancano sulle casse da chitarra ” questo è il punto. le casse da chitarra sono tipicamente prive di accordo, quindi per tirare fuori i bassi servono coni grandi. le casse da basso tipicamente sono reflex, quindi non hanno problemi a scendere in basso anche con coni piccoli, che vengono quindi solitamente prediletti …

  • Avatar utente

    in quel caso una eq/comp generale sulla uscita dei midi dovrebbe risolvere... dovrebbe essere sufficiente fare uscire i midi da una uscita dedicata, diversa da quella che usi tu per suonare e li processi col mixer. a 8 canali ci sono dei piccoli soundcraft che non sono male, hanno preamplificatori decenti e una discreta qualità generale.