Risultati ricerca

Risultati della ricerca 1-20 di 995.

This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

  • Avatar utente

    Autotune live

    dissident - - Effetti ed Outboard

    Messaggio

    Per la correzione dell'intonazione live comunque oggi trovi molte soluzioni hw, io non mi fisserei su autotune

  • Avatar utente

    Quota dasin night: “ Mi riservo dunque di cercare di capire se sto sbagliando qualcosa con Reason o se è proprio il software che ha qualche "peculiarità" (verificherò se dai due mixdown di Reason emergono problemi di jitter o se il mancato null ha una natura diversa). Sinceramente non me l'aspettavo. :|” There must be a REASON in effetti

  • Avatar utente

    Quota dahocusprocus: “ @dissident quali dono le condizioni perchè un locale sia considerato adeguato ad una permanenza di persone? .” Dipende dal Comune, ma di solito serve un'altezza minima di 2.70m e adeguati rapporti aeroilluminanti.

  • Avatar utente

    I requisiti igienico sanitari per la permanenza di persone valgono anche per le associazioni private.

  • Avatar utente

    L'associazione culturale ha facoltà di riunirsi dovunque vi siano le condizioni perché un locale sia considerato adeguato ad una permanenza di persone, se lo spazio di cui parli non ha questi requisiti non puoi metterci neanche un'associazione, se ce li ha puoi metterci anche un'attività, al limite facendo un cambio di destinazione d'uso.

  • Avatar utente

    Il G&L tribute L2000 lo trovi usato a quella cifra (anzi qualcosa in meno) ed è un basso dalla liuteria molto buona e molto versatile (attivo/passivo, switch per mettere i pickup fuori fase e switch boost medie), ha delle caratteristiche che sono un po' una via di mezzo tra un Jazz Bass e un Musica Man Stingray.

  • Avatar utente

    Anche secondo me l'usato è una buona strada, con Shure, Sennheiser e AKG vai sul sicuro. Per la questione mix indipendenti, secondo me potete lo stesso valutare di implementarla in un secondo momento, anche perché sennò la spesa sale molto, ma secondo me è una necessità abbastanza comune da darla per scontata. In questo caso dovrete aggiungere uno splatter di palco di buona qualità e un mixer con tanti aux quanti sono i mix di cui potreste aver necessità.

  • Avatar utente

    2) Non basta che abbiano le stesse frequenze, ogni produttore adotta diversi encoding quindi non è certo un bodypack di una marca funzioni con un trasmettitore di un'altra anche se hanno le stesse bande. 3) Avere un unico mix per più musicisti è una soluzione che tendenzialmente ha dei limiti oggettivi che per il 90% dei musicisti sono difficili da accettare, per mia esperienza.

  • Avatar utente

    Quota daSickman.: “Quota: “Sì però questo è un Marshall a transistor, non ne ho mai trovato uno con un suono decente ” youtube.com/watch?v=zzzA5TQGY7Q Marshall Valvestate 8100. Dita non incluse nel prezzo. ” Il suono delle chitarre dei Death non lo definirei in alcun modo un "bel suono" dai.

  • Avatar utente

    Sì però questo è un Marshall a transistor, non ne ho mai trovato uno con un suono decente

  • Avatar utente

    Qualcosina probabilmente farà, io comunque lo metterei a prescindere

  • Avatar utente

    Powerball o Powerball II?

  • Avatar utente

    Utilizzabili direi di sì, c'è anche chi le usa in ambito di home recording, secondo me in una situazione live davvero avere una qualità ancora maggiore è superfluo Più che altro controlla se trovi gente che lamenta problemi di stabilità dei driver, quello è l'aspetto più importante quando sei dal vivo!

  • Avatar utente

    Focusrite Scarlett 2i4 se ti bastano 4 out, sennò la 6i6

  • Avatar utente

    La cosa importante è che abbia il numero di out che vi serve e che sia fornita di buoni driver, per i live la qualità minima credo te la fornisca anche una scheda di fascia bassa

  • Avatar utente

    Il 90% delle band che suonano in questo modo usano un laptop posizionato presso il batterista, fornito di scheda audio con almeno 4 out e su cui gira un sequencer con metronomo, effetti, eventualmente traccia MIDI con program change/control change per effettistica o synth ecc.

  • Avatar utente

    partita IVA

    dissident - - Bourbon Street

    Messaggio

    Decisamente meno, visto che oltre alle tasse devi metterci affitti/utenze/ammortamento strumentazione/manutenzione

  • Avatar utente

    Ecco io invece volevo farti capire che la giorno d'oggi, escludendo i prodotti di agenzie e talent, di gente che "ce la fa" non ce n'è praticamente più, a prescindere da qualità, proposta musicale, marketing. Perché ad un certo punto per poter fare il salto di qualità, non ci sono più i soldi delle etichette che ti permettono di farlo a tempo pieno. Se conosci bene l'inglese ti posso postare un po' di articoli che spiegano perché siamo "condannati" a generazioni di musicisti poco più che hobbist…

  • Avatar utente

    Quota daJackMusic: “ Grazie mille, darò un occhiata.. sirAracs.. Le tue parole sono di incoraggiamento e ti ringrazio.. Io credo che nel mondo della musica ci siano tante opportunità se riesci a farti notare e farti valere.. credo che la maggior parte delle band, o cantanti, non siano proprio discograficamente vendibili.. è pieno il mondo di gente che si lamenta dicendo " la mia band è migliore" ecc ecc .. la verità è che basta guardarsi un pò in giro per vedere incapaci allo sbaraglio a cui non…

  • Avatar utente

    E' tutto OT perché l'OP diceva che voleva mettere su internet della musica "per guadagnare un po' di soldi per poter investire nella musica", che è un'idea davvero fuori dal mondo attuale, marketing o meno. Ci sono fior di band ed artisti di fama internazionale che non vanno neanche in pari, per intenderci.