Risultati ricerca

Risultati della ricerca 1-20 di 975.

This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

  • Avatar utente

    Gain reduction

    loyuit - - Mixaggio e mastering

    Messaggio

    Io ti consiglio Molot tra quelli free Molto bello E ovviamente quelli del tuo sequencer Il comp si puó usare su tutto, è un tool come un altro. Sta all’artista e al fonico decidere dove, quando, come e se usarlo. Mi viene in mente Rock’n’Roll Suicide di David Bowie dove la chitarra acustica è super compressa. Sembra un vca con attacco molto veloce. I transienti sono appiattiti, come tutto il resto ma in quel contesto è molto funzionale.

  • Avatar utente

    Gain reduction

    loyuit - - Mixaggio e mastering

    Messaggio

    Un compressore agisce sulla dinamica di un segnale La threshold determina quando la compressione inizia a lavorare La ratio indica il rapporto di compressione tra i decibel che superano la soglia e la riduzione di decibel o gain reduction praticata dal compressore. Esistono diversi tipi di compressori, più o meno colorati, più o meno veloci, etc. La compressione oltre a ridurre le dinamiche influisce anche sui transienti, sul sustain, sulla separazione degli elementi componenti la traccia compre…

  • Avatar utente

    Come monitor valuta sull’usato anche Dynaudio Bm5mkiii o Yamaha Hs80 o altro ancora...puoi trovare cose ottime a prezzi interessanti. Ciao

  • Avatar utente

    Se Gobert, tra l’altro tornato biondo finalmente, dice 7-8 pollici vai tranquillo. Lui se ne capisce molto di acustica. Sul discorso equalizzazione, suppongo tu usi un sequencer, metti nel master un equalizzatore e provi a tagliare i 125hz e a mettere uno shelf dai 350hz in giù come ti ho scritto più su. Poi fai un make up di volume e vedi se l’ascolto è meno problematico. Puoi provare anche con un brano famoso che hai e che ti piace. Lo carichi sul sequencer e lo ascolti equalizzato o dry. E va…

  • Avatar utente

    Ottime le 880 Con quello che hai attualmente io proverei a fare qualche intervento di equalizzazione pre monitor di correzione ambientale. Come prova drastica ti direi (-7 db bell Q 2,5 125hz) (-5 db Lshelf Q 0,5 350hz) Compensa alzando leggermente il volume e vedi se, in monitor, senti il mix più definito e con meno rimbombi e impasti. Tende spesse di vero velluto di cotone naturale a volte duplicate o triplicate e tappeti anch'essi in cotone naturale sono ciò che uso e quoto. Su bass trap lasc…

  • Avatar utente

    Quota daDa real Gonzo: “Se non altro mi è sembrato di capire che i pre, gli effetti e tutto sia di miglior qualità in media rispetto ai pre del mixer abbinati ad una serie di rack.” Dipende sempre dall'outboard o dalla scheda audio. Se hai l'ampli quoto la traccia di basso microfonata. Sulla scheda audio dipende dal tuo budget. Detto questo, se fai il fonico mentre gli altri suonano, allora ci sta e anzi lo trovo molto romantico e purista, ne ho già parlato altrove, mixare e registrare direttame…

  • Avatar utente

    Dico la mia Stanza piccola problemi intorno ai 100-150hz Con un equalizzatore software, dsp oppure con i shelf presenti nella maggior parte dei monitor puoi intervenire attenuando le problematiche in quel range di frequenze. Come monitor valuterei un 6,5-7 di woofer per ascoltare il giusto che serve a livelli di studio prosumer, anche nel caso ti spostassi in un ambiente più ampio. Personalmente andrei di Genelec 8040 ma sono scelte personali dettate da ciò che conosco, utilizzo o ho utilizzato …

  • Avatar utente

    Se hai canali stereo nel mixer puoi entrare con due microfoni, uno per tom in un unico canale (stereo). Ti ritroverai i tom uno comletamente a destra e uno completamente a sinistra nell’immagine stereofonica. Col pan potrai aumentare la presenza di un tom e ridurre quella dell’altro tom. Se invece vuoi fare un passaggio da stereo a mono non so se il tuo mixer lo consente e comunque per il mio gusto sarebbe poco ortodosso. Se il tuo mixer ha degli aux puoi usare quelli su ogni canale per riverber…

  • Avatar utente

    Ciao e complimenti per la tua passione musicale. Gli approcci al recording sono piuttosto variegati, dipendono dal contesto ma anche e soprattutto dal gusto dell'artista e del fonico. Quindi onde evitare scolarizzazioni varie ti espongo come farei io. Qualcun'altro ti dirà come procederebbe lui e così via. 1) Lavorerei in close miking con un microfono dinamico, cardioide o super/hyper cardioide per elemento o su due elementi ravvicinati, cercando di limitare il più possibile l'ambiente, le fasi …

  • Avatar utente

    Ciao Come dice Mollyer le scelte sono soggettive Che convertitore usi? Comunque io fossi in te lavorerei così: assegni nella daw le uscite rispettive che vuoi utilizzare nel convertitore per le singole tracce. Esempio traccia 1 la mandi all'uscita 1 del convertitore (mono) oppure 1/2 stereo. Etc. Dal convertitore vai fisicamente col cavo (o cavi) dentro un canale del mixer, diciamo il canale 1 (oppure 1/2 se stereo). E così via per quanti canali hai disponibili e vuoi utilizzare. Una volta che l…

  • Avatar utente

    Che internet sia il presente e il futuro non è una novità. Io mi farei un sito ben fatto. Ci caricherei i tuoi album a qualità ottima. E se non hai ansie da copyright permetterei il download gratuito con possibilità di donazione. In parallelo caricherei su altre piattaforme musicali. Ciao

  • Avatar utente

    Quota: “​Poi sulla qualità dei prodotti sorvoliamo, ma anche lì mi rendo conto che il 99% delle persone che conosco ascoltando la musica attraverso lo smartphone, quindi... una volta che sentono "qualcosa" già ti dicono che è stupendo e meraviglioso.... poveri noi..” Il concetto di bellezza è un mero stato mentale. Per questo conta più la pubblicità che la qualità per l’affermazione di un prodotto. Perchè la pubblicità è cosa concreta mentre la “qualità” è un idea, perlomeno in arte.

  • Avatar utente

    Basta scrivere daw su google per rendersi conto che la maggior parte della gente per daw intende il software sequenziale o sequencer. È una questione di slang ma a non tutti piace eh.. Quindi , come già detto, per i più esigenti la daw include tutto, dal computer alla scheda ai software. Mi raccomando specificatelo quando scrivete daw qui altrimenti si rischiano pagine e pagine di dibattiti.

  • Avatar utente

    Eureka Ormai era una curiosità più che altro : ) Per le tue domande più o meno mi sembra che ti si è risposto Tutto dipende da che musica fai e dall'approccio che hai Io uso un Mac 2010 piuttosto vecchiotto. Ma lavoro su 6 tracce al massimo e senza vst. Giusto un plugin di riverbero in aux. E quindi per me va benissimo. Se devi lavorare su 80 tracce di vst cariche di plugins e magari a 96khz ti ci vuole probabilmente il nuovo Mac Pro con 8 core. Esempi insomma Per ottimizzare la tua Daw (in ques…

  • Avatar utente

    Ok ma hai anche un software per tracking, editing, etc? O hai solo un Pc?

  • Avatar utente

    Quota daLattugo: “In realtà con DAW si intende il sistema completo: computer + SW + relative interfacce” Si certo Per far funzionare un software ci vuole l'hardware E per definizione la Daw comprende tutto il sistema. Ma, pignolerie a parte, sul piano reale quando uno dice Daw pensa al software sequenziale e non alla scheda audio, ai vst, ai plugins di terze parti o al pc. Quindi tornando al 3d starter: che Daw utilizzi?

  • Avatar utente

    Ciao Di che Daw stiamo parlando? Cubase, Logic, FL, Ableton, etc ? Perchè sembri confondere l’hardware con la Daw che in realtà è un programma software. Se hai già una Daw e vuoi capire se il tuo hardware riesce a gestire i tuoi progetti musicali basta provare. Se necessiti di più potenza dovrai fare un upgrade hardware: cpu, ram, etc. Ma potresti anche trovare il modo di adattare il tuo approccio creativo all’hardware che già possiedi. Limitando l’uso copioso di plugins e vst, scegliendone di l…

  • Avatar utente

    Se si parla di The Wall più estesamente allora personalmente lo ritengo il più grande album di tutti i tempi. E se gli argomenti trattati al suo interno sono svariati, il tema portante è la solitudine. Come per ogni opera, piccola o grande che sia e in questo caso grandiosa (riferirsi all'intero album o a Comfortably numb non fa differenza) , ogni reinterpretazione è sempre fuori luogo. Almeno secondo me. Ciao

  • Avatar utente

    recordinghacks.com/microphones/Shure/SM57 Qui potete, andando sul grafico della risposta in frequenza e cliccandoci, comparare il 57 col 58 (apparirà uno spazio dove poter scrivere "sm58" che apparirà poi in una tendina) Vedrete che sulle medie i due mic sono identici. Dai 2khz ai 4khz il 58 è più enfatizzato. Altre differenze su frequenze ancora più alte. Secondo me la differenza principale tra i due mic la fa l'antipop Io andrei di 57 o su altri target, di md421, md 441 o mc 950 Ciao