Risultati ricerca

Risultati della ricerca 1-20 di 976.

This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

  • Avatar utente

    Quota daSballoRDC: “ La parte del DAW e/o VST host me la potresti tradurre? :D” L'antares autotune live è un plugin in formato VST, ossia un sw concepito per lavorare all'interno di un programma di elaborazione audio. Per funzionare ha bisogno di un sw che lo ospiti, sia questo un programma di audioproduzione o un semplice VST host. Non sottovalutare il discorso della potenza del pc su cui deve girare, perché per poter essere efficace la latenza deve necessariamente essere molto bassa (leggi, ci…

  • Avatar utente

    L'utilizzo di un sw aumenterebbe (e non di poco) la complessità del sistema. Anzitutto per poter lavorare a bassa latenza avresti bisogno di una macchina abbastanza corazzata, inoltre ti servirà una scheda audio/midi e un e-licenser. Il costo si alza. Inoltre tieni presente che Autotune Live non lavora standalone: ha bisogno di un host, che sia una DAW o un VSTi host. Però forse tra tutti quelli visti è l'unico sistema che dovrebbe consentire di pilotare il pitch via controller. Il Tascam, in ef…

  • Avatar utente

    Aspetta, i vari pedalini non credo siano pilotabili da MIDI, io ti segnalavo il TC Helicon Voice Play live perché ha un ingresso USB per gli mp3 e ha un voice canceler. Se vuoi qualcosa di controllabile da MIDI mi sa che devi orientarti su qualcosa tipo il Tascam TA1VP DISCLAIMER: ti preciso che io questi attrezzi non li ho mai provati, perciò non so come vanno.

  • Avatar utente

    Uno scatolotto tipo questo?

  • Avatar utente

    Quota daloyuit: “ È un concetto molto antico: "la ricchezza non è mai bastante" Quello che viene da chiedersi è: "quantità è sinonimo di qualita?"” Molto più terra terra: basta un minimo di buonsenso e di organizzazione e si possono ottimizzare le risorse, che per definizione non sono e non saranno mai illimitate.

  • Avatar utente

    Quota daPilloso: “Deve inizare a convertire tracce in audio quando ancora non ha finito di fare quelle midi? Perché non vedo altre soluzioni, se quando vado a fare la traccia numero 31 l'audio crasha, evidentemente devo passare in audio alcune tracce PRIMA di finire di suonare le ultime. Allora non parliamo di passare in audio le tracce di un lavoro finito, ma di appoggiarci all'audio per un sistema non ottimizzato, che è ben altra questione. ” Per mia esperienza quale che sia il sistema dato il…

  • Avatar utente

    Quota daPilloso: “ l'esportazione delle singole tracce in audio casomai la farai se vuoi farle missare a qualcun altro, ma la fai nel momento in cui serve e se serve, altrimenti non ce n'è proprio motivo. ” Pilloso, non è un caso se tutte le DAW implementano una funzionalità di consolidamento automatico delle tracce. Perché qualsiasi operatore professionale ha la prassi (e la necessità) di farlo. L'amatore si regola come meglio crede ovviamente, ma le best practice consigliano comunque di consol…

  • Avatar utente

    Quota daPilloso: “La prassi più comune in realtà è fare in modo che tutto continui a suonare, passare tutto in audio è un lavoro extra che richiede tempo e occupa parecchio spazio su disco, facendo perdere un grosso vantaggio dei virtual instruments, ossia di farli risuonare e missarli direttamente "in loco" senza la necessità del brigoso passaggio in audio. ” Non è così. Il passaggio in audio prima del mix è prassi consolidata di qualsiasi studio. E questo a prescindere dalle prestazioni della …

  • Avatar utente

    Cuffie per "mixare"

    Lattugo - - Pausa caffe'

    Messaggio

    Grazie per la segnalazione.

  • Avatar utente

    Quota damichelet: “ Per andare più a fondo consiglio sempre gli editor di John Melas che non hanno rivali per semplicità e praticità d'uso. ” Grazie per la segnalazione, approfondirò. Lat.

  • Avatar utente

    Grazie Michele, alla fine ho trovato un Motif XS di seconda mano con garanzia che pare sia in consegna stamattina. C'erano anche diversi ES disponibili (a metà del prezzo), ma ho scelto XS proprio perché ha dei pot dedicati sul pannello alla modifica rapida dei parametri fondamentali del suono, il che è perfetto per quello che mi serve. Vi saprò dire come va. Lat.

  • Avatar utente

    Ciao, il mio parere è che purtroppo musica e video non si sposano. Il piano (parte e trattamento) mi dà una sensazione di estremamente chiuso, in netto contrasto con le immagini. Al di là della composizione in se, le dissonanze (alcune sicuramente volute, altre non so, perché ci sono alcuni controsensi armonici) sarebbero forse adatte a commentare una situazione intima e malinconica, e nulla c'entrano con la grandiosità delle immagini. Mi spiace se non è un commento positivo, ma è la sensazione …

  • Avatar utente

    Suona promettente! Ben fatto.

  • Avatar utente

    Mark, ti ringrazio della risposta. Ma se cerco un'unità a rack cerco un'unità a rack, o al massimo desktop.

  • Avatar utente

    Ciao, A rack per la portabilità. Devo poterlo mettere in un trolley e caricarlo in aereo. Per "suono professionale" intendo avere una macchina che mi consenta di andare a suonare con professionisti di alto livello e che nessuno recrimini sulla qualità dei suoni. Avrei bisogno di un tuttofare, perché i suoni dipendono di volta in volta dal repertorio che mi viene richiesto. Ma tipicamente non possono mancare un ottimo piano acustico, buoni e versatili archi, piani elettrici, varie scelte di organ…

  • Avatar utente

    Ciao a tutti, sono alla ricerca di un expander per live che unisca le seguenti caratteristiche: - suoni professionali - facilità di impiego, inteso come ricerca, selezione e modifica rapida dei suoni - elevata portabilità Yamaha Motif rack XS sembra soddisfare quanto sopra. Sto dando un'occhiata al mercato dell'usato per vedere cosa ci sia disponibile in zona, perché non avendo mai messo le mani sullo strumento avrei bisogno di provarlo. Tra le possibilità ci sono disponibili anche dei vecchi Mo…

  • Avatar utente

    Quota daPilloso: “Loyuit ha chiaramente citato quello che è invece il problema più comune, a quanto mi hanno riferito alcuni bravi chitarristi che devono fare anche pezzi un po' veloci: se tu lavori con una certa latenza, il problema non è tanto la chitarra, che senti in tempo reale, ma le tracce della base che ascolti in playback durante la registrazione, che seguono la latenza. ” ??? Non credo con un software di recording dal 2001 in poi. La latency compensation è un processo rodato da molti a…

  • Avatar utente

    Quota daFrosco: “nonostante abbia impostato la massima qualità possibile (48 MHz in Wave a 24 bit) ” Ecco... la massima qualità possibile sull' H2N è 96 kHz (e non 48) a 24 bit. A 4 canali 48 kHz una scheda normale in classe 10 ce la dovrebbe fare, (siamo a circa 4.6 mb/s), ma salendo a 96 siamo vicinissimi al limite minimo garantito di 10 mb/s, perciò qualche drop e glitch qua e là me lo aspetterei...

  • Avatar utente

    Quota daloyuit: “Quota daLattugo: “Perché mai?” Beh se si registra audio ascoltando l'input monitoring ” Giustappunto avevo scritto: Quota daLattugo: “ Se acquisisci segnali dall'esterno non ha senso tenere la latenza bassa. A meno che non li processi con qualche plug in tempo reale, ma è sempre meglio demandare ad unità esterne. ” Che è l'unico motivo che ti costringerebbe ad ascoltare l'input monitor software. Proprio per questo le schede dedicate (anche le più basiche) implementano il direct …

  • Avatar utente

    @Pilloso Evidententente il mio discorso non era chiaro, me ne scuso. Prescindeva dalle esigenze specifiche del TS, e si focalizzava sull'approccio, ed è valido in qualsiasi condizione ed esigenza operativa. Tu hai fatto l'esempio del tuo setup (che risponde alle tue esigenze) e hai menzionato la questione del "corretto dimensionamento" per evitare di convertire in audio, io ho affrontato la questione in termini generali, e resto convinto che l'approccio più efficace sia quello di ottimizzare.