Search Results

Search results 1-20 of 1,000. There are more results available, please enhance your search parameters.

This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

  • User Avatar

    Scelta scheda audio home studio

    gobbetto - - Schede sonore

    Post

    ma guarda non ho esperienza di prima mano con entrambe, posso solo dirti che tanti hanno apprezzato parecchio l'ID44 come DAC, i riscontri sono generalmente più che positivi. Quello che ho al momento come focusrite è la Clarett ultima generazione (quindi fascia superiore alla Scarlett), e come DAC non era male per niente (ma ora uso altro). Alcune cose mi sono passate sottomano brevemente e ne ho fatto il reso, quindi qualunque opinione sarebbe comunque personale. Diciamo che anche come DAC mi s…

  • User Avatar

    addirittura, quindi avrei dato del ritardato a Pape. Sì in effetti non ne usciremmo mai, meglio concludere che ho già esposto alcune cose di cui sono convinto , e non credo sia necessario specificare ulteriormente.

  • User Avatar

    salvo ovviamente che tu intendessi che sono clichè veri, rispondenti a situazioni frequenti nel mondo reale, nel qual caso sì, senz'altro.

  • User Avatar

    Scelta scheda audio home studio

    gobbetto - - Schede sonore

    Post

    non le ho provate tutte, ma è opinione comune che la ID44 come AD-DA sia superiore alla id14. Del resto, come mi ha insegnato una persona veramente esperta in queste cose, spesso il "chip burr brown" è messo lì come specchietto per le allodole. Importa tutta la componentistica di un preamp, e l'accuratezza della realizzazione. Secondo me la ID44 ti piacerà, l'unico punto interrogativo sono i driver.

  • User Avatar

    Quote from DBarbarulo: “Quote from gobbetto: “ Poi vedo un piano nell'angolo e rimango a suonarlo dieci minuti, era la nuova (allora) serie CX. Gli steinway erano di fascia economica (cioè tra i 30 e i 40 mila), e facevano piuttosto cacare. Il CX è economico di suo, costava sui 25, e distruggeva tranquillamente quegli steinway. Me lo sarei comprato subito, se avessi avuto i soldi. Il venditore mi ha confermato che sono i pianoforti che ha venduto più facilmente negli ultimi anni, gliene entra un…

  • User Avatar

    Quote from Afex: “@gobbetto Seguendo il tuo discorso potrei dirti che per il 90% delle produzioni basterebbe come pianoforte una master pesata e Pianoteq 6. E per fare una buona sessione di batteria potrebbe bastare XLN Drums o EZ Drummer; noi in studio avevamo una Roland TD e usavamo Ez Drummer e non solo. poche volte si sentiva l'esigenza di usare una batteria vera. Anche questo è contenimento dei costi, ma ci vuole molta competenza in programmazione sennò fai una figuraccia. Essere mediocri n…

  • User Avatar

    ah e comunque guarda che i CFX di Yamaha sono da concerto, nella musica classica, e costano molto di più, e sono effettivamente utilizzati da grandi pianisti classici. La differenza tra Yamaha e Steinway è che la serie economica di Steinway fa schifo, quella attuale di Yamaha è paragonabile alla sua serie top. Ma se i pianoforti non li provi e compri "il nome" questo non puoi saperlo.

  • User Avatar

    Quote from DBarbarulo: “Edit2: basta con: " il 90% degli ascoltatori non sarà in grado di distinguerli, ed hai speso un quarto." E' già abbastanza calcificata l'idea che l'ascoltatore non capisce (e non è al 100% vero). La logica del ragioniere non crea nulla di diverso ma porta al baratro: lo Steinway è per Jarrett, prendi il CX, ma no, tra CX e C l'ascoltatore non capisce, prendo il C ma mezza coda .. tanto... , ma sai che ti dico prendo un Clavinova... tanto... ma mo prendo un Fatar e un vst.…

  • User Avatar

    Quote from danny83: “ci sono farm e farm, la mia è una diversificazione del settore musica, la farm come studio di registrazione, e come ho capito io dalle vostre conversazioni, è un raggruppamento di servizi strettamente legati alla produzione di un album ad esempio, che non mi trova molto d'accordo proprio perché nel 2020 siamo tutti più o meno in grado di trovare collaborazioni gratuite o con conoscenze dirette. si presume che chi è pronto a fare un certo salto abbia avuto modo di fare parecc…

  • User Avatar

    Quote from BjHorn: “Quote from DBarbarulo: “40 euro l'ora? TANTINELLO? Per uno studio che contiene delle attrezzature e un essere vivente che sta la per te? Se c'è il tipo delle pulizie che nel frattempo sta rassettando la segreteria ne restano 30 al netto del sapone e della corrente dell'aspirapolvere... Dimmi che stai scherzando ti prego.” Moltiplica per 10/12 ore... e non ti insospettisce che c'è un tizio che gira per lo studio a rassettare per tutta la giornata quando basterebbero 20 minuti?…

  • User Avatar

    Quote from DBarbarulo: “ Fai concorrenza abbassando i prezzi e non c'è alcun limite poichè ci sono i tuoi amici che ti fanno le batterie a 5 euro e quelli che ti fanno i mix gratis... vuoi fare concorrenza a loro con i prezzi limitando le spese? L'unica concorrenza che puoi fare è alzando la qualità.” no aspetta, cita in modo preciso. A 5$ ti fa le batterie su Fiverr una bestia di batterista che ha nel curriculum collaborazioni con Marienthal, non ho detto l'amico dietro casa. Dici: ma che c'ent…

  • User Avatar

    @DBarbarulo sì certo, condivido sul livello medio basso che serve sempre meno, quasi zero. Infatti il punto centrale è quello che hai messo a metà del discorso: Sono sicuro che nessuno qui si crede genio del mix, il punto è che veramente a volte quello che esce da un home studio neanche super skillato è assolutamente paragonabile a quello che esce da uno studiolo medio della tua città. Il punto era, e credo anche il senso della domanda iniziale del thread, proprio come far fare a uno studio un p…

  • User Avatar

    Quote from Afex: “Quote from gobbetto: “ Comunque sarebbe interessante sapere cosa offrono queste nuove realtà di cui parli, cosa includono nel pacchetto. Io ne sono più che convinto: il futuro è online per tutto ciò che è internettizabile. Non tutto lo è, naturalmente.” come il mastering istantaneo? Esempio di come internet possa creare anche dei mostri... La rete è già il presente, dieci anni fa si faceva già mastering online in USA, io per esempio facevo sessioni di voiceover su skype con cor…

  • User Avatar

    Scelta scheda audio home studio

    gobbetto - - Schede sonore

    Post

    ciao, per me la Audient ha preamp migliori sia della Scarlett che della Clarett. I driver li hanno migliorati l'anno scorso, ma non saprei dirti di quanto, a quanto pare però non hanno fatto miracoli, e di sicuro stanno sempre dietro RME. Se il budget te lo consente prendi senz'altro RME: ottimi preamp, clean, e soprattutto i migliori driver sul mercato, e il miglior mantenimento dei driver nel tempo (cose veramente fondamentali). Altrimenti io prenderei la audient che hai citato.

  • User Avatar

    Quote from classic: “Purtroppo nel momento in cui comprare un bene o un servizio via web è vantaggioso si danneggia il mercato. I piccoli negozi che già subiscono la concorrenza dei centri commerciali ora si trovano a competere con le offerte del Black Friday e chiudono... Bisognerebbe mettere un dazio per limitare gli acquisti on line IMHO, si spende qualcosa in più ma forse così c'è più margine per chi ha una attività. Deve essere regolarmentato "dall'alto" se c'e troppa convenienza on-line no…

  • User Avatar

    Quote from Angix: “Si fa anche adesso con le opere a parti reali.. Si chiamano markette... ” eh beh... un po' sì... però ci sono cose peggiori nella musica, questo tutto sommato può essere un modo per fare conoscere il Barbiere alla zia Pina. Quote: “ E vi dico anche una cosa: non so la vostra esperienza da "clienti", ma quando arriva qualcuno che oltre al lavoro dello studio ti offre il pacchetto promozione (gestione social, interviste, comunicati stampa) + produzione fisica dei cd con annessi …

  • User Avatar

    Quote from classic: “O... ma come esistono app gratuite ... Inviato dal mio Moto G (5S) Plus utilizzando Tapatalk” ma no, si finanziano con i banner pubblicitari, oppure ti fottono dati personali e li rivendono, oppure sono il pilota per altri prodotti più remunerativi, o per versioni a pagamento dello stesso prodotto. E' il caso di dire che nessuno, o quasi, fa niente per niente. Xiaomi ha venduto qualche modello di smartphone a prezzo di costo, per guadagnare su altri prodotti del suo gruppo (…

  • User Avatar

    Bella l'idea di @classic del capannone di stato, davvero ma mi pare solo un sogno allo stato attuale delle cose. Pensate che agli enti operistici più grandi di Italia chiedono ormai di fare un profitto minimo "sul mercato" per poter accedere ai contributi nazionali o europei... Non c'è più trippa, e da mo' Da qualche anno il Teatro Massimo di Palermo si è inventato un carrozzone ambulante che gira per le piazze della Sicilia con un organico ristretto e rappresenta le opere in forma ridotta. E po…

  • User Avatar

    Quote from DBarbarulo: “Gob, la domanda originaria non è se aprire uno studio o no. Se fosse quella direi direttamente NO. Ma è: cosa vorreste trovare? Ho detto cosa vorrei trovare. Trasparenza, Persone Qualificate, Supporto musicale al Musicista/Artista.” ok, chiaro. Io volevo solo ribadire che a volte strutturarsi di meno, e lasciare maggiore fluidità e informalità ai rapporti (mi serve una tantum un arrangiatore o un gruppo di turnisti per il disco X? so a chi rivolgermi) può servire a essere…

  • User Avatar

    Quote from DBarbarulo: “ho capito dove sta il problema, è che stiamo considerando normali i budget da 800 euro a disco aaaah! ;-)” ma Dbarbarulo, sei simpatico giuro! ma davvero lo dici a me? ma non credi che io per primo vorrei essere pagato di più? ma che sono noioso se insisto con Fiver? ma che ci posso fare io se il mercato si sta orientando in un modo così assurdo che posso scegliere un turnista online che ha tra i suoi credits delle collaborazioni con Marienthal, e mi registra una track di…