Risultati ricerca

Risultati della ricerca 1-20 di 948.

  • Avatar utente

    Quota dagiocult71: “Quota daLattugo: “Quota dagiocult71: “e che cuffie mi consigliereste di tipo chiuso per la ripresa vocale da non spendere una fortuna??” Superlux. Poca spesa, tanta resa. Lat.” e rapportate a queste Cuffie Vic firth sih1 trovate a 50 euro?” Le Vic sono molto orientate ai batteristi. Io non comprerei cuffie usate, se non altro per motivi igienici. Dovresti come minimo cambiare i cuscini.

  • Avatar utente

    Quota daloyuit: “ Definire le Dt770 pro 250 ohm cuffie da tracking e basta è estremamente riduttivo Basta guardare sul web per vedere come siano usate e anche a livelli pro per mixing e persino mastering ” Eh, ma il TS ha fatto un'espressa domanda su cuffie per tracking. Quota dagiocult71: “e che cuffie mi consigliereste di tipo chiuso per la ripresa vocale da non spendere una fortuna??” Lat .

  • Avatar utente

    Quota daloyuit: “Quota daLattugo: “Una cuffia per tracking made in Germany entry level costa 120 euro, una Superlux 30. Differenze? Difficilmente rilevabili.” Ne sei proprio sicuro? Io ho utilizzato una marea di cuffie, Akg,Sennheiser,Focal,Sony e se c'è una cosa che ho riscontrato è questa: tutte le cuffie suonano diverse ” Se fossero cuffie da mix, il discorso sarebbe diverso. Essendo cuffie da tracking le caratteristiche richieste sono una resa sonora buona ma non necessariamente lineare, buo…

  • Avatar utente

    Una cuffia per tracking made in Germany entry level costa 120 euro, una Superlux 30. Differenze? Difficilmente rilevabili. Se vai sui prodotti cinesi giusti "suonano", sono anche più robuste proprio perché non ci tengono a passare per "cinesate" (vedi roba Superlux prodotta a marchio Thomann). Poi uno fa quello che preferisce, ovviamente.

  • Avatar utente

    Quota daloyuit: “ Se puoi evita di comprare cineserie Dove si può avere un livello professionale senza spendere follie,come ad esempio nel comparto cuffie,il mio consiglio è valutare qualcosa di serio e professionale.” Superlux (che è cinese) fa prodotti di ottimo q/p, e di ottimo livello generale. Parliamo di applicazione hobbystica, chiaro che puoi anche spendere quattro volte tanto per una cuffia entry level di altra marca, ma non otterrai certo una qualità quattro volte superiore, anzi... Ti…

  • Avatar utente

    Quota dagiocult71: “e che cuffie mi consigliereste di tipo chiuso per la ripresa vocale da non spendere una fortuna??” Superlux. Poca spesa, tanta resa. Lat.

  • Avatar utente

    Quoto F.Blues, è il software di registrazione che si preoccupa di gestire il sincrono tra playback e record. Lat.

  • Avatar utente

    @giocult71 nell'offerta che avevo linkato più sopra vedo che c'è in bundle Ableton Live (lite) che è più orientato al live, ma non lo conosco, mi spiace. @loyuit , tanto per restare in tema/casa focusrite, per direct monitoring si intende questo. Le schede che ne sono provviste hanno una circuitazione disegnata per mandare il segnale in ingresso direttamente alle uscite (cuffie, line, eccetera) con routing configurabile a piacere. Senza bisogno di passare per il pc che è il processo che genera l…

  • Avatar utente

    Infatti, gio, ti stiamo incasinando la vita La soluzione che ti sto consigliando fa esattamente quello che dici nel tuo ultimo post. Utilizzare sempre il direct monitoring della scheda (usando eventualmente il tuo mixer con gli effetti, ma sempre direct monitoring è, perché di mezzo non c'è nessun passaggio dal pc). E' la cosa più semplice, efficace, standard e concettualmente corretta. Per il tuo budget la Focusrite direi sia la scelta migliore tra le schede che abbiamo menzionato. Universalmen…

  • Avatar utente

    Quota daloyuit: “ Quando utilizzando una daw registri una nuova traccia mentre ascolti tracce già registrate è meglio utilizzare l'input monitoring della daw ” Scusa, ma direi che sia vero l'esatto opposto. Quanto più materiale registrato si ha, maggiore sarà il lavoro di CPU necessario in playback. Ergo, maggiore sarà la richiesta di buffer che si traduce in maggiore latenza. Ergo, il direct monitoring a maggior ragione è la scelta preferibile in quelle condizioni. Lat.

  • Avatar utente

    Quota daloyuit: “Beh ma una scheda la prende in ogni caso o no? Avevo capito di si Quindi una volta acquistata puó provare se conviene collegarsi alla dsp del suo mixer esterno oppure usando i plug della daw puó farne a meno perchè la latenza risulta trascurabile” Loyuit, no, rileggi meglio. La richiesta è di mettere in piedi un setup in cui la latenza sia nulla (visti i problemi avuti in precedenza), con effetti in registrazione (solo in ascolto, non "printed") registrando solo il segnale dry p…

  • Avatar utente

    Quota daloyuit: “Perchè non sarebbe possibile?” "Se" = ipotesi. Tieni presente che oggi come oggi sono pochi quelli che possono permettersi di provare più configurazioni DAW (combinazioni di vari HW+SW) prima di decidere un acquisto. I negozianti fisici hanno poca scelta, e non ti danno certo due o tre schede a casa da provare. Si compra online per la convenienza, il tedesco lavora benissimo e ti dà la possibilità di restituire la merce, ma è comunque uno sbattimento notevole: ordina, consegna, …

  • Avatar utente

    Quota daloyuit: “Provare sarebbe un ottima scelta ” Sempre. Ma se non è possibile con il direct monitoring si elimina il problema alla fonte. Lat.

  • Avatar utente

    Quota daloyuit: “Se non devi registrare molte tracce contemporaneamente,lavorando a 44/48khz non dovresti avere problemi di latenza” Ripeto: non è possibile dirlo, dipende (vedi post precedente).

  • Avatar utente

    Quota daloyuit: “ Se registri soltanto una traccia stereo e una mono contemporaneamente, anche aggiungendo un minimo di effetti non avrai problemi di latenza. ” Questo non si può dire, perché dipende dall'elaboratore, dalla daw e dai plugin utilizzati. Inoltre la soglia di fastidio da latenza è una cosa veramente molto personale. Quota dagiocult71: “osservando il pannello posteriore in questa scheda audio consigliata da lattugo strumentimusicali.net/product_…6i6-(2nd-generation).html osservo che…

  • Avatar utente

    Quota dagiocult71: “ ah ecco c'è un pò di ignoranza di base da parte mia, ho già un mixer con effetti che potrei quindi usare per gli effetti? ma che collegamento devo fare perchè non entrino in scheda audio considerato che per esempio il piano e il microfono sono collegati alla scheda per la registrazione delle tracce? ” Tutte le schede audio citate in questo thread hanno almeno due coppie di uscite. Presumendo che tu usi la prima coppia per portare segnale ai tuoi diffusori/monitor, puoi usare…

  • Avatar utente

    Quota dagiocult71: “Quota daLattugo: “tu non abbia bisogno di effetti da inserire in ripresa l'ascolto in monitoring è indipendente dal sistema cui sei connesso” infatti anche questo è un elemento che volevo chiedere, io vorrei suonare e cantare con l'uso di qualche effetto che però ovviamente non vorrei riportare nelle tracce in modo da trattarle in post. è possibile? ” Sì, è possibile ma in quel caso entra in gioco la latenza. Perché non sarà più possibile sfruttare il direct monitoring della …

  • Avatar utente

    Quota dapier_paolo_farina: “Esistono anche le Workstation. Mixer motorizzato a 8/16/24/32 canali con compressori e noise gate in ingresso, firmware dedicato con due/quattro barre di effetti interne, sequencer ecc., hard disc decente (80 Giga), piccolo monitor da sei/sette pollici in qualche caso anche con touch screen, e infine talvolta un (pur ormai obsoleto) masterizzatore CD. Li producevano la Korg, l'Akai, la Roland, la Yamaha, la Zoom. Si trovano usate poche centinaia di Euro, o intorno ai …

  • Avatar utente

    Il problema è che con il mixer che hai indicato andresti a comprare una serie di canali-mixer che non ti servono, ed avresti solo due canali di conversione: il L ed il R dell'uscita main. Questo già ti imporrebbe un problema di routing importante, perché dovresti buttare la voce tutta da una parte, e il piano (che a questo punto dovresti registrare per forza in mono) da quell'altra, causandoti da subito qualche grattacapo in monitoring. Perdere la stereofonia del piano è proprio un controsenso. …

  • Avatar utente

    Ciao, tieni presente che il mixer usb non è altro che una scheda audio, con le sue connessioni (e la sua latenza, ovviamente). Di norma i mixer che citi hanno la possibilità di funzionare come scheda audio come caratteristica aggiunta via USB, e limitano la conversione ai due canali L+R dell'uscita principale. Non penso ti sia sufficiente come numero di canali di conversione. Per avere piano e voce separati avrai bisogno (non specifichi se il tuo è un piano acustico o digitale) almeno di tre can…