Effetto voce per brano Trap

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Effetto voce per brano Trap

      Buongiorno a tutti,
      il figlio di una mia amica mi ha chiesto se potevo registrare per un utilizzo demo un loro brano Trap.
      Ho ributtato giù interamente la base che utilizzavano in quanto scaricata da spotify!!!
      Il problema è che, sebbene io ami il rap, non amo le voci tirate con quell'effetto autotune o vocoder e di conseguenza non ho la minima idea di come si faccia. Qualcuno mi può dare qualche consiglio?
      Grazie.
      Devi settare velocità e quantità dell'effetto al massimo.
      Però la take di base deve essere fatta in modo tale che metta in funzione il plugin in quel modo.
      Diciamo che aiuta il fatto che il cantante sia stonato e che faccia un portamento su tutte le note dove vuoi l'effetto.
      Le mie foto...
      SenzaLegge
      Il mio soundcloud

      Orecchie funzionanti e studio sonorizzato come Cristo comanda...
      Anchio, sperimentando un po di voci nel nuovo disco, in qualche traccia uso il corrector Pitch nativo di Logic.
      Porto a 0 il response e alzo tra +25 e +35 il detune (o se vuoi l'effetto opposto il contrario)
      Poi aggiungo anche Echo + un leggero Delay o leggero Riverb (space designed).

      SimoBarzo ha scritto:

      Che poi trap e major non vanno poi cosi d'accordo visto che è un genere dove gli accordi son sempre minori :D
      Cmq finchè lasci C tonalità e major va bene se suoni in la minore.
      Se cominci ad avere alterazioni in chiave e lasci C major fai un disastro epico


      Premetto che sto 'sperimentando' però con la mia tonalità in major e C mi trovo bene, non è mega invasiva e ti crea quell'effetto quando alzi di poco l'intonazione (o almeno a me pare faccia così :D ) Quando provai Antares effettivamente usavo il Minor ma sul pitch correction di Logic mi sembra che non ci sia

      Lattugo ha scritto:

      nobady ha scritto:



      Ciao, mi sono scordato ovviamente devi mettere anche la scala (a me gusta major scale)



      Così... a prescindere?


      No, non così a prescindere chiaro... dipende dall'intonazione che uno ci mette e cosa vuol fare sentendo anche il beat sotto ^^
      E comunque, quando uscì fuori di brutto sta moda Trap, pensavo che fosse easy in realtà è davvero difficile (per non parlare del live) sistemare il tutto proprio perchè non c'è uno standard fai cosi cosi e cosà ma devi provare, provare e riprovare e magari studiare tutto il funzionamento che ci sta' dietro. :thumbup:

      nobady ha scritto:



      No, non così a prescindere chiaro... dipende dall'intonazione che uno ci mette e cosa vuol fare sentendo anche il beat sotto ^^


      Facciamo ordine: l'intonazione è la capacità di eseguire note più o meno in tono, ed l'oggetto dell'attività dei dispositivi come AT et similia.

      "Cosa vuol fare sentendo il beat" è un concetto interessante: perché se uno fa passare l'esecuzione attraverso un intonatore con un preset su una scala (qualsiasi) già non può più fare "quello che vuole", perché gli intervalli a quel punto li decide il meccanismo.

      Lattugo ha scritto:

      nobady ha scritto:



      No, non così a prescindere chiaro... dipende dall'intonazione che uno ci mette e cosa vuol fare sentendo anche il beat sotto ^^


      Facciamo ordine: l'intonazione è la capacità di eseguire note più o meno in tono, ed l'oggetto dell'attività dei dispositivi come AT et similia.

      "Cosa vuol fare sentendo il beat" è un concetto interessante: perché se uno fa passare l'esecuzione attraverso un intonatore con un preset su una scala (qualsiasi) già non può più fare "quello che vuole", perché gli intervalli a quel punto li decide il meccanismo.


      Esatto si, ho sbagliato.. intendevo 'le note' che si usano e non l'intonazione :wacko:

      Per quanto riguarda il sentirlo sul beat infatti il processo corretto credo sia quello opposto, ovvero post-registrazione, attivare l'autotune e sistemare nota per nota no? (chiedo perchè ancora su questo argomento ho da apprendere tanto :rolleyes: )

      P.S. ma una guida pdf o anche on-line dove viene spiegato tutto il funzionamento, in linguaggio non super tecnico, esiste?

      nobady ha scritto:



      Per quanto riguarda il sentirlo sul beat infatti il processo corretto credo sia quello opposto, ovvero post-registrazione, attivare l'autotune e sistemare nota per nota no? (chiedo perchè ancora su questo argomento ho da apprendere tanto :rolleyes: )


      Gli intonatori nascono con questo intento: correggere note non perfettamente intonate.
      Perciò il primo utilizzo è stato quello che dici tu: una volta registrata la take, si correggeva ove ce ne fosse stato bisogno.

      Successivamente, però, qualcuno ha cominciato ad usare l'intonatore anche in altro modo: per forzare l'intonazione in modo che l'impatto fosse evidente con l'obiettivo di creare un effetto particolare.

      Con l'evolversi della tecnologia, l'intonazione artificiale è diventata possibile anche in real-time. C'è chi la usa dal vivo per sembrare più intonato, e c'è chi la usa per ricercare (come sopra) effetti particolari.

      Non dubito che ci sia anche chi apre un intonatore, lo setta su una determinata scala, e in questo modo cerca di "comporre" le proprie linee melodiche. Ma così facendo il rischio è diminuire in maniera drastica i possibili sviluppi melodici con il risultato che a (non tanto) lungo andare le melodie tenderanno ad essere molto simili tra loro, se non uguali.

      Lattugo ha scritto:

      nobady ha scritto:



      Per quanto riguarda il sentirlo sul beat infatti il processo corretto credo sia quello opposto, ovvero post-registrazione, attivare l'autotune e sistemare nota per nota no? (chiedo perchè ancora su questo argomento ho da apprendere tanto :rolleyes: )



      Non dubito che ci sia anche chi apre un intonatore, lo setta su una determinata scala, e in questo modo cerca di "comporre" le proprie linee melodiche. Ma così facendo il rischio è diminuire in maniera drastica i possibili sviluppi melodici con il risultato che a (non tanto) lungo andare le melodie tenderanno ad essere molto simili tra loro, se non uguali.


      Eccomi :D :D e grazie per le conferme/delucidazioni.
      Prossimo mese pubblico il primo disco dove ci sono solo due traccie con autotune, una suonata appunto in real-time provando a comporre le linee che più ci gustavano e l'altra molto più pulita e leggera, avevo inserito il pitch correction solo dopo la registrazione :thumbup:

      @mikyloop, poi vogliare sapere e sentire 8)
      Ciao,
      la discussione è interessante e capire come si possa raggiungere il risultato sia su tracce registrate che in tempo reale mi sembra utile.
      Tornando a me, ieri abbiamo registrato le voci, ma non ho avuto modo di provare perchè...perchè hanno cambiato idea! Vorrebbero solo una sovrapposizione di voci che si intrecciano fra di loro.
      Oggi non ho tempo, ma vorrei comunque provare a tirar fuori questo famoso effetto se non altro per curiosità.
      I consigli sono sempre i benvenuti, grazie a tutti.