CABLAGGIO E DELAY

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      gianvitor ha scritto:

      alefunk ha scritto:

      gianvitor ha scritto:

      alefunk ha scritto:

      Che?
      Per il buffer e campionamento.

      Inviato dal mio SM-N910F utilizzando Tapatalk


      ...

      apri asio e seleziona bit 24, buffer 128/256, frequnaza di campionamento la più alta...
      Non dovrei fare nulla sulla scheda audio della Pedaliera? Ho sentito che è possibile. Modificare anche da lì il buffer

      Inviato dal mio SM-N910F utilizzando Tapatalk



      io non ce 'ho la tua pedaliera.


      Lo so che si abbassa un po la latenza aumentando la frequenza di campionamento, c'è anche un calcolo matematico che lo spiega, ma se parliamo di 1 secondo di latenza il sample rate non c'entra niente. Hai variazioni di alcuni ms esempio da 6-7ms passi magari a 3-4 ma certamente non da 1 secondo a 10ms.
      Li il problema è nella configurazione del driver asio. Un buffer size di 256 sample è un po alto per registrare e soprattutto occhio se registri con boh in insert sul master un limiter maximizer o equalizzatori a fase lineare ecc ecc che possono avere latenze importanti.
      Come già consigliato si può utilizzare un mixer per sentire tutto a latenza zero ma poi se la daw ha latenza registri tutto in ritardo sentendo anche il click in ritardo poi devi riallineare tutto a mano, mi è già capitato e sto attento a non ripetere gli stessi errori. Se la latenza e di alcuni ms suonerai in ritardo di questi pochi ms e va bene, ma se hai 1 secondo questo è diverso. Logic ad esempio ha una funzione recording delay che ti permette di sistemare il tutto ma io non la uso nè ho mai provato ad utilizzarla onde evitare di fare pasticci.
      Sicuramente la bontà dei driver dell'interfaccia audio incidono non poco sulla latenza..

      SimoBarzo ha scritto:

      alefunk ha scritto:

      insomma il problema sta nella daw. Io cubase non ce l'ho per cui esco.

      ??? Aspetiamo che provi ad abbassaee il buffer poi ci dirà se va meglio o no


      se deve registrare è la compensazione audio del programma a dover agire, non deve abbassare la qualità delle registrazione perché è fuori tempo...

      il fatto è che registrare bene con questo pod non sembra facile.


      mark88 ha scritto:

      alefunk ha scritto:

      amico mio abbassa il bugffer, però se non hai un pc molto performante a un certo punto sentirai degli scricchiolii, perchè abbassandolo la scheda audio si appoggia sempre di più al pc per processare il segnale.

      solo se ci sono plugin in funzione. se c'è solo audio in/out impostare una latenza minima o massima non fa nessuna differenza.
      Perché?


      perchè il flusso audio è sempre lo stesso e dipende dal numero di canali della scheda. che tu chieda al computer di farlo passare (roundtrip latency) in 1ms o in 1ora richiede sempre lo stesso processing e lo stesso tempo perchè 1 ora di musica è sempre 1 ora di musica. non la ascolti in 2 ore se imposti un buffer più alto.


      se ci sono plugin in funzione, più alzi il buffer e più tempo dai al computer per processare quelle informazioni.

      mark88 ha scritto:

      perchè il flusso audio è sempre lo stesso e dipende dal numero di canali della scheda. che tu chieda al computer di farlo passare (roundtrip latency) in 1ms o in 1ora richiede sempre lo stesso processing e lo stesso tempo perchè 1 ora di musica è sempre 1 ora di musica. non la ascolti in 2 ore se imposti un buffer più alto.


      se ci sono plugin in funzione, più alzi il buffer e più tempo dai al computer per processare quelle informazioni.
      Quindi la soluzione non è abbassare il buffer?


      Off topic ma neanche troppo: il buffer è una memoria tampone temporanea che viene scritta e letta in continuazione. Il costo (in termini di potenza di calcolo) di trasferire le informazioni non è legato solo alla quantità di informazioni trasferite, ma anche alla dimensione del buffer. Più il buffer è piccolo e più frequenti devono essere le letture/scritture (perché vengono trasferiti meno dati alla volta). Ciascuna chiamata di lettura/scrittura ha un costo fisso oltre al costo dell'effettivo trasferimento dei dati, quindi più chiamate vengono fatte e più aumenta il carico di lavoro a parità di informazioni effettivamente trasferite.
      Questo a prescindere da qualsiasi altra operazione in corso sul computer (es: plugin che modificano il segnale in tempo reale).

      Se si riduce la dimensione del buffer, si riduce la latenza (perché le letture/scritture sono più frequenti) e si aumenta il costo in termini di calcolo. È fisiologico. Poi bisogna vedere quanto questo fenomeno effettivamente impatta sul computer in uso, in base alla potenza di calcolo disponibile. Magari risulta trascurabile, ma non vuol dire che non ci sia.

      La dimensione del buffer e la latenza non incidono sulla qualità, che resta invariata anche se il pc è sotto sforzo. Il pc non processa l'audio (a meno che non si decida esplicitamente di farlo, ad esempio usando degli effetti in una daw), si limita a trasferire dati. Quando l'audio scricchiola gracchia e saltella, vuol dire che il pc non ce la fa a stare dietro al ritmo di trasferimento richiesto (perché deve fare anche altro nel frattempo).


      Tornando in topic (e riassumendo quanto già scritto nella discussione), le soluzioni possibili sono sempre le stesse, cioè:
      1 - usare il direct monitoring della scheda audio (ovviamente questo esclude l'utilizzo di monitorare il segnale che si sta registrando passando anche per dei plugin)
      2 - abbassare la buffer size (se si vuole monitorare attraverso la daw, in genere per aggiungere degli effetti in tempo reale - ovviamente questo comporta che ci sia sempre un pochino di ritardo, anche con buffer size molto piccole)
      3 - alzare la frequenza di campionamento (perché, a parità di dimensione, il buffer si riempie prima e quindi va letto/scritto più frequentemente - anche se dal mio punto di vista la frequenza di campionamento andrebbe scelta sulla base di altri motivi, più che la latenza)
      4 - usare un sistema di monitoraggio esterno (ad esempio introducendo un piccolo mixer).

      Le strategie 2 e 3 possono essere usate insieme.

      Se la latenza è molto elevata (ad esempio 1 secondo), le cause tipicamente sono:
      - utilizzo di driver non specifici per le applicazioni musicali (in altre parole si devono usare i driver ASIO - e se non sono disponibili si può provare con Asio4All)
      - buffer size eccessivamente grande (che comporta latenze elevate, mentre magari sul carico di lavoro sono irrilevanti).
      - monitoraggio attraverso plugin che hanno latenza elevata (perché alcuni plugin, per fare quello che fanno, hanno bisogno di riempire un buffer interno, che comporta un certo ritardo).
      bye bye
      Esatto, e se il ts avesse difficoltà nella configurazione esatta del driver in cubase qui ci sono diversi utenti che utilizzano la daw di steinberg e che possono spiegare come farlo :)
      Tornando nel discorso secondo me il sample rate elevato non è sempre una buona soluzione in caso di schede audio di dubbia qualità. Alcune schede audio scarse ho notato che non lavorano benissimo a sample rate elevati (esempio il mixer alesis che ha mio amico batterista a 96k si pianta in continuazione mentre a 44.1 va perfetto e il mio pc è un i7 quad con 24gb di ram, idem la presonus firestudio project a 88.2-96 ha dato alcuni grattacapi che a 44.1-48 non dava, overload anomali in continuazione)
      E in ogni caso la latenza si riduce davvero di poco niente, incide molto di più la dimensione del buffer