Devo concepire una catena di plugs per il mastering, e avere una dritta sui compressori da auxbus, gentilmente un aiuto

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. Read and accept

      Sisi ma capisco, quando tutti fanno una cosa perche fa figo farla ma nonnsi sa neanche esattamente il perchè la si stia facendo! :D
      No madicevamo la stessa cosa sul compressore, io intendevo dire che spesso si pensa di usarlo per "sistemare" una traccia suonata maluccio con dinamica altalenante ecc quando invece per quello esiste la regolazione del volume (che non influisce sul suono) e si ottiene un suono totalmente diverso da quello di partenza. Invece il compressore è soprattutto un colore che dai al suono, dalle compressioni "invisibili" fatte bene che lasciano il suono ancora trasparente fino a quelle molto aggressive che danno una forte colorazione.
      Cmq ti quoto sull'eq e sull'essere sfigati a non possedere certe stanze e certe attrezzature con le quali sarebbe molto più facile partire a fare un mix (grazie a tracce di partenza che suonano gia di brutto) e farlo bene, quando nei nostri casi l'80% del lavoro è rendere decenti le tracce disastrose e il restante 20% farne il mix.
      Tutto ciò si traduce in una perdita di tempo colossale e un lavoro che si poteva finire in 2-3 giorni te lo porti dietro una settimana
      Io alla fine il comp lo uso più che altro per portare un po' più le cose in face che per livellare la dinamica.
      Per livellare la dinamica uso le automazioni ma solo quando qualcosa è di molto fuori.
      Sinceramente non ho né l'orecchio (o la stanza, chissà) per intervenire chirurgicamente sul livellamento della dinamica.
      E tutto sommato se c'è qualche sbalzo non me ne preoccupo molto. Mi piace anche così.
      Anche perché non so mai dove mettere bene le mani con le automazioni :(
      Il compressore comprime
      Ovvero schiacciando le dinamiche non solo livella ciò che ha piu volume ma porta a livelli di volume piu alti ciò che di volume ne aveva meno.
      Se ci si prefigge di livellare soltanto i picchi consiglio un Limiter-Peak Limiter
      Ciao
      Premi Indovina
      Per chi fosse interessato qui (link) la spiegazione di come rendere qualsiasi tipologia di plugin stereo un dual-mono nell' Harrison Mixbus, la sezione "pin connections" la conoscevo, ma evidentemente sbagliavo qualcosa, Quindi è possibile sbizzarrirsi nel "dual-monoizzare" qualsiasi cosa in modo semplicissimo.

      Continuando, premetto che non ho niente a che fare con la DMG (ricordo che molti anni fa si insinuavano troppo spesso dietrologie se si parlava bene di quel prodotto o di quell' altro, spero siano cambiate le cose, quindi comunque premessa da fare), voglio solo esprimervi ciò che ho verificato con mano e orecchie.

      Quindi, se uno dei miei problemi del post iniziale era "l' eq anche per il boosting", analizzando in questi giorni a fondo il DMG Equilibrium ho imparato a boostare in scioltezza anche con un equalizzatore con gui moderna. Perché? Perché semplicemente mi permette per esempio di ricreare facilmente il boosting e il cutting contemporanei negli shelving tipico del Pultec che è sempre stata la mia base di partenza in mixing per poi via via creare una curva di equalizzazione sempre più complessa e differente con l' aggiunta di altri eq: con l' Equilibrium lo posso fare con una sola istanza, o massimo con due per non confondere troppo la rappresentazione grafica della curva risultante, in virtù delle più di 30 bande disponibili (tutte settabili singolarmente o come replica di qualcosa di analogico e conosciuto, o come pure digital, o come chi sa cosa)... Ma permettesse solo questo! Qui (link), nella sezione "EQ Curves" avete la possibilità di capire quante curve tipiche dei più famosi equalizzatori analogici storici si hanno a disposizione! Ora la domanda che potrebbe assillare molti è: replica bene? La mia risposta è ad alta voce: MAI SENTITO NIENTE DEL GENERE ITB! Mi ero innamorato da lontano di questo equalizzatore qualche tempo fa in uno studio di mastering dove si fece un confronto A/B (fatto bene) tra l' equalizzazione di una macchina da mastering (mi sembra un GML 9500) e la medesima sul DMG Equilibrium e... Non potevamo crederci: il plugin suonava alla grande, non uguale, ma alla grande, il feeling era analogico ma con l' aggiunta di tutto ciò che di buono c' è nel digitale (non ho detto che suonava meglio del GML, sia chiaro, si comprendano i due differenti ambiti prima di aprire la bocca :) ...): ProQ2, Ozone, UAD annientati (per le nostre orecchie si intende). Ma finì lì per me. In questi giorni ho scoperto che anche in mixing sarà la mia prima ed unica scelta ormai, non solo perché posso equalizzare in qualsiasi modo possibile ed immaginabile partendo da qualsiasi curva con cui voglia iniziare, ma anche perché una volta definita l' intera equalizzazione posso andare nel setup e provare le varie combinazioni della sezione "DSP" e "DSP Render" che rendono il suono migliore e non di poco (aumentando la precisione dei calcoli, interpolazioni e molto altro!). Dopo varie prove su un kick in "DSP" preferisco "Processing Mode: FIR", "Phase: Free", "Impulse Lenght" e "Impulse Padding" entrambi al massimo e poi scegliere tra le 16 possibilità del "Window Shape", in questo caso in base al segnale, dato che facendo prove veloci anche su altri strumenti, mi sono accorto che alcune rendono meglio sulle basse frequenze, altre sulle medie, altre sulle alte e così via. Contemporaneamente in "DSP Render" preferisco "Processing Mode: IIR", "Digital + Compensation: 512", e "Digital + Phase: On". Fatto tutto ciò una sola istanza inizia a pesare un po' sulla cpu (rispetto alle impostazioni standard) ma si ha un suono perfetto, mai sentito nulla di simile sinceramente: renderizzo ed ho esattamente la traccia come avrei voluto che me la mandassero dallo studio di registrazione. Lo faccio per tutte le tracce e quindi posso iniziare il mix normale con una serenità unica, in quanto con questo primario passaggio il risultato finale, con pochissima fatica (dopo questi preventivi modellamenti del suono si può andare molto più sciolti e a feeling ;) ) diventa sicuro anche se ti hanno mandato tracce spaventosamente brutte. Unico limite: non mi pare possa essere dinamico, quindi equalizzo tutto nell' Equilibrium, replico le bande che già so volere dinamiche in un successivo eq appositamente concepito, le disattivo sull' Equilibrium e festa fatta.

      Vi ho scritto tutto questo perché sono convinto che se ci prendete la mano questo pluggo vi farà fare un salto di qualità notevolissimo senza dover passare le ore a leggere o a discutere se suona meglio l' emulazione tal dei tali della Waves, o di UAD, o di Nebula. Gli ultimi due marchi suonano effettivamente molto bene, ma servono diverse tipologie dei loro eq, quindi mooooolti più soldi, per raggiungere ciò che il solo Equilibrium offre in ambito eq, rendendo il tutto più dispersivo in ogni senso, e, sinceramente, se si impara a regolare bene le sezione "DSP" e "DSP Render" l' Equilibrium suona meglio - sì, l' ho detto, suona decisamente meglio PER ME, spero che qualcuno non si arrabbi troppo, non è questo l' intento ovviamente, è dare il mio feedback esclusivamente per quel che può valere).

      "E' ma il colore caratteristico di quello o di quell' altro equalizzatore analogico, la saturazione, ecc!!!" => Farei rispondere direttamente lo sviluppatore del DMG Equilibrium:

      "These are EQs, which have for the past 40 years been designed with the
      primary goal of minimising harmonic distortion. Design intent with an EQ
      is ALWAYS linearity first and foremost. EQs are sold with their low
      THD+N figures displayed prominently. Only notable exception is the Pultec,
      which you /can/ drive a little, but the Pultec amplifier (it's a passive unit with a post-amp)
      is entirely AFTER the EQ circuitry, so you can follow EQuilibrium with a distortion
      if that gets you in the pocket, without any loss of accuracy."

      Quindi insomma, potete mettere un saturatore di livello dopo e siete più che a posto. In verità, secondo me il vero valore aggiunto di questo Eq è il suo potere di farti creare un suono da capo, anche partendo da un suono orribile, con una qualità che non ho ancora sentito in nessun altro plug-in e quindi anche per i più usuali interventi correttivi, che comunque sempre si fanno, si comporta egregiamente. Io renderizzo il lavoro fatto sull' Equilibrium e poi inizio a mixare sicuro di avere tracce di partenza "ottimamente registrate": a quel punto riprendo in mano, se ne sento la necessità, tutti gli Eq UAD (quando posso, perché a casa non li ho), tutti gli Eq Acustica Audio - pochi - che ho (ma che suonano ottimamente e che preferisco agli UAD se si rimane negli equalizzatori: medesima e/o superiore qualità a seconda dei casi, prezzo complessivo più basso: sempre mia personalissima opinione), ma anche i Waves. Ci mancherebbe, una cosa non esclude l' altra, anche se devo ammettere che dopo il passaggio sul DMG, ciò che poi davvero mi serve sono le armoniche, le saturazioni (una eccellente me la dà già l' Harrison...), le compressioni, le non-linearità, quindi tutt' altri plug-in...

      Spero di non aver innervosito nessuno, è solo una opinione tra le tante! E' la sezione dedicata ai plug-in, ho parlato di plug-in, di uno che mi ha colpito in particolar modo... E che sarà mai! Anzi dovrebbe essere vista come cosa utile ;)

      Il messaggio è stato modificata 9 volte, ultima modifica da “H-Music” ().