Vst di Batteria

    This site uses cookies. By continuing to browse this site, you are agreeing to our use of cookies. More details

      Vst di Batteria

      Salve a tutti, vorrei chiedervi qualè ad oggi il miglior software per triggerare una batteria registrata in studio, per numero di suoni e in generale sulla precisione sui transienti, tra addictive drums EZDRUMMER Steven slate drums drumagog o se ne conoscete altri, e se ne conoscete di gratuiti, grazie in anticipo


      Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
      Io uso da tanti anni Drumagog,
      ma se vuoi più precisione secondo me è eccellente quello di Massey, DRT, 99$
      ottimo anche APTRIGGA, 69$

      Io credo di averli provati quasi tutti, questi sono quelli che preferisco.

      Spero di essere stato utile.

      :) Teetoleevio
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !

      Vst di Batteria

      teetoleevio wrote:

      Io uso da tanti anni Drumagog,
      ma se vuoi più precisione secondo me è eccellente quello di Massey, DRT, 99$
      ottimo anche APTRIGGA, 69$

      Io credo di averli provati quasi tutti, questi sono quelli che preferisco.

      Spero di essere stato utile.

      :) Teetoleevio


      Si ma per me è molto importante che abbiano una libreria di suoni grande, come addictive o Steven slate


      Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
      Beh, no.
      Io ti ho indicato i migliori trigger.
      Di quelli indicati solo Drumagog ha suoni interni, ma legge di tutto.
      Idem gli altri due: ti caricano i campioni, qualsiasi campioni, ma non hanno librerie proprietarie.
      In più mettono i midi, da cui puoi usare poi anche qualsiasi vst di batteria, tipo BFD e Battery, che pur essendo old school sono i suoni che preferisco perchè meno finiti e soprattutto meno processati.

      Opinioni personali, ovviamente :)

      8) Teetoleevio
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !

      Vst di Batteria

      teetoleevio wrote:

      Beh, no.
      Io ti ho indicato i migliori trigger.
      Di quelli indicati solo Drumagog ha suoni interni, ma legge di tutto.
      Idem gli altri due: ti caricano i campioni, qualsiasi campioni, ma non hanno librerie proprietarie.
      In più mettono i midi, da cui puoi usare poi anche qualsiasi vst di batteria, tipo BFD e Battery, che pur essendo old school sono i suoni che preferisco perchè meno finiti e soprattutto meno processati.

      Opinioni personali, ovviamente :)

      8) Teetoleevio


      Aspetta io non ho capito bene allora la differenza tra vst di batteria e trigger...io generalmente quando triggero una traccia ad esempio di rullante, rilevo i transienti, imposto una soglia, creo una traccia instrument e copio la traccia audio di rullante sulla traccia instrument, dopodiché assegno alla traccia midi la nota D1 (cioè re 1) e metto come output EZDRUMMER, ed a questo punto il gioco è fatto. Tutto questo dopo avere registrato la batteria ovviamente. I trigger come funzionano invece? Tipo drumagog aptrigga o drt ecc.


      Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
      Perfetto. Un trigger si comporta esattamente come hai detto.
      Pensavo ti riferissi esclusivamente a trigger dotati anche di motore audio con libreria propria.

      8) T
      Produrre o mixare un brano in una stanza non trattata acusticamente equivale a correre di notte in autostrada a fari spenti: non vedi un razzo. :D
      Non è colpa tua, è che semplicemente non senti bene quello che stai facendo, anche se hai 10 Distressor. TRATTA LA TUA STANZA ! Dai retta a zio Teeto !

      Vst di Batteria

      teetoleevio wrote:

      Perfetto. Un trigger si comporta esattamente come hai detto.
      Pensavo ti riferissi esclusivamente a trigger dotati anche di motore audio con libreria propria.

      8) T


      Aspetta, non ho capito...allora a cosa serve un trigger come quelli citati da te? O meglio, perché dovrei acquistarlo se questi procedimenti li posso fare io? A me interessa avere la libreria di suoni...


      Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
      Se già usi EZDrummer dovresti valutare la possibilità di acquistare Superior Drummer 3.
      Le librerie che già hai sono quindi compatibili ed in più puoi acquistare una vasta gamma di librerie extra.
      =O Per poter valutare la tua forza e quella di chi ti stà di fronte devi prima imparare a capire ed accettare le tue debolezze 8)

      Vst di Batteria

      TheDoctor20000 wrote:

      teetoleevio wrote:

      Perfetto. Un trigger si comporta esattamente come hai detto.
      Pensavo ti riferissi esclusivamente a trigger dotati anche di motore audio con libreria propria.

      8) T


      Aspetta, non ho capito...allora a cosa serve un trigger come quelli citati da te? O meglio, perché dovrei acquistarlo se questi procedimenti li posso fare io? A me interessa avere la libreria di suoni...


      Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk


      Qualcuno può rispondermi a questa domanda?


      Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

      TheDoctor20000 wrote:

      </p>

      Aspetta io non ho capito bene allora la differenza tra vst di batteria e trigger...io generalmente quando triggero una traccia ad esempio di rullante, rilevo i transienti, imposto una soglia, creo una traccia instrument e copio la traccia audio di rullante sulla traccia instrument, dopodiché assegno alla traccia midi la nota D1 (cioè re 1) e metto come output EZDRUMMER, ed questo punto il gioco è fatto. Tutto questo dopo avere registrato la batteria ovviamente. I trigger come funzionano invece? Tipo drumagog aptrigga o drt ecc.


      Il plugin di trigger fa il lavoro in maniera più efficace e sofisticata. Ad esempio ti consente di filtrare le frequenze da captare, impostare la gestione/risposta della velocity, selezionare/pilotare il campione da suonare, editarlo eccetera.

      Per mia esperienza, comunque, la cosa migliore è sempre gestire il triggering in due fasi: in primis registro la traccia generata da Drumagog, poi la edito ove necessario.

      Vst di Batteria

      Lattugo wrote:

      TheDoctor20000 wrote:

      </p>

      Aspetta io non ho capito bene allora la differenza tra vst di batteria e trigger...io generalmente quando triggero una traccia ad esempio di rullante, rilevo i transienti, imposto una soglia, creo una traccia instrument e copio la traccia audio di rullante sulla traccia instrument, dopodiché assegno alla traccia midi la nota D1 (cioè re 1) e metto come output EZDRUMMER, ed questo punto il gioco è fatto. Tutto questo dopo avere registrato la batteria ovviamente. I trigger come funzionano invece? Tipo drumagog aptrigga o drt ecc.


      Il plugin di trigger fa il lavoro in maniera più efficace e sofisticata. Ad esempio ti consente di filtrare le frequenze da captare, impostare la gestione/risposta della velocity, selezionare/pilotare il campione da suonare, editarlo eccetera.

      Per mia esperienza, comunque, la cosa migliore è sempre gestire il triggering in due fasi: in primis registro la traccia generata da Drumagog, poi la edito ove necessario.



      Tu pensi che ne vale la pena acquistare un trigger? O non è indispensabile? Io personalmente mi sono trovato bene fin’ora senza trigger, cioè facendolo io manualmente il lavoro di rilevamento transienti, impostazione soglia, ecc., altra domanda: come faccio a sapere se una libreria di suoni è compatibile con quel trigger? Esempio: io uso addictive drums, e facciamo finta drumagog come trigger, addictive deve prima passare da drumagog (suppongo, giusto?), come faccio a sapere se addictive è compatibile con drumagog?


      Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

      TheDoctor20000 wrote:


      Tu pensi che ne vale la pena acquistare un trigger? O non è indispensabile? Io personalmente mi sono trovato bene fin’ora senza trigger, cioè facendolo io manualmente il lavoro di rilevamento transienti, impostazione soglia, ecc., altra domanda: come faccio a sapere se una libreria di suoni è compatibile con quel trigger? Esempio: io uso addictive drums, e facciamo finta drumagog come trigger, addictive deve prima passare da drumagog (suppongo, giusto?), come faccio a sapere se addictive è compatibile con drumagog?


      Ti premetto che io non sono un fan del triggering, e se posso evito di farlo, ma ci sono situazioni in cui devi colmare delle carenze nella ripresa di partenza, o alcuni generi in cui (purtroppo) si triggera per partito preso pensando che così la batteria suoni meglio.... :wacko:

      Detto questo, se uno è costretto a triggerare un buon plugin dedicato (io conosco Drumagog) semplifica la vita di parecchio, e consente una gestione più sofisticata del risultato finale.

      Per quanto riguarda la compatibilità, parlando di Drumagog, lui digerisce qualsiasi campione gli venga mappato nell'interfaccia. Io l'ho usato spesso per riparare delle riprese non eccellenti che mi arrivavano da fuori con dei campioni di qualche sessione ripresa precedentemente nel mio studio.

      Tipico esempio: ti arriva una batteria con un suono di cassa non convincente: applichi drumagog sul canale della cassa, selezioni il tuo campione con cui vuoi integrare o sostituire i colpi di cassa originali, e lo editi al momento (puoi cambiare il pitch, modificare la curva di risposta, eccetera).

      In pochi minuti già puoi verificare se il nuovo suono funziona, se ha bisogno di trattamento e di che tipo, puoi capire se riuscirai ad ottenere una batteria plausibile. Poi quasi sempre c'è bisogno di rifinire editando, ma intanto il plug ti ha semplificato la vita di un bel po'.

      Vst di Batteria

      Lattugo wrote:

      TheDoctor20000 wrote:


      Tu pensi che ne vale la pena acquistare un trigger? O non è indispensabile? Io personalmente mi sono trovato bene fin’ora senza trigger, cioè facendolo io manualmente il lavoro di rilevamento transienti, impostazione soglia, ecc., altra domanda: come faccio a sapere se una libreria di suoni è compatibile con quel trigger? Esempio: io uso addictive drums, e facciamo finta drumagog come trigger, addictive deve prima passare da drumagog (suppongo, giusto?), come faccio a sapere se addictive è compatibile con drumagog?


      Ti premetto che io non sono un fan del triggering, e se posso evito di farlo, ma ci sono situazioni in cui devi colmare delle carenze nella ripresa di partenza, o alcuni generi in cui (purtroppo) si triggera per partito preso pensando che così la batteria suoni meglio.... :wacko:

      Detto questo, se uno è costretto a triggerare un buon plugin dedicato (io conosco Drumagog) semplifica la vita di parecchio, e consente una gestione più sofisticata del risultato finale.

      Per quanto riguarda la compatibilità, parlando di Drumagog, lui digerisce qualsiasi campione gli venga mappato nell'interfaccia. Io l'ho usato spesso per riparare delle riprese non eccellenti che mi arrivavano da fuori con dei campioni di qualche sessione ripresa precedentemente nel mio studio.

      Tipico esempio: ti arriva una batteria con un suono di cassa non convincente: applichi drumagog sul canale della cassa, selezioni il tuo campione con cui vuoi integrare o sostituire i colpi di cassa originali, e lo editi al momento (puoi cambiare il pitch, modificare la curva di risposta, eccetera).

      In pochi minuti già puoi verificare se il nuovo suono funziona, se ha bisogno di trattamento e di che tipo, puoi capire se riuscirai ad ottenere una batteria plausibile. Poi quasi sempre c'è bisogno di rifinire editando, ma intanto il plug ti ha semplificato la vita di un bel po'.


      Ok grazie mille mi hai chiarito le idee! Quindi mi confermi che con drumagog qualsiasi campione va bene? E che formato deve essere il campione?


      Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

      Vst di Batteria

      Lattugo wrote:

      TheDoctor20000 wrote:


      Tu pensi che ne vale la pena acquistare un trigger? O non è indispensabile? Io personalmente mi sono trovato bene fin’ora senza trigger, cioè facendolo io manualmente il lavoro di rilevamento transienti, impostazione soglia, ecc., altra domanda: come faccio a sapere se una libreria di suoni è compatibile con quel trigger? Esempio: io uso addictive drums, e facciamo finta drumagog come trigger, addictive deve prima passare da drumagog (suppongo, giusto?), come faccio a sapere se addictive è compatibile con drumagog?


      Ti premetto che io non sono un fan del triggering, e se posso evito di farlo, ma ci sono situazioni in cui devi colmare delle carenze nella ripresa di partenza, o alcuni generi in cui (purtroppo) si triggera per partito preso pensando che così la batteria suoni meglio.... :wacko:


      Ed ecco Lattugo che riscrive la storia degli ultimi 40 anni di mix rock, pop e metal :D

      I forum sono sempre più belli
      Giampiero Ulacco
      Producer - Engineer


      Personal WebSite

      Hologram Studios